Roma 22 Maggio 2018 CorSera.it  

Il governo dei Cercopitechi, tra Movimento Cinque Stelle e Lega, già potremmo soprannominarlo dei "cazzari " d'Italia, con a capo un nuovo arguto Premier tal Professor Giuseppe Conte, che nel corso della giornata ha ricevuto l'OSCAR del più grosso fanfarone d' Italia. Il governo gialloverde, non è ancora partito e già la sua popolarità si copre di ridicolo a livello planetario.  Non sappiamo bene chi tra Luigi Di Maio , Matteo Salvini e il professor Giuseppe Conte,  le spara più grosse. Credetemi mi vengono le lacrime agli occhi e desidererei tanto che Maurzio Crozza ci deliziasse di una puntata speciale del suo esilarante show Fratelli di Crozza. 

Professor Giuseppe Conte un altro cazzaro da Oscar alla Giannino. Ahahahahahahhah non vedevamo l'ora di riempire le nostre orecchie con queste stroardinarie notizie sui pallonari d'Italia, il professore di diritto privato Giuseppe Oscar Giannino Conte, specializzato in diritto internazionale niente di meno che alla New York Univbersity. Si copre di ridicolo un altro pallone gonfiato da curriculum, nel palcoscenico dei barzellettieri d'Italia e noi riprendiamo a ridere a crepapelle ....

Governo dei Cercopitechi Lega Movimento Cinque Stelle. Sono soltanto indiscerezioni , quelle che circolano sulla notizia che il professor Giuseppe Conte, sarebbe stato indicato dai leaders populisti, quale papabili ad assurgere alla carica di Presidente del Consiglio. Il New York Times solleva dubbi sul curriculum di Giuseppe Conte, il professore indicato come premier da M5s e Lega al presidente della Repubblica Sergio Mattarella (LA DIRETTA). "Una persona con questo nome non risulta nei nostri archivi, né come studente né come membro di facoltà" ha detto infatti una portavoce dell'Università di New York interpellata dal quotidiano americano. Il M5s replica con una nota: "Conte non ha mai citato nel suo curriculum corsi o master, ma ha scritto con chiarezza che alla New York University ha perfezionato e aggiornato i suoi studi". L’agenzia Adnkronos, intanto, è entrata in possesso di uno scambio di mail tra Conte e un docente della NYU che proverebbe il soggiorno studio del premier designato nell’ateneo statunitense. Intanto, da un articolo del Manifesto emergono dubbi su un'altra tappa della carriera di Conte:nel 2013 difese legalmente una famiglia per ottenere che la figlia fosse curata con il metodo Stamina, mai validato dalla comunità scientifica e oggetto di inchieste della magistratura. In serata, infine, arriva un'altra rivelazione su Conte: secondo quanto riportato da L'Espresso, infatti, il professore nel 2009 avrebbe ricevuto una sanzione da Equitalia.

Roma 20 Maggio 2018 CorSera due chiacchiere con il direttore dr. Matteo Corsini

"Sarà dunque Luigi Di Maio il nuovo Presidente del Consiglio? "

" Come sa , non mi è stato difficile, primo in Italia, preconizzare che avremmo assistito alla nascita di un governo Lega Movimento Cinque Stelle. Per un motivo molto semplice, entrambi gli schieramenti godono degli allori della vittoria e vogliono espandersi, questo accadrà a scapito di Forza Italia e del Partito democratico, e sulle spoglie del cadavere politico di Silvio Berlusconi . "

"Secondo lei perchè Luigi Di Maio riuscirà a spuntarla con Matteo Salvini ? "

" Luigi Di Maio ha dimostrato di essere un politico molto gentile, disponibile, ma anche molto fermo nelle sue posizioni , molto più di Salvini, che caratterialmente tentenna , fa avanti e indietro , come Ulisse, per non cadere nelle adulazioni, deve farsi imbrigliare. Credo che da questa tornata elettorale sia uscito un fuoriclasse della politica italiana, uno che in destrezza e astuzia ha divorato il nonno Silvio Berlusconi. E poi dietro c'e' Beppe Grillo, che dopo venti anni , forse consumerà la sua vendetta all'interno della Rai , presentandosi al prossimo consiglio di amministrazonie da padrone del vapore. " " In Italia stanno per cambiare molte cose e la prima che si trasformerà radicalmente sarà il settore bancario e quello televisivo. "
 

"In che senso scusi? "

" I nuovi padroni dell'Italia , metteranno le mani su MPS e poi su una delle concessioni televisive del Cavaliere , scrivendo la parola fine del Partito Democratico e di Silvio Berlusconi. Nessuno fermerà i due leaders e Matteo Salvini,nell'esercizio delle sue funzioni in qualità di  ministro degli interni, farà lievitare il suo consenso elettorale ben oltre il 30% " .

