Roma 17.3.2009(Corsera.it)

Commovente ma non proprio l'abiura di Gianfranco Fini alle leggi razziali fasciste,perchè i suoi colleghi di partito si sono fatti beccare a braccetto con esponenti di estrema destra fascista italiani.Racconta tutto Berizzi nel suo libro Le Bande Nere in libreria in questi giorni.

Fonte La Repubblica .C'è il ministro della difesa La Russa che posa con un "camerata" di una famiglia mafiosa siciliana, i Crisafulli, narcotraffico e spaccio di droga a Quarto Oggiaro, periferia nord di Milano. C'è il suo collega di partito e di governo, il ministro per le politiche europee Ronchi, con uno dei fondatori del circolo nazifascista Cuore nero: quelli del brindisi all'Olocausto.

Lui si chiama Roberto Jonghi Lavarini e presiede il comitato Destra per Milano (confluito nel Partito della libertà). Sostiene le "destre germaniche", il partito boero sudafricano pro-apartheid - il simbolo è una svastica a tre braccia sormontata da un'aquila - e rivendica con orgoglio l'appartenenza alla fondazione Augusto Pinochet.



Leggi la notizia

Roma 10.3.2009(corsera.it)

 Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi giocano a guardia e ladri,l'uno rincorre l'altro,ma alla fine l'obiettivo è la poltrona da leader.Con sguardo compassato oggi Gianfranco Fini ha rimandato al mittente la proposta di Silvio Berlusconi di far votare in Parlamento soltanto i capogruppo parlamentari.Per il Premier sarebbe un modo di sveltire le votazioni e rendere omogenee le decisioni e per Gianfranco Fini un modo elegante di spingere la testa di Berlusconi qualche volta sotto l'acqua,presentandosi al pubblico moderato come un superpartes .

Fonte La Repubblica .ROMA - "La proposta era già stata avanzata ed era caduta nel vuoto. Accadrà anche stavolta...". Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, liquida la proposta del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che siano solo i capigruppo a votare in Aula.

Poco prima il premier, davanti all'assemblea dei deputati del Pdl, aveva proposto di cambiare i regolamenti parlamentari e di fare valere il voto del capogruppo per tutti i suoi deputati. "Chi non è d'accordo potrà votare contro o astenersi" dice il Cavaliere. Una proposta che premier si lega alle nuove norme di voto e all'esigenza, spiega Berlusconi, di "rivedere i regolamenti parlamentari che non sono adeguati per un governo e una maggioranza che devono avere tempi certi sull'approvazione delle leggi".



Leggi la notizia

Roma 8.3.2009(Corsera.it) 

Il piano casa è da hit parade dei primati,un’idea che anche Barack Obama dovrebbe assumere,al contrario di quei provvedimenti che oggi appaiono come dei palliativi.

Il piano casa di Silvio Berlusconi permetterà di venire fuori dall’Inferno della burocrazia degli  uffici tecnico urbanistici di Roma e il pantano delle normative pazzesche che conducono poi sempre al pagamento di tangenti per ottenere lo sveltimento delle pratiche.

Mio Zio e mio Nonno i fratelli GRA* leggendari costruttori romani,me lo ripetevano spesso : "L'edilizia è nelle mani della burocrazia e degli imbecilli. Se ci sono gli imbecilli i costruttori e gli architetti bravi non emergeranno mai e l'Italia si arricchirà di scempi."



Leggi la notizia

Roma 22.2.2009(corsera.it) "Mi fa piacere che Franceschini abbia giurato sulla Carta, e' un modo di prendere un impegno. Praticamente sulla Costituzione ci abbiamo giurato tutti come cittadini". Silvio Berlusconi, a Berlino per un summit sulla crisi finanziaria, ribadisce di non aver mai attaccato la Magna Charta. "Non ci sentiremmo - osserva il premier - fino in fondo cittadini italiani se non riconoscessimo la legge fondamentale che trasforma la nostra societa' in uno Stato". ..(segue)



Leggi la notizia

Ferrara 22.2.22009(Corsera.it ) di Matteo Corsini.

