CorSera.it segui su INSTAGRAM direttamente dal profilo dell'editor Matteo Corsini matteocorsini_ o su corsera_news 

Prima intervista ad un giornale inglese The Sunday Times per Donald Trump.La Nato è obsoleta,la Merkel ha fatto un errore catastrofico sui migrantri.Donald Trump a tutto campo anche con la sua nuova view di politica internazionale in appoggio a Vladimir Putin.

Secondo messaggio all'Unione Europea (definita una «emanazione della Germania»): la Brexit è un'ottima cosa e ci saranno altre nazioni che lasceranno l'Unione. Trump prevede di fare un accordo diretto con la Gran Bretagna.
Terzo pilastro della nuova politica estera Usa: la Russia. «Bisogna cominciare a fidarsi di Putin», è il punto fermo di Trump che sottolinea come sia necessario un accordo con Mosca per ridurre gli arsenali nucleari. In questo quadro la Nato, ovvero l'alleanza militare fra America e Europa, è sprezzantemente definita come «obsoleta». Trump ha ribadito che molti paesi coinvolti nella Nato non «pagano quello che dovrebbero».
La quarta linea di frattura riguarda i migranti ma finisce per cogliere rivolgesi anche contro la Germania e la Vecchia Europa: «La cancelliera tedesca Angela Merkel per Trump ha fatto un «errore catastrofico» nella politica che ha portato un milione di rifugiati in Germania.



Leggi la notizia

Attacco al night di Istanbul, arrestato il killer della notte di Capodanno La foto del killer dopo l'arresto diffusa da Hurriyet ROMA - Il killer dell'attacco al night club Reina di Istanbul la notte di Capodanno, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è ..

Leggi la notizia

 forze di sicurezza turche hanno arrestato l'uomo accusato di essere l'autore dell'attentato di Istanbul della notte di Capodanno in cui sono rimaste uccise 39 persone e successivamente rivendicato dall'Isis. A dare la notizia è l'agenzia di stampa turca Dogan.

L'uomo - di nazionalità uzbeka - risponde al nome di Abdulgadir Masharipov ed è stato arrestato ad Esenyurt, città situata pochi chilometri a ovest di Istanbul.



Leggi la notizia

Il terrorista è stato trasportato alla divisione sicurezza di Vatan Street dopo essere stato sottoposto a controlli medici.

Leggi la notizia

La Turchia di nuovo sotto attacco. Ad essere colpita, la notte di Capodanno, una delle discoteche più famose di Istanbul. Ci sarebbero, secondo quanto ha riferito il governatore di Istanbul, Vasip Sahin, 35 morti e un imprecisato numero di feriti. Forse una quarantina. Lo stesso governatore parla di «attacco terroristico condotto da un solo attentatore». Tra le vittime anche un poliziotto che avrebbe provato a fermare l' assalitore all'ingresso del locale. Al momento dell'attentato nel locale erano in corso i festeggiamenti per il Capodanno. Sarebbero stati esplosi diversi colpi di arma da fuoco. Auto della polizia e ambulanze sono sul posto. Gli agenti hanno circondato la zona. Sul posto anche esperti di esplosivi.

Leggi la notizia

I media russi hanno diffuso un audio che conterrebbe l'ultima conversazione tra l'equipaggio dell' aereo precipitato nel mar Nero ed i controllori di volo, in cui non ci sarebbero segnali di problemi a bordo. Lo riferisce la Bbc, aggiungendo che le voci restano calme fino a che l'aereo non scompare dai radar e la torre di controllo tenta invano di ripristinare il contatto.

Leggi la notizia

Dopo l'incidente di Natale (93 vittime), la sicurezza degli aerei russi torna in primo piano. E Mosca fa controllare anche tutti i nuovi Sukhoi Superjet 100. Numeri alla mano il Tupolev Tu-154 - lo stesso modello di jet precipitato il giorno di ...Ruote che si staccano in volo, sistema elettrico che si spegne sopra l’Artico, fusoliera che si spezza durante un fuoripista, motori che esplodono ancora prima di raggiungere la pista di decollo, finestrini della cabina di pilotaggio che si rompono (in almeno due occasioni). I database internazionali dell’aviazione sono pieni di episodi del genere.

Leggi la notizia

E' precipitato nel mar Nero l'aereo militare russo trimotore Tu-154 con93 persone a bordo, scomparso all'alba subito dopo il decollo dalla città di Sochi e in viaggio verso la base russa di Latakia, in Siria. E' stato lo stesso ministero della Difesa russo a comunicare il ritrovamento, da parte dei soccorritori, di frammenti del velivolo nelle acque del mare. A bordo anche i 64 membri del Coro dell'Esercito russo, erede del celebre Coro dell'Armata rossa. Tutti erano in viaggio verso la Siria per tenere un concerto in occasione del nuovo anno per le truppe russe dislocate nel paese mediorientale.

Leggi la notizia

UN sisma di magnitudo 7.7 è stato registrato alle 11,22 locali (le 15,22 in Italia) a 45 chilometri di Puerto Quellon, nel sud del Cile, a una profondità di 15 chilometri. A riportarlo è l'Istituto geofisico americano Usgs. Le autorità cilene hanno diramato un'allerta tsunami, secondo cui sono possibili "onde pericolose" in un raggio di mille chilometri dall'epicentro del sisma.