" Dunque secondo lei c'e'un accordo tra i due ? "

"Certo. Prima salirà Luigi Di Maio a Palazzo Chigi, e dopo le europee, se Matteo Salvini dovesse prendere più voti dei Cinque Stelle, si farà un rimpasto di Governo e  il leader della Lega entrerà trionfante come un imperatore romano, alla  Presidenza del Consiglio . "

"Le paure di Silvio Berlusconi sul nuovo potenziale asse Movimento Cinque Stelle Lega , secondo lei , sono dunque fondate? "

"Beh, se non lo avete ancora capito, che questi due giovani  leaders rappresentano l'intera Italia, uno al Nord e uno al Sud , e che insieme hanno saldato una rinnovata unità nazionale, sotto i migliori auspici, con un programma politico di grande speranza per gli italiani e questo  vuol dire che possono fare e disfare qualsiasi cosa, anche prendere a randellate il Presidente della Repubblica. " 

 



hepa filter air purifier Leggi la notizia

Roma 17 Maggio 2018 CorSera.it  Copyright All rights reserved diritti riservati 2018 by Michele Micci redazione romana parlamento edizione delle ore 02.30 

Abolire il proibizionsimo europeo, sarà per gli italiani come vincere il campionato del mondo di calcio. Nelle ultime ore in Italia si respira profumo di ottimismo, eccitazione per un momento storico che si avvicina, quello dell'abolizionie del proibizionismo , un lunghissimo periodo che ha spinto l'Italia nel baratro della crisi economica senza soluzione di continuità. L' Europa avverte il pericolo di questo pericoloso movimento tellurico, che potrebbe spingere i paesi forti, come Germania e Francia, a rivedere l'impianto stesso degli accordi che regolano l'Unione europea, sopratutto i vincoli di bilancio, e la moneta unica, vera grande jattura per il nostro paese.Se il governo Lega Movimento Cinque Stelle si farà, gli italiani scenderanno in piazza spontaneamente per festeggiare e brindare a questa nuova epoca, felici, come lo si può essere per la vittoria in un campionato nel mondo di calcio o per la liberazione del nostro paese. Un governo costituito da battaglioni di alpini e da partigiani dell'ultima ora, nordisti e sudisti, montanari e meridionali. Un vero patto d'acciaio nazionalista, che scenderà in campo con tutta la forza e l' energia necessarie per trattare con Bruxelles, e imporre una svolta alla gestione dell'Unione europea. L'auspicio per tutti, è che dopo questa rivoluzione politica tutta italiana, scendano al nostro fianco anche gli altri paesi europei che intendano portare avanti una radicale revisione dei trattati e puntare ad una rivalutazione della moneta unica.

 



hepa filter air purifier Leggi la notizia

Milano 12 Maggio 2018 CorSera Copyright 2018 All rights reserved 2018 Le anticipazioni di Fratelli di Crozza venerdì 18 Aprile ultima puntata.

Siamo in grado di anticparvi la prossima puntata di Fratelli di Crozza , con l'attore comico genovese nei panni di un Luigi di Maio versione Cercopiteco giallo verde, alla scoperta dell'origine della sua specie nella ricerca del fratello da cui si separò fin dalla nascita. Insieme scopriremo tutti i segreti del linguaggio segreto del Movimento Cinque Stelle , chi sono i veri protagonisti e le parole chiave che usano più frequentemente per comunicare fra di loro. Ogni scoperta è come potrete leggere rigorosamente scientifica.Leggete e cominciate a ridere. (CorSera numero di redazione 335291766 invia il tuo sms)

Le nostre strade si sono divise, nel corso dell’evoluzione, circa 30 milioni di anni fa. Da allora tra uomo e cercopiteco di Campbell (Cercopithecus campbelli campbelli), una scimmietta arboricola dell’Africa Occidentale, vige l’incomprensione più totale. Noi rinchiusi nelle rigide leggi della sintassi umana, loro, i primati, in indecifrabili vocalizzi scimmieschi. Ma forse le cose stanno cambiando: un team internazionale di scienziati è infatti recentemente riuscito a "tradurre" alcuni dei versi di questi nostri lontani "cugini". Scoprendo uno dei più complessi esempi di linguaggio non umano mai conosciuti finora.



hepa filter air purifier Leggi la notizia

Milano 12 Maggio 2018 CorSera Copyright 2018

 Il governo in embrione dei Cercopitechi gialloverdi (Chlorocebus sabaeus) e il ritorno di Silvio Berlusconi. Adesso l'ex Cavaliere di Arcore potrebbe togliersi lo sfizio di fare il culo a strisce al venditore di gazzose e buttare all'aria il governicchio del Cercopiteco di Pomigliano d'arco. E credo che in fondo in fondo lo farà. 

Il governo dei Cercopitechi non è ancora nato, ma Silvio Berlusconi è riapparso da primo attore nel palcoscenico della politica. Strano, mi dico, che la magistratura abbia effettuato l'abluzione tanto attesa e proprio in questo momento. Silvio Berlusconi era perfino riuscito nell'impresa di realizzare un' intera campagna elettorale da incandidabile, una finzione giuridica e un colpo di teatro, come quando è apparso difronte al Capo dello Stato, un attonito Sergio Mattarella, adagiato sul divano presidenziale, nel corso delle consuete consultazioni.

Ma da oggi , l'immortale Silvio Berlusconi è tornato, davvero ricomparso a pieno diritto nell'agone politico e questo potrebbe sparigliare le carte sul tavolo verde del governo in embrione dei cercopitechi gialloverdi. Per Luigi Di Maio , adesso sarà più complicato liberarsi del  leader di Forza Italia, che già da domani mattina, potrebbe risucchiare Matteo Salvini nella pazza idea di tornare alle elezioni , per riuscire a prendere la maggioranza con un centro destra ricompattato dietro al suo leader carismatico. Oppure giocare di sponda, lasciare che i cercopitechi facciano il loro gioco, in attesa del momento propizio per sferrare il colpo ferale. Il tandem Berlusconi Renzi cova a pieno regime sotto le ceneri e la riabilitazione non è altro che la prova della fusione degli interessi tra Forza Italia e Partito Democratico.

 



hepa filter air purifier Leggi la notizia

Terrore a Parigi dove un uomo armato di coltello ha ucciso un passante e ne ha feriti altri otto prima di essere ucciso dalla polizia. È successo in rue Monsigny e rue Saint-Augustin, nella zona dell'Opera, nel secondo Arrondissement. 



Leggi la notizia

È tornato il terrore a Parigi, in pieno centro, a due passi dal teatro dell'Opera: un uomo, gridando «Allah akbar!» ha accoltellato i passanti di una via piena di gente al sabato sera, per una serata di primavera. La polizia ha reagito in pochi secondi, abbattendo l'assalitore. Uno dei 4 feriti, alcuni dei quali versano in gravi condizioni, sarebbe morto.
 



Leggi la notizia

Milano 11 Maggio 2018 CorSera Stroria di un procuratore e di un presidente citrullo.

Lo scandalo della finale di Coppa Italia è una delle più brutte pagine nella storia calcistica dei rossoneri. Una partita combattuta con il coltello tra i denti per 55 minuti e poi regalata alla Juventus, per via di due papere incomprensibili di Gigio Donnarumma, la più grande sola rifilata al Milan da parte del procuratore Raiola. Uno scandalo che grida vendetta, perchè Gigio Donnarumma voleva andarsene ( almeno sostiene Raiola ) e per tenerlo in squadra il Milan ha dovuto alzare la posta. Nessuno mi toglie dalla testa che questo Marco Fassone di giocatori non capisce proprio nulla. 

