Parigi (Francia), 16 gen. (LaPresse/AP) - Bene la prima asta di debito della Francia dopo il declassamento deciso da Standard & Poor's. Il Tesoro francese ha collocato 4,4 miliardi di euro di obbligazioni a 12 settimane, con un tasso di interesse medio dello 0,156%. Nell'ultima asta di questo tipo di buoni gli investitori avevano chiesto un rendimento medio pari allo 0,023%. Nonostante la crescita dei tassi di interesse, il calo sul mercato secondario degli Oat francesi a 10 anni dimostra che la fiducia dei mercati sulla FRANCIA.

CRISI EURO IL TAGLIO DEL RATING DI STANDARD AND POOR'S ALLA FRANCIA,AVRA' RIPERCUSSIONI A LIVELLO POLITICO.IL PRESIDENTE FRANCESE NICHOLAS SARKOZY HA GIA' FATTO SALTARE IL TRILATERALE DEL 20 GENNAIO CON MARIO MONTI E LA CANCELLIERA TEDESCA ANGELA MERKEL.SE FINO A IERI LA FRANCIA AVEVA ....



Leggi la notizia

PARIGI 14 GENNAIO 2012 CORSERA.IT

EURO CRISI SPREAD BTP BUND.STANDARDS & POOR'S GHILIOTTINA IL RE DI FRANCIA NICHOLAS SARKOZY.L'AGENZIA DI RATING AMERICANA TOGLIE IL SORRISO AL PRESIDENTE DEI FRANCESI A 90 GIORNI DALLE ELEZIONI.

 

Parigi (Francia), 13 gen. (LaPresse/AP) - L'agenzia Standard & Poor's ha abbassato il rating di nove nazioni dell'eurozona, confermando invece il proprio giudizio su altri sette Paesi. Erano infatti 16 quelli che l'agenzia teneva sotto osservazione. In particolare, S&P ha abbassato di due gradini il rating a lungo termine di Cipro (da BBB a BB+), Italia (da A a BBB+), Portogallo (da BBB- a BB) e Spagna (da AA- ad A); di un gradino quelli di Austria (da AAA ad AA+), Francia (da AAA ad AA+), Malta (da A ad A-), Slovacchia (da A+ ad A) e Slovenia (da AA- ad A+). Invariati i dati a lungo termine di Belgio (AA), Estonia (AA-), Finlandia (AAA), Germania (AAA), Irlanda (BBB+), Lussemburgo (AAA) e Olanda (AAA).

E' una "cattiva notizia" ma non è "una catastrofe", aveva detto il ministro alle Finanze francese Francois Baroin durante un intervento a France-2 nel pomeriggio, unico leader europeo a confermare la notizia prima che l'agenzia la comunicasse ufficialmente. Secondo Baroin, la Francia è stata colpita dalla decisione "come molti dei Paesi dell'eurozona". "Bisogna essere relativi - ha proseguito - e mantenere la calma. È necessario non spaventare il popolo francese".



Leggi la notizia

BERLINO – Il condizionale è d'obbligo ma se i gesti, le occhiate e soprattutto il linguaggio di Mario Monti e di Angela Merkel questa mattina nel palazzo della cancelleria di Berlino hanno qualche significato possiamo dire davvero di essere vicini a uno di quei "momenti magici" dell'Europa che è capace di risollevarsi quando tutti la davano ormai per spacciata. Un momento di quelli che possono contribuire a cambiare la storia della più "bella costruzione dell'umanità" come ha definito l'Unione europea il premier italiano.

Leggi la notizia

MILANO (MF-DJ)--La Grecia potrebbe uscire dall'euro. Lo ha dichiarato ieri Pantelis Kapsis, portavoce del governo di Atene, alla televisione privata Skai Tv.

E' quanto si legge in un articolo di MF, in cui si precisa che i prossimi tre mesi saranno decisivi per conoscere il destino del Paese mediterraneo da cui ha avuto origini la crisi del debito sovrano europeo, perche' il prossimo 20/3 Atene dovra' ripagare titoli per 14,5 miliardi di euro e senza nuovi aiuti non riuscira' ad onorare il prestito, rischiando seriamente il default. Il 16 gennaio torneranno ad Atene i rappresentanti della Troika, composta da Commissione Ue, Bce e Fmi, per negoziare il nuovo piano di salvataggio da 130 miliardi di euro concordato lo scorso ottobre, che segue quello da 110 miliardi varato nel maggio 2010. Kapsis ha detto che "il secondo piano di aiuti deve essere firmato, altrimenti la Grecia sara' fuori dai mer