Dario Franceschini il politico figlio di papà giura sulla costituzione davanti al cippo del muro della fortezza estense della città di Ferrara che ricorda il massacro di undici italiani antifascisti. Il nuovo leader del PD batte sulla Costituzione e sbatte i denti sull’ammontare del PIL italico,alla guida del partito dei Dsnosauri allo sbando hanno impalato il Giovane Ignorante.La politica sulla bocca come il latte della mamma,il figlio della politica,come il figlio del notaio che diventa notaio,un privilegiato che della vita vera non conosce nulla .Mani pulite e imbiancate di chi non ha mai lavorato, viso glabro e occhi da furbetto astuto che subito precisa “non sono qui per affar mio ,ma per amore della politica ,per i superiori interessi del partito.”

Il corso del nuovo PD spumeggia dunque dentro pannoloni puzzolenti e tettarelle sporche di latte,il figlioccio grassottello della comunità ha varcato la soglia del mondo odierno belando come un capretto di montagna.



Leggi la notizia

Roma 22.2.2009(Corsera.it)

La crisi del Partito Democratico ha sancito la fine dei DSNOSAURI ,i leaders dell’ex partito comunista.L’Italia taglia le sue radici con le ideologie,come prima e meglio ha intuito anche Gianfranco Fini arrivando addirittura ad abiurare le leggi razziali del suo amato Benito Mussolini.



Leggi la notizia

Roma 20..2009(corsera.it) Fondazione italiani nel mondo. Il mistero del messaggio pubblicitario. Conflitto d’interessi. Pubblicità ingannevole. Politica e attività economiche incompatibili. Il governo non può finanziare la Fondazione. Rilievi sostanziali per l’Ufficio del garante  della pubblicità Antonio Catricalà.Il mistero del manifesto pubblicitario dei cinque parlamentari  i senatori Di Girolamo, Giordano, Caselli eletti all’estero, De Gregorio e del deputato Berardi , che da oltre due mesi tappezza le strade e le piazze di Roma. La domanda. Si tratta di pubblicità ingannevole?

Leggi la notizia

Roma 19.2.2009(corsera.it) di Matteo Corsini .Breviario politico e modesto contributo.

Su Dario Franceschini c’è poco da dire.Ricordiamo tutti la diretta di Ballarò quando il mitico e leggendario Ministro del Tesoro Giulio Tremonti l’ha uccellato sull'ammontare del PIL italico.Dario Franceschini venne colpito in fronte proprio nel bel mezzo delle sue elucubrazioni. Non seppe proprio rispondere, incalzato e zoommato dalla telecamera micidiale che amplificava il disagio dell’uomo messo a nudo nel profondo della sua ignoranza economica .Dario Franceschini era sotto il fuoco incrociato della cinica Jena Tremonti e dalla bocca perdeva saliva ricordando le smorfie mostruose di Arnaldo Forlani imbeccato da Antonio di Pietro.Se il PD si affida a Dario Franceschini e non a Piero Fassino muore prima di risorgere,lasciando l’Italia in balia di Dzugasvili Berlusconi.



Leggi la notizia

Roma 17.2.2009(corsera.it) di Matteo Corsini

Dopo la batosta elettorale in Sardegna Walter Veltroni ha deciso di lasciare la guida del PD,un gesto indispensabile ma comunque tardivo.L’aria era pesante per l’ex Sindaco di Roma fin dalla sconfitta elettorale delle politiche che aveva sancito la mediocrità delle sue iniziative.L’aria liberal e trendy di Veltroni gli è stata fatale in un momento storico in cui la gente guarda alle cose concrete e spera in quel leader che riuscirà a trascinare il paese fuori dal guado.