Adesso Gigio Donnarumma, dopo le due papere nella finale di Coppa Italia,  non vale più niente , perchè impossibile pensare che altre squadre, di caratura europea, possano affidare le proprie sorti  ad un portiere che soffre di amnesie. Ma Raiola , quel vecchio furbacchione, cercherà di rivenderlo allo stesso Milan, perchè l'offerta del leggnedario PSG è una barzelletta. Se qualcuno ti considera un portierone e prendi due cilecche stellari come quelle della finale di Coppa Italia, c'e' qulacosa che non funziona e forse sono le stronzate di Raiola, che ha riempito di milioni di euro le tasche di questo borgataro del pallone. Non si può perdere una finale di Coppa Italia in questa maniera. Marco Fassone e Mirabelli dovrebbero dimettersi e andarsene in serie C , luogo per riprendere le loro relazioni con Raiola & Company. Rino Gattuso potrà rifondare la squadra, che ha saputo rimettere in equilibrio, ma cacciate Raiola da San Siro e dintorni. Non ne voglio più sentir parlare.

Massimo Micheli Il Milanista da Sempre.



Leggi la notizia

Roma 10 Maggio 2018 CorSera Copyright by Carlo Sacco il Milanista

Oggi mi domando chi ha intrallazzato con Rayola per chiudere un contratto da 12 milioni di euro annui tra Milan e Donnarumma. Marco Fassone dovrebbe andarsene e dimettersi. 

La finale di Coppa Italia tra Milan e Juventus è stata fuorviata da due papere clamorose di Gigione Donnarumma. Uno scandalo che grida vendetta, anche per l'ingaggio straordinario conseguito dopo un lungo braccio di ferro con la società. Soldi che ingrassano i fratelli Donnarumma e il procuratore Rayola, che vive a Montecarlo, mentre i tifosi milanisti, oggi hanno provato una cocente umiliazione.Questo non è il calcio, ma una presa in giro. Affrontare la più importante squadra italiana, con un portiere a spasso tra i campi di grano non era esattamente qujello che ci si aspettava.Questa è l'ennesima sola di Rayola rifilata alla società Milan. Non capisco come ancora qualcuno dia retta a questo gigionesco procuratore di calcio. Bah.

 Gigione Donnarumma deve fare i bagagli e guai a chi lo prenderà in nazionale. Questo non è un poritere ma un papero distratto , riempito di soldi , con cui forse ha perso la testa. Si vergognasse e per sdebitarsi, offra una pizza ai 45 mila tifosi del Milan pervenuti all'olimpico di Roma. Si inginocchiasse e sparisse dalla circolazione per un lungo periodo di tempo. 

Rino gattuso l'avrebbe voluto mangiare, lui e il fratello, tutti e due insieme , i bamboccioni del Milan strapagati dalla società per consegnare la Coppa Italia nelle mani di una Juventus fortunata. ha ragione Rino gattuso, quando a fine partita , difronte alle telecamere, ha chiaramente detto che " per 55/60 minuti la Juventus non ci ha mai impensierito, poi siamo stati puniti ma si poteva ancora recuperare..."

Dopo la torsione vincente di Benatia 



Leggi la notizia

Roma 9 Maggio 2018 CorSera 

Pochi lo scrivono o lo dicono, ma la guerra politica all'interno del centrodestra, tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, ha una solo scopo, ovvero quello di salvare Mediaset dal default annunciato. Mediaset non ce la fa a reggere i costi di produzione, ad essere competitiva con i suoi agguerriti concorrenti,  non produce più reddito, nel corso degli ultimi due anni ha perduto oltre 300 milioni di euro, il suo indebitamento di oltre 1.7 miliardi di euro è praticamente irrestituibile nei prossimi 35 anni al sistema bancario . Il gruppo conta oltre 5000 dipendenti , ma sono migliaia i fornitori, le consulenze, che vengono rese tutti i giorni al gruppo industriale. Mediaset ( come scrivono benissimo quelli de Il Fatto Quotidiano ) ha poi perduto il business del calcio, a favore di Sky . Il gruppo Mediaset si sta accartocciando schiacciato dall'indebitamento, Silvio Berlusconi vive giorni di angoscia, perchè sa che il suo destino è segnato. Il crollo dei consensi elettorali ha spinto Forza Italia in un cul de sac, spaventoso. I pasdaran del  partito politico assomigliano ormai ai gerarchi fascisti della repubblica di Salò, quelli che Pierpaolo Pasolini, immortalò in una celeberrima scena, in cui i commensali riuniti intorno ad un tavolo imbandito, iniziarono a mangiare le proprie feci. Bene ha fatto Luigi di Maio ad alzare un veto nei confronti di questo individuo , del suo entourage, perchè l'impero mediatico dell'ex cavaliere di Arcore, non soltanto rappresenta un sistema per condizionare il corso degli eventi politici, ma ha determinato nel nostro paese il depauperamento delle risorse culturali. Non v'e' dubbio che le sue emittenti televisive siano farcite da programmi televisivi che offrono uno spaccato sociale raccapricciante. Siamo immersi nel fetore delle feci di quella Repubblica di Salò immaginata dal prolifico poeta, scrittore e cineasta Pierpaolo Pasolini, che vide in quella scena la sintesi di un potere politico  ormai al suo tramonto, che nella tracontante ignoranza e superbia aveva finito di divorare se stesso . E' accaduto ieri, accade oggi. 

