CATANIA - Uccisa nella sua abitazione, nella frazione di Madonna degli Ammalati a Misterbianco, in provincia di Catania, mentre il marito era fuori casa per acquistare giornale e sigarette. La vittima, Marina Zuccarello, è una cinquantenne. E’ stato proprio il coniuge, rincasando, a trovare il cadavere della donna in una lago di sangue. La donna, che da pochi giorni si era trasferita in questa abitazione utilizzata per le vacanze estive, è stata sgozzata. I carabinieri, avvertiti dal consorte, hanno effettuato i primi rilievi e avviato le indagini.

 



Leggi la notizia

Uccisa, avvolta in un piumone,gettata in un cassonetto trasportato poi in un campo di via Mazzeo di Ricco, a Settecamini: una transessuale ha trovato la morte così, venerdì mattina. Ammazzata, forse, con un violento colpo alla testa. Un giallo su cui gli uomini e le donne della squadra Mobile diretta da Luigi Silipo stanno indagando.

Il cassonetto. Alle undici un inquilino di via Mazzeo di Ricco esce dal portone. Vede due uomini che stanno litigando spingendo il cassonetto dell'indifferenziata verso il campo. "Ma che state facendo?" gli urla. "Perché buttate il cassonetto nel campo? Ma che state a fa'? È del condominio: state fermi!" Uno dei due guarda l'altro e gli urla: "Corri! Corri! Avanti!". Mollano il cassonetto e scappano, a piedi.

I piedi. L'inquilino allora va verso il cassonetto per rimetterlo al suo posto. E gli prende un colpo. Vede infatti spuntare due piedi. Dentro c'è un cadavere. Si volta verso la direzione in cui sono scappati i due, impaurito perché li ha visti bene in faccia, corre verso il portone, si chiude dentro e chiama la polizia.

Leggi la notizia

Due marocchini sono stati arrestati dalla polizia nell’ambito di un’indagine collegata al terrorismo. Una terza persona è stata denunciata. I tre, che hanno tra i 27 e i 44 anni e hanno dei precedenti penali (spaccio di sostanze stupefacenti, lesioni personali e in materia di falso) sono tutti residenti nella provincia di Savona e si troverebbero in Italia da anni. L’attività di indagine, diretta dalla procura distrettuale antiterrorismo di Genova, nasce a seguito della segnalazione di una giovane savonese al commissariato di polizia online della polizia postale e delle comunicazioni, relativa ad un messaggio whatsapp pervenuto sull’utenza cellulare della ragazza da un contatto non presente nella sua rubrica e originante da un numero del Marocco. I due sono accusati per il momento soltanto di reati legati al possesso di stupefacenti, precisa però la polizia.

Leggi la notizia

E' rimasta per quasi quattro ore chiusa nella macchina della mamma parcheggiata lungo una strada, dimenticata, ieri mattina a Vada (Livorno). Quando la donna ha finito di lavorare, dopo mezzogiorno, è andata verso l'auto e ha trovato la sua bimba, 18 mesi, ormai priva di senso. La lunga permanenza nel caldo torrido dell'abitacolo è stata fatale. La bambina è morta oggi, mercoledì, intorno alle 18.30, quando all'ospedale Meyer di Firenze si sono concluse le procedure necessarie ad accertare il decesso da parte di una commissione di medici. I genitori sono sotto shock per il dramma che stanno vivendo, così come tutta la comunità del paesino sulla costa livornese, dove la famiglia è molto conosciuta.

Mentre martedì sera la situazione non sembrava drammatica, fin dalla prima mattinata di oggi si è capito che le cose stavano precipitando: "Le condizioni della bambina sono gravi, in mattinata la situazione si è ulteriormente complicata, sicuramente c'è un danno che potrebbe aver compromesso le funzioni neurologiche". Così il direttore sanitario del Meyer Francesca Bellini con i giornalisti:  "Siamo preoccupati per l'esito". Subito dopo i medici sono andati a parlare con i genitori per dare la drammatica notizia. Anche se sconvolta dal dolore, la coppia ha acconsentito al prelievo degli organi.