Leggi la notizia

WASHINGTON 29 LUGLIO 2011 CORSERA.IT

BARACK OBAMA PIACE AGLI AMERICANI E CONTINUA A PIACERE SEMPRE DI PIU'.ALLA PROVA DI FORZA A CUI E' STATO SOTTOPOSTO DAL FOLLE SPEAKER DELLA CAMERA MR.JOHN BOERHNER,HA RISPOSTO CON LA CALMA E LA PRUDENZA DI UN VERO LEADER,RIMANENDO IL SUO ATTEGGIAMENTO CON UN BASSO PROFILO,RIBATTENDO AI COLPI INFERTI DAI REPUBBLICANI,RIVOLGENDOSI AI CONTRIBUENTI DALLO SCHERMO TELEVISIVO PER INDURLI A FARE PRESSIONI SUI LORO RAPPRESENTANTI I LAWMAKERS.NIENTE DI PIU' NIENTE DI MENO,NIENTE SCHIAMAZZI,INSULTI.BARACK OBAMA HA DATO PROVA DI POTER REGGERE LA PRESSIONE DEVASTANTE DEL PERICOLO SUL PRIMO STORICO DEFAULT FINANZIARIO DEGLI STATI UNTII,HA SAPUTO GUIDARE LA BARCA NELLA TEMPESTA.I REPUBBLICANI E IL FAMIGERATO TEA PARTY HA GETTATO LE RETI NEL VUOTO E NON E' RIUSCITO A MONETIZZARE POLITICAMENTE LA SITUAZIONE DI EMERGENZA,QUANDO IN UNA PRIMA FASE SEMBRAVANO VINCENTI,IL LORO RICATTO AL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI D'AMERICA SEMBRAVA POTESSE PREVALERE.MA MR.BARACK OBAMA HA VINTO,VINTO GLI IDEALI DI WELFARE,VINTO LA STRATEGIA PAZIENTE DEL VERO LEADER POLITICO DELLA NAZIONE,VINTO SU TUTTI LA CALMA,LA PASSIONE PER LA POLITICA,L'ADEGUATEZZA DELLE SUE SCELTE.

ALBERT PAGE WASHINGTON D.C.



Leggi la notizia

WASHINGTON (AP) -- The head of a top credit rating agency says some of the deficit-cutting plans Congress is considering could lower the U.S. debt burden to a level that would allow the country to keep its triple-A credit rating.

Standard & Poor's President Deven Sharma told a congressional panel Wednesday that previous reports indicating Congress would need to make $4 trillion in deficit cuts over 10 years to retain the top credit rating were inaccurate.



Leggi la notizia

New York 26 Luglio 2011 ore 07.29 CORSERA.IT di Matteo Corsini

Niente da fare per l debito pubblico americano.Ancora oggi nessun accordo tra il Presidente BARACK OBAMA  e il portavoce della Camera dei Deputati John Boehner.Il Presidente americano si rivolge agli americani e al mondo intero,parlando ieri sera intorno alle ore 21.00 locali,alla televisione.Non c'è alternativa all'aumento del debito pubblico americano,ha detto il Presidente,e questo deve avvenire con....



Leggi la notizia

(ASCA-AFP) - Washington, 26 lug - La Casa Bianca resta fiduciosa sul raggiungimento al Congresso di un accordo per l'innalzamento del tetto di 14.300 miliardi di dollari sul debito prima della scadenza del 2 agosto. ''Restiamo fiduciosi'' ha detto il portavoce Jay Carney ''alla fine crediamo che il Congresso si comportera' in modo appropriato''. Carney ha confermato che sono in corso colloqui tra il Tesoro e i livelli piu' alti dell'amministrazione Usa su ''come potremmo gestire questa situazione impossibile, questa posizione impossibile. Ma e' importante ribadire ancora una volta che non crediamo si possa arrivare a quel punto''. ''Prendiamo in parola i leader del Congresso - ha proseguito - quando dicono di essere accordo con il Presidente sul fatto che sarebbe impensabile ed inaccettabile che gli Stati Uniti, per la prima volta nella loro storia, andassero in default sulle proprie emissioni e che saranno adottate misure dal Congresso per far si' che questo non accada''. ''Abbiamo bisogno - ha concluso il portavoce della Casa Bianca - che il Congresso produca qualcosa che sia un compromesso e che possa ottenere il sostegno sia dei democratici che dei repubblicani in entrambe le camere, che raggiunga il tavolo del Presidente e che ottenga la sua approvazione

Leggi la notizia

Oslo 23 Luglio 2011 CORSERA.IT

Il mondo ha tremato ancora allo scoppio della bomba ad Oslo,delle immagini dei palazzi divelti dall'esplosione,i vetri in frantumi,le auto rovesciate,le fiamme,i volti del terrore cosparsi di sangue,quasi la mano del diavolo.La mano del terrorismo islamico,quela crudele che ci coglie di sorpresa,magari mentre siamo in casa a bere una bitta guardando una partita di football.Ma questa volta niente di tutto questo,Al Qaeda svanisce,impallidisce difronte a questa strage,compiuta da un fondamentalista cristiano,un bianco ariano,capelli biondi e occhi azzurri.Anders Behring Breivik di razza....



Leggi la notizia / Video

Oslo 23 Luglio 2011 CORSERA.ITRoma, 23 lug.

(TMNews) - Anders Behring Breivik ha ammesso di essere il responsabile dell'attentato sull'isola di Utoya. Lo riferisce la polizia. Si cerca di capire se l'uomo abbia avuto un complice, come fanno pensare le testimonianze. Intanto sale a 92 il numero delle persone decedute nel duplice attacco di ieri a Oslo e nell'isola di Utoeya, dove quattro o cinque persone risultano ancora disperse.

Oggi il premier Jens Stoltenberg e la famiglia reale norvegese hanno incontrato i sopravvissuti. Stoltenberg, che ha definito "eroi" i

 



Leggi la notizia

Oslo 23 Luglio 2011 CORSERA.IT

Anders Behring Breivik una belva assetata di sangue.Ha ucciso sulìisola maledetta di Utoya,cervcato le sue vittime tra i giovani laburisti,le ha inseguite,colpite,falciato la loro vita sotto il suo sguardo,quello del Diavolo,impazzito di rabbia,di odio i polmoni pieni di vendetta.Chissà cosa ha visto Anders,cosa inseguiva,chi voleva realmente uccidere? Quale piano orribile aveva colpito la sua mente.Non lo sapremo mai,non capiremo mai.Tutto è accaduto all'improvviso,un frastuono,quella esplosione micidiale che ha squarciato il centro di OSLO,fatto a pezzi i palazzi,vomitato odio fiamme e urla sul mondo intero.Poi ha guidato per 40 chilometri,vestito da poliziotto è penetrato nel meeting dei giovani laburisti ed ha aperto il fuoco,hacompiuto l'ultimo atto del suo progetto folle.UN incubo che stiamo vivendo in diretta,che ci opprime,ci porta indietro ai misfati della storia,al terrore di AL Qaeda.Ma quali sono le differenze?



Leggi la notizia

MILANO - Una forte esplosione provocata da un'autobomba è avvenuta intorno alle 15,20 nel centro di Oslo poco distante dalla sede del governo provocando almeno due morti e otto feriti. Un ufficiale di polizia ha riferito che, secondo le immagini delle telecamere di sorveglianza, «una grande automobile è stata vista passare nel quartiere del governo pochi istanti prima dell'esplosione». Lo scoppio, che ha mandato in frantumi tutte le finestre della zona, è avvenuto vicino alla sede del governo e del primo ministro norvegese Jens Stoltenberg, che non si trovava nel suo ufficio e comunque, come ha detto la portavoce del governo, «sta bene ed è in un posto sicuro». Anche gli uffici della zona, tra cui quelli dei principali giornali del Paese scandinavo, sono stati danneggiati. Alcune fonti riportano che lo scoppio è avvenuto tra la sede del ministero delle Finanze e quella del principale tabloid norvegese VG (Verdens Gang).



Leggi la notizia

Atene 29 Giugno 2011 CORSERA.IT

Atene una città sotto assedio,il Parlamento oggi voterà il piano di austerity.L'economia mondiale trattiene il fiato,perchè qualora il piano di riforma venisse bocciato,sarebbe il caos,la Grecia scomparirebbe nell'ignoto e tra qualche giorno sarebbe senza liquidità per mandare avanti l'immenso carrozzone pubblico di oltre 6 milioni di dipendenti.



Leggi la notizia

Atene 29 Giugno 2011

Atene mancano una manciata di minuti prima dell'inizio del voto al Parlamento greco per il voto sul piano di austerity.Venti minuti che dividono l'Europa dal baratro o dal Paradiso.



Leggi la notizia

ATENE (Reuters) - I sindacati greci si sono impegnati a riempire le strade del centro di Atene oggi, all'inizio di due giorni di sciopero per protestare contro le dolorose misure di austerity necessarie per ottenere nuovi aiuti finanziari dalla comunità internazionale.

"Ci aspettiamo una partecipazione massiccia e dinamica allo sciopero e al corteo nel centro di Atene. Avremo 48 ore di lavoratori, giovani e disoccupati per le strade", ha detto a Reuters il leader del sindacato Adedy, Spyros Papaspyros.

Con la Grecia sull'orlo ...



Leggi la notizia

<< - Pagina 12 di 44    [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 ] - >>