 



Leggi la notizia

Roma 9 Maggio 2018 CorSera by dr. Matteo Corsini 

Forse ci avviamo verso un Governo tecnico istituzionale voluto dal capo dello Stato Sergio Mattarella. Nel corso delle ultime ore, tra i papabili ad assurgere alla presidente del Consiglio, sarebbe anche il professor Carlo Cottarelli, personaggio ormai popolare, da quando partecipa come ospite  a moltissime trasmissioni televisive. Qualora diventasse lui il prosismo Premeir italiano, ancora non è chiaro quali misure adotterà, ma per averne un'idea più precisa , basta sfogliare le pagine del suo ultimo libro :  " I Sette peccati capitali dell'economia italiana " , per capire che cosa tiene in serbo il noto economista per i cittadini italini .Il rischio è quello di far saltare il tappo alla nostra Italia, stremata dalla crisi economica e dalla pressione dei parametri di contenimento della spesa pubblica, il cosiddetto "fiscal compact " . Come tutti noi ben sappiamo, e forse la stessa Gran Bretagna ci insegna con la sua Brexit, l'Italia avrebbe bisogno, per tornare a crescere, di defiscalizzare il sistema tributario nel suo insieme. Il nostro paese per crescere ha bisogno di una razionalizzazione complessiva dell'intero ordinamento fiscale, completa, capace  di assorbire il volano produttivo delle grandi aziende estere, quelle liquide, che allocano capitali, dove le opportunità fiscali sono le migliori. Per non andare troppo in giro, basta guardare anche alla vicenda dell' Irlanda e della interconnessione con i colossi globali dell' hightech digitale  il cosiddetto GAFA ( Google Amazon Facebook e Apple ) .



Leggi la notizia

Roma 1 Maggio 2018 CorSera Non c'e' dubbio che la fase delle consultazioni elettorali e le ultime elezioni in Friuli Venezia Giulia hanno scomposto le carte sul tavolo da gioco e fatto emergere, nel ballottaggio della leadership dei due schieramenti populisti,un solo vincitore Matteo Salvini. Luigi di Maio si è di fatto suicidato, perchè non ha saputo reggere il confronto con il leader leghista, che evitato il matrimonio con il capopopolo di Pomigliano, ha continuato a seminare su argomenti chiave per gli italiani, uno tra tutti, quello relativo alla tenuta del paese nei confronti dell'immigrazione. I recenti e terribili fatti di sangue, legati agli immigrati, hanno forse smosso le coscienze degli italiani fino al punto di dare origine a questa virata  leghista, che ha spinto al trionfo in Friuli  il centrodestra con un sonoro 57%. Luigi di Maio, nella sua bramosia di calzare le vesti del Presidente del Consiglio, ha trasformato il Movimento Cinque Stelle, da movimento di rottura ad una forza politica parte integrante di quel sistema che si intendeva demolire per ricostruirlo. Luigi di Maio è stato coerente soltanto con se stesso ma non con i suoi adepti. 



Leggi la notizia

Roma 30 Aprile 2018 CorSera.it

Sistema bancario e norme antiriciclaggio (D.lgs. n. 231/2007 ).

