Milano 22.4.2009 (Corsera.it) di Matteo Corsini.

Non ricordo più quando scrissi che la campagna acquisti internazionale della Pirelli re in Germania e in Romania sarebbe stata la Waterloo dell'azienda.Così è stato e tra i barbari tedeschi sono svaniti anni di laute plusavelenze immobiliari, per la società Pirelli re quotata in borsa ,cominciate con l'ultimo ciclo d'oro.Ma quello che più stona per i malcapitati azionisti che negli ultimi mesi si sono visti bruciare tra le mani il valore in borsa dei loro titoli azionari , è la lauta buona uscita di Puri Negri che si aggira intorno a 12 milioni oltre un contratto di consulenza annuo di circa 800mila euro.La società che ha visto una perdita di circa 400milioni nell'ultimo bilancio offre dunque al suo gestore un pranzo pantagruelico,quelli con cui ci si abbuffa.

IL contratto di consulenza suona come una beffa per i malcapitati azionisti.Se la Pirelli Re avesse ascoltato i miei consigli che erano oltretutto gratuiti oggi sarebbe stata in salute.

Auguri dunque a tutti quanti.

 



Leggi la notizia

Aquila 10.4.2009(Corsera.it) di Matteo Corsini

Sono giorni che racconto del terremoto immobiliare,di come spocchiosi managers riciclatisi nei fondi immobiliari durante il boom del mercato,abbiano condotto molte di queste aziende al collasso e alla rovina degli azionisti.Se immaginiamo che i fondi immobiliari di Deutsche bank erano gestiti da agenti  provenienti dal franchising immobiliare sviluppo agenzie liguri,possiamo ben capire che la vita di quei fondi sarebbe stata breve.Adesso infatti quel Vicepresidente ha finito la sua avventura nel mondo dei fondi immobiliari ed è tornato dietro il bancone di un sushi bar a pelare triglie e gamberoni,gli azionisti al contrario si sbucceranno le mani a contare le perdite delle loro quote.

Il figlio di Papà,ovvero figlio di Margherita Pirelli,l'ex playboy Carlo Puri Negri lascia la carica di amministratore delegato della Pirelli re sull'orlo di un baratro,che ha costretto gli azionisti ad una feroce ricapitalizzazione per circa 400milioni.Carlo Puri Negri è stato il protagonista del boom immobiliare,cavalcato quasi con la stessa incoscienza di altri suoi esimi colleghi da Zunino ,a Ricucci a Coppola.La Pirelli insieme a Morgan Stanley è piombata sul mercato immobiliare e a suon di milioni acquistava mattoni come fosse acqua fresca e capaci di rigenerarsi ad ogni rilancio.Uno strappo alla logica conservativa del business immobiliare che oggi nella sua veemenza gli azionisti di Pirelli re stanno pagando a caro prezzo,anzi rimettendoci l'intera camicia,i guadagni di ieri con le perdite di oggi.Quando amministratori in preda al delirio di onnipotenza,eccitati dall'euforia della materia che sebbene non si conosce diventa oro,perdono la testa e acquistando velocità finiscono per schiantarsi contro le mura ciclopiche della storia.

(continua all'interno)



Leggi la notizia

Roma 27.3.2009(Corsera.it) di Matteo Corsini Presidente Corsini real estate consulting.

Era il marzo del 2000 quando soffiai da sotto il naso il primo portafoglio UNIPOL ad alcuni protagonisti del real estate italiano,tra loro quella Aedes che oggi vive un momento devastante di crisi a causa di investimenti immobiliari improvvidi. Dietro di lei anche Pirelli Re di Puri Negri che rimase a bocca asciutta ,ma che puntava al piatto forte e con una serie di rialzi da paura fece man bassa dei successivi portafogli,impedendo a noi di fare bene il nostro mestiere a prezzi calmierati. Nacque in quei giorni la bolla edilizia immobiliare in Italia,la virulenza con la quale questi gruppi acquistavano proprietà immobiliare era devastante. Per un lungo periodo abbiamo dovuto sopportare l’arroganza  di questi player nazionali che senza guardare ai fondamentali hanno continuano a razzolare qualsiasi cosa gli capitasse a tiro,e questo oggi si vede a scapito degli azionisti,degli investitori.Inutile mettere in luce questa perifrasi del settore immobiliare,perché nessuno in quel momento era disposto ad ascoltare,tutti si gettavano a capofitto nella pozza d’oro che di lì a presto sarebbe diventata la loro bara.



Leggi la notizia

New York 18.3.2009(Corsera.it) di Matteo Corsini Presidente Corsini real estate consulting 068086058 Roma .

Neanche la crisi delle carte di credito ha fermato la vertiginosa risalita del listino azionario americano che ieri ha chiuso un'altra sessione in progresso,scacciando forse per sempre la più spaventosa crisi finanziaria degli ultimi anni.Ben Bernanke fino a ieri cassandra della crisi,sembra essere stato colto da improvviso ottimismo e spinge in avanti gli investitori che fino a ieri erano stati terrorizzati e in molti casi costretti a svendere i titoli azionari che precipitavano di valore.Al contrario qualcosa è cambiato all'improvviso,sopratutto quando il mondo ha realizzato che i soldi soffiati dentro il colosso assicurativo AIG hanno indirettamente rifinanziato alcune grandi banche europee e diversi hedge funds.Il mondo ha dunque capito che i famigerati CDS non sono legati ai default delle attività sottostanti cosidette dell'Ente di riferimento,al contrario fanno scattare l'adempimento dell'obbligazione del venditore di protezione (AIG in questo caso) al deterioramento del profilo di credito dell'ente di riferimento.Molti degli asset tossici dunque potrebbero non esserlo del tutto,anzi forse sono in ottima salute .



Leggi la notizia

New York 17.3.2009(Corsera.it)

Fonte Il Sole 24 ore.Netto rimbalzo per le costruzioni di nuove case negli Stati Uniti, che a febbraio hanno segnato il rialzo più forte dal 1990 dopo i minimi record di gennaio. Un dato che ha sorpreso gli analisti e che segnala che il 'mattone' negli Usa, dalle cui sorti dipende la tempistica della ripresa dell'intera economia e la possibilità di uscire dalla crisi creditizia, forse sta toccando il fondo.



Leggi la notizia

<< - Pagina 10 di 10    [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ]