(ASCA) - Roma, 1 lug - Prosegue il disimpegno del Tesoro Usa dal capitale delle banche in cui era entrato nei momenti piu' acuti della crisi finanziaria. A partire dallo scorso 26 maggio, il Tesoro (NYSE: TSO - notizie) ha venduto 1,1 miliardi di azioni Citigroup (NYSE: C - notizie) riducendo al 18% la propria partecipazione nel capitale della banca. Nella nota, il Tesoro, spiega che dalle vendite dei titoli ha finora ricavato complessivamente 10,5 miliardi di dollari e di possedere ancora 5,1 miliardi di azioni Citigroup.



Leggi la notizia

Roma 8 Giugno 2010 (Corsera.it)

Continuiamo a leggere bufale sui giornali,uno dei motivi perchè ormai la gente non compra più la carta stampata e preferisce internet,dove le bufale sono smentite pochi secondi dopo essere state pubblicate.La menzogna sulla rete non esiste,perchè ogni battito viene fotocopiato milioni di volte e si ripercuote fin dove tocca chi può smentire la notizia,e quando torna indietro,se è finta,muore nel breve volger di qualche istante.Il Corriere della Sera ieri è stato un esempio lampante,di ...



Leggi la notizia

Tokyo 7 Giugno 2010 (Corsera.it)

E' certo che la BCE non stà effettuando manovre a mercato aperto,non vende dollari e neanche yen.L'idea dell'euro debole comincia a stimolare le menti atrofizzate degli eurograndi.

Tutto hanno paura,ma io continuo a sostenere che l'economia europea beneficerà in pieno del crollo del tasso di cambio dell'euro con dollaro e yen.La reazione della borsa giapponese oggi è una cartina di tornasole.Il Giappone è undell'inflazione.



Leggi la notizia

Roma 7 Giugno 2010 (Corsera.it)

Angelo Balducci aveva un cassiere,si chiama Fernando Mannoni,che custodiva i soldi della famiglia Balducci.Lo scoprono i militari dell'Arma durante la perquisizione presso lo studio del commercialista Stefano Gazzani.I conti correnti intestati a Fernando Mannoni sono pieni zeppi di soldi,come forzieri antichi.



Leggi la notizia

(ASCA) - Roma, 7 giu - Movimenti contrastati sulla rete carburanti, con le compagnie ormai quasi tutte oltre 1,4 euro/litro sulla benzina. Fanno eccezione Agip e Shell (Londra: RDSB.L - notizie) . Anche se nel caso del market leader, che dal 1* giugno ha adottato una nuova politica di pricing con listini personalizzati impianto per impianto, la forchetta di prezzi di riferimento rilevata sulla verde va da 1,384 a 1,426 euro/litro. Ma vediamo nel dettaglio gli ultimi interventi. Dal monitoraggio di quotidianoenergia.it risulta che Api-IP hanno tagliato di 0,3 centesimi la verde, a 1,401 euro/litro e di 0,5 centesimi il diesel a 1,264 euro/litro. Erg (Milano: ERG.MI - notizie) ha aumentato di 0,5 centesimi entrambi i prodotti, con la benzina andata a 1,403 euro/litro e il diesel a 1,264 euro/litro. Esso (Parigi: FR0000120669 - notizie) ha diminuito invece di 0,5 centesimi i due listini: pertanto il prezzo di riferimento della verde risulta a 1,402 euro/litro, quello del diesel a 1,260 euro/litro. Al contrario Q8 ha rivisto all'insu' dello stesso importo i due carburanti andati cosi' a 1,408 e 1,269 euro/litro. Tamoil ha aumentato di 0,6 centesimi la benzina a 1,405 euro/litro e di 0,5 il diesel a 1,269 euro/litro. Infine Total ha rialzato di 0,6 centesimi entrambi portando la benzina a 1,405 e il diesel a 1,265 euro/litro.