Lo scandalo e i soprusi delle banche italiane continua. Oggi ci occupiamo della Banca Popolare di Spoleto del gruppo Banco Desio di cui sono attuali amministratori i signori Tommaso Cartone , Egidio , Paolo e Tito Gavazzi . I fatti sono semplici, la Banca Popolare di Spoleto, decide di chiudere un conto corrente ad un lavoratore autonomo cosiddetta microimpresa a seguito di alcuni controlli derivanti dalle norme sull'antiriciclaggio. Il malcapitato si è recato al mattino per ritirare la solita provvista con la quale soddisfare le esigenze della sua microimpresa e si è visto il conto corrente chiuso , senza alcuna motivazione, alcun estratto conto disponibile e le intere somme giacenti sul conto rese indisponibili. Il malcapitato era anche in attesa di un bonifico cospicuo , le cui somme erano destinate alle incombenze della sua microimpresa. I funzionari del desk di Banca Popolare di Spoleto hanno risposto laconicamente al cliente malcapitato : " Non si preoccupi i suoi soldi le saranno restituiti " .  Ma quando ? Il Cliente Malcapitato della Banca Popolare di Spoleto si è prontamente rivolto alle autorità di Polizia Giudiziaria al Procuratore della Repubblica Pignatone e al CorSera sempre pronto a mettere in luce le mancanza del nostro sistema bancario .

Beffato dalla sorte e dal destino e dalla prepotenza del solito istituto di credito . Ma vediamo come in un recente arbitrato ha deliberato l'autorità preposta a tutto questo l'Arbiotro Bancario Finanziario a cui voi tutti lettori potrete rivolgervi per le vostre lamentele. Per qualsiasi consiglio potete scriverci un sms a 335291766 o telefonarci se avete delle segnalazioni da fare. 

Arbitro bancario Finanziario

composto dai signori: (NA) MARINARI Presidente (NA) CARRIERO Membro designato dalla Banca d'Italia (NA) SANTAGATA DE CASTRO Membro designato dalla Banca d'Italia (NA) MINCATO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari (NA) CAMPOBASSO Membro designato da Associazione rappresentativa dei clienti Relatore MARIO CAMPOBASSO Nella seduta del 07/03/2016 dopo aver esaminato: - il ricorso e la documentazione allegata - le controdeduzioni dell’intermediario e la relativa documentazione - la relazione della Segreteria tecnica FATTO Il ricorrente lamenta l’illegittima chiusura del conto corrente a sé intestato da parte dell’intermediario resistente, in quanto sarebbe avvenuta senza un giustificato motivo. La chiusura del conto - avvenuta nell’agosto 2015 - era stata preceduta da una comunicazione nel mese di luglio, nella quale l’intermediario resistente si limitava a riferire che, a seguito di verifiche effettuate sulla “gestione del conto”, non era più possibile la prosecuzione del rapporto. Con una seconda nota, l’intermediario comunicava l’avvenuta chiusura del conto corrente. Tanto premesso, il ricorrente ha chiesto all’ABF che l’intermediario resistente comunichi le motivazioni della chiusura del conto corrente. L’intermediario, nelle controdeduzioni, afferma che il recesso sarebbe avvenuto per una giusta causa; in particolare, fa presente che nello svolgimento della propria attività di analisi e monitoraggio, ai sensi del D.lgs. n. 231/2007 (normativa antiriciclaggio), aveva evidenziato una “gestione anomala” del conto corrente intestato al ricorrente, ostativa alla regolare prosecuzione del rapporto. In ogni caso, dichiara di aver comunicato la chiusura del conto corrente “con un congruo e ragionevole preavviso”, precisando anche le Decisione N. 2887 del 31 marzo 2016 Pag. 3/4 conseguenze da ciò derivanti (estinzione dei servizi aggiuntivi, revoca dei servizi per il pagamento di utenze, accredito di stipendio, pensioni e similari). Pertanto, ritiene di aver operato secondo correttezza e buona fede nonché in conformità con i doveri di diligenza professionale e chiede il rigetto del ricorso. DIRITTO La controversia attiene alla presunta illegittimità della chiusura di un conto corrente da parte dell’intermediario resistente in quanto avvenuta senza un giustificato motivo.



Leggi la notizia