Leggi la notizia

Un camion si è schiantato contro un affollato mercato di Natale a Berlino vicino alla Chiesa del Ricordo nel quartiere di Charlottenburg, nel centro di Berlino Ovest. Il bilancio definitivo è di 9 morti e 45 di feriti. La polizia, che parla di attentato, ha confermato che sul camion viaggiavano due persone. Uno dei due è morto nello schianto, l’altro fuggito a piedi è stato arrestato vicino al luogo dell’attacco. Non si hanno ancora notizie ufficiali sull’identità dell'arrestato anche se i media tedeschi parlano di un uomo pachistano o afghano (così almeno riferisce l’agenzia Dpa, citando «ambienti della sicurezza»). Anche l'identità del morto non è chiara mentre è confermato che il camion aveva targa e licenza polacca, traportava dei ponteggi d'acciaio e apparteneva ad una società di trasporti di Danzica. Il proprietario della società ha dichiarato di aver perso i contatti con il suo guidatore nel primo pomeriggio. Secondo una delle ipotesi che sta prendendo corpo il camionista potrebbe essere stato sequestrato dall'attentatore. Ma non ci sono ancora conferme.

Leggi la notizia

L’ambasciatore russo in Turchia Andrey Karlov è morto in un attacco a colpi di pistola. E’ accaduto a una mostra fotografica ad Ankara. Ferite altre tre persone. L’attentatore è stato identificato: si tratta di Mert Altintas, diplomato all’accademia di polizia di Smirne. 25 anni, al momento di aprire il fuoco avrebbe gridato: «Noi moriamo ad Aleppo, tu muori qua». E avrebbe aggiunto «Allahu akbar»

Leggi la notizia

Un'autobomba, che aveva come obiettivo un autobus di poliziotti, è esplosa aIstanbul, in Turchia, uccidendo almeno 15 persone, tra le quali molti agenti. Lo scoppio si è verificato vicino allo stadio della squadra di calcio del Besiktas al termine del match contro il Bursaspor, e alcuni testimoni hanno raccontato di aver sentito anche colpi d'arma da fuoco dopo l'esplosione. La polizia ha immediatamente cordonato tutta l'area.

Leggi la notizia

New York Corsera.it Matteo Corsini

Non c'e' dubbio che Hillary Clinton ha ragione.Con ogni probabilita' e' stata proprio l'FBI che ha fatto fuori la candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti d'America. Il killer piu' probabile e' stato James Comey, il capo dell'Fbi americana.Hillary Clinton e' stata colpita in testa dalla notizia, in piena campagna elettorale,dalla riapertura da parte dell'Fbi, delle indagini sulle emails inviate dal server personale.Come per l'assassinio di John Fitzgerald Kennedy,quella notizia si e' trasformata nei fotogrammi di un omicidio in diretta planetaria.Una notizia che ha confezionato in diretta tv, la disfatta personale e l'eliminazione politica di Hillary Clinton,perche' il dubbio di potenziali complotti orditi contro qualcuno e' la sola cosa che scuote fino in fondo la coscienza della classe media americana.



Leggi la notizia

New York CorSera.it Matteo Corsini

Hillary Clinton e' tornata in pubblico e ha trasmesso il suo punto di vista su quanto accaduto nel corso delle elezioni americane.Non v'e' dubbio che lo scandalo del mailgate ha lasciato una traccia visibile sull'intero percorso della campagna elettorale della candidata democratica Hillary Clinton e non v'e' dubbio che la riapertura con il contagocce, delle indagini da parte dell'FBI e la loro improvvisa chiusura ,abbiano lasciato gli americani con l'amaro in bocca.Ma non v'e' anche dubbio che l'attuale capo della piu' famosa agenzia americana l'FBI, James Comey, e' stato piazzato su quella poltrona da Rudolph Giuliani ex sindaco della citta' di New York e grande amico di Donald Trump,ma sopratutto esponente di spicco di un potere politico molto profondo in America,legato ad ambienti del substrato lobbistico,poteri forti e minacciosi. A pochi giorni dalla chiusura della campagna elettorale e dalla vittoria di Donald Trump,la cronaca della campagna elettorale presidenziale americana si tinge di sfumature fosche,oscure,quelle che piacciono molto agli americani,perche' vanno a sbirciare nel buio del potere della piu' grande potenza del mondo.Il complotto ordito ai danni della candidata Hillary Clinton emerge chiarissimo,pesante con il denso profumo di inchiostro delle rotative dei giornali che alcuni decenni orsono diedero il via ad uno degli scoop giornalistici piu' importanti del secolo ,lo scandalo del Watergate.Se cio' che sostiene Hillary Clinton, sara' provato, non v'e' dubbio che la macchinazione avvenuta tra Donald Trump,Rudolph Giuliani e James Comey,potrebbe avviare un'inchiesta ufficiale, il classico impeachment,ovvero la messa in stato di accusa del presidente degli Stati Uniti d'America.C'e' un complotto nell'aria che ha l'odore acre di benzina bruciata,che si e' celato dietro le attivita' ,forse illegittime, dell'ex segretario di Stato Hillary Clinton.(Corsera.it)



Leggi la notizia

In particolare la protezione civile della Nuova Zelanda ha diramato su Twitter un allarme tsunami alla popolazione che vive sulla costa orientale, specialmente nella sua parte centrale sulla South Island, e sull'arcipelago delle Chatham Islands di allontanarsi dal mare per la possibilità di onde di tsunami «dai 3 ai 5 metri di altezza», aggiungendo che la prima onda, che è stata misurata a Kaikoura in circa 2 metri, non è stata necessariamente la più potente.

La protezione civile neozelandese ha chiesto a chiunque si trovi lungo la costa orientale della South Island di spostarsi immediatamente verso l'interno. In un primo momento, l'allerta tsunami era stata esclusa. Poco dopo l'allerta le prime onde sono state segnalate sulla costa orientale. Secondo la protezione civile neozelandese le prime onde «potrebbero non essere le più alte. Ma ne seguiranno tante nelle prossime ore».


Leggi la notizia

Pagina 1 di 44    [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 ] - >>