Leggi la notizia

Atene 7 Giugno 2010 (Corsera.it)

L'euro affonda toccando quota 1.19 sul dollaro e la crisi peggiora con le notizie provenienti dall'Ungheria.La borsa di Atene crolla,sotto gli effetti di una grande manovra speculativa,perchè la Grecia si rimetterà in piedi con questa estate.L'euro debole favorirà l'export e il turismo interno e a settembre le trimestrali delle aziende saranno piene di utili per un exploit borsistico senza precedenti.Ricordate che ogni movimento al ribasso contiene principalmente una pressione speculativa.

(AGI) - Roma, 7 giu. - Le Borse europee riducono leggermente le loro perdite, anche se Atene affonda a -4,47%. Londra cede l'1,16%, Milano lo 0,66%, Francoforte lo 0,82% e Parigi l'1,23%. Budapest arretra del 2,8%.



Leggi la notizia

Balzo mensile del 2,8% per gli ordini all'industria in Germania ad aprile (consensus era -0,4%). A livello tendenziale risultano in crescita del 29,7% rispetto al +25,4% atteso.

Leggi la notizia

Roma 4 Giugno 2010 (Corsera.it)

Se si deve rispondere alla crisi,si deve prendere il toro per le corna.Il professor Giulio Tremonti sale in cattedra e promuove una manovra per la liberalizzazione delle attività economiche.Rivoluzione liberale anche per le professioni,notai e avvocati in primis.Abolizione degli ordini professionali come prima misura necessaria,abolizione dei fardelli burocratici,autocertificazione.Un provvedimento



Leggi la notizia

Roma 3 Giugno 2010 (Corsera.it)

Finalmente qualcuno del board della BCE si è sbilanciato a parlare dichiarando che il tasso di cambio dell'euro con il dollaro è in linea con la media delgi ultimi dieci anni.L'inflazione è sotto controllo.

Le preoccupazioni per il tasso di cambio in Europa sono forse eccessive. A dirlo è il membro del consiglio esecutivo della Banca centrale europea, Lorenzo Bini Smaghi, in un'intervista al mensile Espansione riportata da Il Giornale.

L'euro, che ha perso oltre il 7% contro il dollaro Usa nel mese appena concluso per una flessione del 14% da inizio anno, solo martedì scorso ha toccato un nuovo minimo da quattro anni.

Commenti rassicuranti sui livelli attuali dell'euro sono giunti oggi anche dal governatore di Banca di Francia e consigliere direttivo della Bce, Christian Noyer.

Per Noyer il tasso di cambio euro/dollaro "non è insolitamente basso" perché si trova "circa al livello corrispondente alla media degli ultimi dieci anni".

Nell'intervista al mensile che uscirà domani allegato a Il Giornale e che viene anticipata in parte oggi dal quotidiano, Bini Smaghi ha affermato inoltre che "al momento non ci sono spinte rilevanti" sull'inflazione, fatta eccezione per le materie prime.

Sul tema della crescita Bini Smaghi ha sottolineato che "la domanda interna resta insoddisfacente



Leggi la notizia

Roma 3 Giugno 2010 (Corsera.it)di Renato Corsini

IL riso. L’oro bianco che sfama miliardi di persone sparse  nel mondo. In Italia è in atto una guerra per il controllo del mercato in un settore strategico qual è quello alimentare. Il Garante della concorrenza e del mercato Antonio Catricalà ha aperto ufficialmente un’istruttoria sul cartello tra i principali produttori  di riso. Il business con la Siria per la fornitura delle riserve strategiche dell’esercito. Le infiltrazioni mafiose che aprono un altro capitolo dell’economia criminale. Affiorano le interferenze politiche.

segue all'interno



Leggi la notizia

New York 2 Giugno 2010 (Corsera.it)

Questo giorno di festa della Repubblica Italiana,ci ha portato un pò di riposo,città tranquille con poco traffico e sopratutto delel buone notizie dagli States,dove vola la vendita delle case esistenti.I dati infiammano anche Wall-street che sale contro ogni previsione.L'Europa affossata da un medioevo economico e finanziario,dorme assopita,sperando che domani sia un giorno per potersi rialzare.L'euro sfiora i minimi e malgrado le dicerie dei vari economisti al comando della BCE,la variazione del tasso di cambio tra dollaro e euro,beneficerà la nostra economia.Le altre formule magiche dei monetaristi le leggiamo con gusto,ma sono storia e acqua passata.