 

Leggi la notizia

Orrore in un centro disabili in Giappone. Un uomo armato di coltello, con i capelli biondi e vestito di nero, ha ucciso 19 persone e ne ha gravemente ferite altre 45 a Sagamihara, nella prefettura di Kanagawa, a poche decine di chilometri a ovest di Tokyo. L'uomo, poco più che ventenne, si è poi consegnato alla polizia che aveva circondato l'edificio e avrebbe detto - secondo alcuni media locali - di aver compiuto l'orribile gesto con l'intenzione di «liberare il mondo dai disabili».

Leggi la notizia

È stato “sgozzato” il prete che era stato preso in ostaggio da due squilibrati, assieme ad altre persone, in una chiesa della Normandia, in Francia.
La vittima, Jacques Hamel, aveva 86 anni.
Un altro ostaggio sarebbe ferito in modo gravissimo.
I due assalitori sono stati uccisi dalla polizia francese.

Leggi la notizia

A forza di andare avanti e indietro da quel garage aveva finito per insospettire anche numerosi cittadini della zona di Fidene, in via Carmelo Bene. Così, dopo una serie di pedinamenti , i carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato un 47enne romano con numerosi precedenti: è accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione di arma clandestina, detenzione abusiva di armi e munizioni e ricettazione. Da un po’ di tempo i Carabinieri erano sulle tracce dell’uomo che raggiungeva spesso il garage. L'uomo era stato notato, più volte al giorno, arrivare e fermarsi - apparentemente senza motivo, ma notato anche da alcuni cittadini - molto tempo all’interno del locale.

Domenica pomeriggio, i Carabinieri lo hanno intercettato all’esterno del garage e sono intervenuti per un controllo approfondito, al seguito del quale hanno rinvenuto 4,5 chili di cocaina, in parte già divisa in dosi e in parte divisa in due confezioni pressate, una pistola modello Beretta calibro 9, risultata denunciata rubata nel 2005, alcune decine di proiettili calibro 9 custoditi in un borsello, 1.550 euro in contanti, divisi per taglio di banconote, oltre a sostanza utilizzata per il taglio della cocaina, strumenti e materiale per il confezionamento della droga, compresa una pressa idraulica.

L’attività svolta dai carabinieri del reparto antidroga di via In Selci ha permesso di accertare che l’uomo utilizzava il garage come luogo di stoccaggio e di lavorazione della droga. L’uomo è stato portato in carcere a Regina Coeli.

Leggi la notizia

Confermata dalla Cassazione la condanna a venti anni per Salvatore Parolisi, il militare che haucciso la moglie Melania in un bosco del teramano dove la donna era scomparsa l'11 aprile del 2011. Il ricorso di Parolisi contro la condanna ridotta nell'appello bis è stato "rigettato", come aveva chiesto stamani la procura della Cassazione. Dunque è stato convalidato quanto deciso dalla Corte di Assise di Perugia, nel secondo processo d'appello, con la sentenza emessa il 27 maggio 2015, che ora è definitiva.

 

 

 



Leggi la notizia

Sono passati esattamente 10 anni da quando Stefano Ricucci si era reso protagonista delle indagini sui cosiddetti “furbetti del quartierino” che gli aveva consentito di accumulare un ingente capitale.
Oggi, nel 2016, nuovamente indagato insieme a Mirko Coppola per l’emissione di fatture false. A condannare i due è il tribunale di Roma a seguito delle indagini compiute dalla Guardia di Finanza del Nucleo di polizia tributaria di Roma. Le fatture false prodotte da Stefano Ricucci e Mirko Coppola superano in totale il milione di euro, cosa questa che gli consentiva di ottenere soldi liquidi in grande quantità.

Leggi la notizia

(CNN)The gunman who killed nine people in a rampage in Munich on Friday was obsessed with mass shootings and appeared to have planned the attack for a year, officials said.

"He appears to have planned this act since last summer," Robert Heimberger, president of the Bavarian state criminal police office, said at a press conference Sunday.
"He completely occupied himself with this act of rampage."
 
 


Leggi la notizia

Un uomo ha ucciso una donna a colpi di machete e ha ferito altre due persone. È accaduto nei pressi di un negozio di kebab, nel quale la vittima lavorava, a Reutlingen, nel Baden-Württemberg. Ferite due persone. L'aggressore è stato arrestato. Non sono ancora chiare le ragioni del gesto, avvenuto in Karlstrasse, una via a poca distanza dalla stazione ferroviaria. La polizia, però, esclude che ci siano rischi per la popolazione: "Per quanto si sa al momento non ci sono indicazioni per parlare di un attacco terroristico". Ma la notizia, dato il clima teso dopo l'attacco a Monaco e l'aggressione sul treno, ha suscitato subito allarme.