Leggi la notizia

Roma 9.2.2009 (corsera.it) Nel suo delirio di onnipotenza, Berrlusconi ha dichiarato, il fatto è notorio, che il governo presentava a tamburo battente un disegno di legge da trasmettere al Parlamento per  la sua fulminea approvazione i tre- quattro giorni per consentire la prosecuzione della vita vegetativa di Eluana. Per un momento, Berlusconi si è sentito Gesù Cristo, figlio di Dio per i cristiani, e quindi Dio stesso.    “ Ha dichiarato; Posso distruggere il tempio di Dio e ricostruirlo in tre giorni” ( Matteo 26,61).

Leggi la notizia

Roma 9.2.2009 (corsera.it) Il pericolo per Bossi è l’allontanarsi di un’intesa con il PD sulla legge in itinere in Parlamento sul federalismo fiscale. Il caso Eluana grottesco per il profilo parlamentare lacera il lavoro fin qui svolto dal ministro Calderoni. Si è aperta una crisi con cui Fini e Bossi devono confrontarsi. Il primo non può continuare a rimanere nell’anonimato se non vuole perdere le opportunità politiche di guidare un esecutivo alternativo a quello di Berlusconi. Bossi non può giocarsi l’appoggio del PD.

Leggi la notizia

Roma 2.9.2009(corsera.it) di Renato Corsini

Le responsabilità del governo. Intervenga il garante Antonio Catricalà.

Il manifesto della Fondazione lancia un messaggio pubblicitario sulle finalità che intende perseguire. “ Insieme costruiamo il PDL nel mondo, insieme rilanciamo il Made in Italy nel mondo” Un messaggio verosimilmente ingannevole e potrebbe rivelarsi una copertura per il raggiungimento di altre finalità o comunque non trasparenti. Le responsabilità del governo sono palesi in riferimento all’art. 25 del codice civile. Sul punto però osserviamo che il PDL sostiene la Fondazione e quindi ne condivide gli scopi.



Leggi la notizia

Roma 5.2.2009 (corsera.it) Il Sen. Di Girolamo Nicola è stato eletto all’estero in Belgio senza che abbia dimostrato di averne la residenza. La giunta per il regolamento del Senato esaminando il suo caso ne ha proposto la rimozione dal laticlavio. Tra l’altro, il senatore “belga” è inquisito dalla magistratura sebbene questo rilievo sia ininfluente trovandosi in buona compagnia nel Senato. Gasparri , il contabile delle mie denuncie, chiede che il provvedimento di radiazione sia sospeso. L’aula boccia la proposta.

Leggi la notizia

Roma 4.2.2009(corsera.it) di Matteo Corsini.

La morte del consigliere comunale di Castellamare di Stabia  Luigi Tommasino di 43 anni lascia l’amaro in bocca e getta un’ombra ancora più cupa sulle commistioni tra politica e camorra. Sopratutto demolisce l’immagine del PD che oggi barcolla,malgrado gli sterili tentativi di Walter Veltroni di trovare un’armonia da opposizione all’interno del partito. Mentre il Partito Democratico affonda nella tragedia umana e politica della sua classe dirigente ormai inadeguata ai tempi, Antonio di Pietro avanza anche negli schermi televisivi,a cui proprio ieri sera Matrix cuce addosso un capolavoro balistico .



Leggi la notizia

Washington 31.1.2009 (Corsera.it) Barack Obama cerca di rassicurare gli americani perchè la crisi che li travolge rischia di tramutarsi in panico per molte categorie sociali.E dunque l'uomo chiamato a compiere il miracolo nei prossimi mesi elargisce parole piene di ottimismo e buon senso,anche se l'impresa è ardua,forse impossibile nel breve termine."L'economia peggiorerà prima di migliorare " infatti spiega il Presidente americano Barack Obama,ottimismo dunque ma senza illusioni.

Leggi la notizia

<< - Pagina 67 di 72    [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 ] - >>