Ad aprile, le vendite di case con contratti in corso negli Stati Uniti hanno registrato una variazione positiva pari al 6% dal 5.3% a marzo, confermando una ripresa del settore in atto da febbraio. Il merito va agli incentivi fiscali per $8000 terminati lo scorso aprile.

A comunicarlo e' stata la National Association of Realtors



Leggi la notizia

Roma 29 Maggio 2010 (Corsera.it)di Matteo Corsini

La Spagna perde una A,il rating sul debito pubblico subisce il colpo di scure da parte dell'agenzia internazionale FITCH e i mercati azionari internazionali tornano a tremare,anche se il declassamento era ampiamente previsto.Continua dunque la paura della crisi economica per alcuni dei principali paesi che hanno aderito alla UE. La forza dell'euro ha finito di penalizzare quei paesi,appunto i PIIGS che ...



Leggi la notizia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Ad aprile aumenta la produzione di auto Toyota del 53,8%, a 667.495 unita', mentre le esportazioni volano (+113,5%) a 137.616 unita'. Per le esportazioni, sottolinea la casa nipponica, si tratta del quarto mese consecutivo di crescita. Sul globale annuo l'aumento dell'export a marchio Toyota, Daihatsu e Hino e' stato dell'87,4% (631.484 unita'). Le vendite sono andate bene ad aprile nel mercato di casa, totalizzando 141.852 unita' (+39,2%) e raggiungendo il 46,1%, incluse le minicar.



Leggi la notizia

New York 27 Maggio 2010(Corsera.it)

Euro questa mattina in rialzo sulle piazze europee.Sono le 06.35,segnali di ottimismo dunque questa volta per i mercati azionari europei,he potranno beneficiare in apertura di un rinvigorimento della moneta unica.Mentre ieri sera Wall Street ha chiuso veramente male sbragano sotto la soglia psicologica dei 10,000 punti,mentre nelle sessione di trading pomeridiana era riuscita ad alzare l'indice dell'1%.

Mi stupisco sempre di più che le news on line dei principali quotidiani italiani siano a quest'ora del mattino ancora dormienti.Come è possibile pensare che non c'è lavoro in questo paese se alle sei del mattino tutti ancora dormono?

La chiamo SIndrome da Mou.Ma ne parlo con un articolo a parte.

Buongiorno lettori.Bevetevi un caffè questa mattina,il tempo è bello,c'è il sole,l'aria è profumata.Vi voglio bene.

Big Mac



Leggi la notizia

Roma 26 Maggio 2010 (Corsera.it)di Matteo Corsini

Finalmente qualche economista lungimirante si è reso conto che la Teoria del Sistema Inverso,ha una sua validità e dichiara che non esiste rischio recessione,ma sopratutto ammette che la svalutazoine dell'euro nel breve termine porterà benefici alla bilancia commerciale dei paesi UE.Applaudiamo signori.

Pier Carlo Padoan, capo economista dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha detto in un'intervista pubblicata oggi di non aspettarsi una nuova recessione nella zona euro.

"Non c'è rischio di una recessione 'double-dip" ha detto Padoan in un'intervista al quotidiano francese Le Figaro.

Padoan ha aggiunto che un euro debole sarebbe un bene per l'economia della zona euro nel breve termine visto che aiuterebbe l'export e che la moneta unica è stata sopravvalutata per troppo tempo. Secondo l'economista inoltre un rialzo graduale nello yuan cinese potrebbe essere un bene per la crescita economica.



Leggi la notizia

<< - Pagina 25 di 36    [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 ] - >>