Leggi la notizia

La ricostruzione della Polizia tedesca viene smentita dal testimone italiano D'Ettorre che si trovava nel parcheggio del centro commerciale al momento della strage.Lo stesso ha riferito che il killer non ha agito da solo ,che mentre Ali Sonbony sparva all'interno del centro commerciale,un altro terrorista sparava con una mitraglietta all'interno del parcheggio,dove lo stesso si era rifugiato nel tentativo di scappare.D'Ettorre il supertestimone riferisce anche di un uomo vestito da Babbo Natale all'ingresso del parcheggio.(corsera.it)

Terrore a Monaco, in Germania. Sono almeno 10 i morti, uno è il killer suicida, e 16 i feriti, in una strage in un centro commerciale. L'attentatore, un 18enne tedesco-iraniano, ha sparato colpi di pistola prima fuori da un ristorante McDonald e poi nel centro commerciale contro persone che facevano compere, infine si è suicidato.

 



Leggi la notizia

La ricostruzione della Polizia tedesca viene smentita dal testimone italiano D'Ettorre che si trovava nel parcheggio del centro commerciale al momento della strage.Lo stesso ha riferito che il killer non ha agito da solo ,che mentre Ali Sonbony sparva all'interno del centro commerciale,un altro terrorista sparava con una mitraglietta all'interno del parcheggio,dove lo stesso si era rifugiato nel tentativo di scappare.D'Ettorre il supertestimone riferisce anche di un uomo vestito da Babbo Natale all'ingresso del parcheggio.(corsera.it)Terrore a Monaco, in Germania. 

Leggi la notizia

La ricostruzione della Polizia tedesca viene smentita dal testimone italiano D'Ettorre che si trovava nel parcheggio del centro commerciale al momento della strage.Lo stesso ha riferito che il killer non ha agito da solo ,che mentre Ali Sonbony sparva all'interno del centro commerciale,un altro terrorista sparava con una mitraglietta all'interno del parcheggio,dove lo stesso si era rifugiato nel tentativo di scappare.D'Ettorre il supertestimone riferisce anche di un uomo vestito da Babbo Natale all'ingresso del parcheggio.(corsera.it)

Sono almeno 10 i morti, uno è il killer suicida, e 16 i feriti, in una strage in un centro commerciale. L'attentatore, un 18enne tedesco-iraniano, ha sparato colpi di pistola prima fuori da un ristorante McDonald e poi nel centro commerciale contro persone che facevano compere, infine si è suicidato.

 



Leggi la notizia

Messina si ritrova un’altra volta senz’acqua ma questa volta con dolo: qualcuno ha dato fuoco al bypass. L’erogazione è stata interrotta dall’azienda municipale dei servizi idrici Amam alle 9 dopo che un incendio stanotte ha bruciato i tubi del bypass di Calatabiano. Sono quattro i tubi che erano stati realizzati lo scorso autunno per risolvere la grave emergenza idrica, di cui adesso rimangono utilizzabili solo 150 metri. Stavolta però c’è stata una precisa volontà: “Un incendio doloso appiccato in due diversi punti sui quattro tubi”, avverte Lorenzo Termini, presidente dell’Amam.
E continua: “Siamo stati avvertiti stamattina alle 5 dalla ditta che presidia il luogo, siamo adeso qui sul posto per risolvere la situazione e capire quali interventi avviare. Intanto l’erogazione sarà garantita dall’Alcantara”. Dal bypass dell’Alcantara però è garantita una portata minima di appena 250 litri, assolutamente insufficienti per la città per giunta adesso in periodo estivo. I tubi del bypass erano stati acquistati lo
 
 scorso novembre da una società di Reggio Emilia che aveva a disposizione la tubatura con una speciale capacità di inflessione: “Abbiamo già allertato la ditta, a breve sapremo dire come risolveremo”. Ed è polemica: “Siamo stati noi ad intervenire lo scorso autunno non la protezione civile, il bypass è stato studiato e avviato da noi e per questo non abbiamo ricevuto nulla dal governo nazionale per l’emergenza”, sottolinea Termini.

Leggi la notizia

<< - Pagina 15 di 89    [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 ] - >>