È un’impresa di quelle che fanno la storia del rugby italiano, per sua natura scritta su estemporanei giorni di gloria e lunghi periodi di depressione, ma questa volta il successo incredibile (20-18) dell’Italrugby sul Sudafrica è da appuntare sul libro dei ricordi. Mai era successo prima (in 12 incontri) e non ci sono alibi, scuse, crisi altrui da chiamare in causa. Nel rugby il più forte vince sempre e questa volta il più forte stava dalla parte della vittima destinata al sacrificio.

Leggi la notizia