Corsera.it Roma 9 Maggio 2010

Ciò che sembrava un teorema,quello di De Magistris nell'inchiesta Why Not,a distanza di mesi assume un preasagio sinistro,perchè alcune delle persone coinvolte allora,oggi hanno  beneficiato degli appalti dei Grandi Eventi,quelli gestiti da Angelo Balducci,riempendosi le tasche al G8 della Maddalena.Milioni di euro dei contribuenti italiani.

Ripercorriamo la storia e rileggiamo i nomi di ieri e di oggi.Un caso? una coincidenza? Oppure Why not aveva fatto centro?

Coinvolto un generale Gdf. Nella vicenda sarebbe coinvolto anche Paolo Poletti, generale della Guardia di finanza, attuale capo di Stato Maggiore delle Fiamme gialle (oggi a Roma, alla cerimonia di insediamento di Cosimo D'Arrigo). Sarebbe stato in rapporti con l'imprenditore calabrese Antonio Saladino, ex presidente della Compagnia delle Opere in Calabria. Intanto sono stati perquisiti anche gli uffici e le abitazioni di Giorgio Vittadini, ex presidente della CdO nazionale, e attuale presidente della Fondazione per la sussidiarietà,



Leggi la notizia

New York 2 Maggio 2010 (Corsera.it)

Paura terrorismo a New York,questa sera è stata disinnescata un'autobomba a Times Square,il cuore pulsante della grande Mela,The Big Apple come la chiamano i suoi abitanti.Un fumo acre e nero,segnalato da un ambulante,si è visto sollevare dall'interno di una Nissan Pathfinder,parcheggiata con le quattro frecce accese.Le wizard forse dovevano ...



Leggi la notizia

COMO - 5 Aprile 2010 (Corsera.it)

Un mistero forse durato poco.Sgozzata da una ferocia demoniaca,così è morta la ragazza svizzera ritrovata sulle sponde del lago di Como,sotto la casa del divo americano George Clooney.Ma il giallo del delitto potrebbe avere già una soluzione.Il marito della ragazza è stato arrestato nella notte.(Corsera.it)

Potrebbe essere molto vicino alla soluzione il giallo della donna trovata morta nelle acque del lago di Como. Domenica il cadavere è stato identificato e poche ore dopo, in tarda serata, è stato fermato il marito della donna, che aveva 36 anni e viveva a Castel San Pietro, nel Canton Ticino. Il 37enne, portato nel carcere di Lugano, avrebbe già fatto le prime ammissioni: già oggi dovrebbe essere interrogato dal magistrato svizzero.



Leggi la notizia

Roma, 5 apr. (Ign) - E' stato arrestato ieri il marito della donna di 36 anni, scomparsa lo scorso 25 marzo e ritrovata morta tre giorni fa nelle acque del lago di Como, a Laglio, non molto lontano dalla villa di George Clooney, con un profondo taglio alla gola. Lo hanno riferito fonti di stampa svizzere.

 

La vittima era sposata e madre di un bambino e risiedeva nel Canton Ticino, vicino a Mendrisio. Ieri i carabinieri, in stretta collaborazione con la polizia elvetica, hanno finalmente dato un nome e un cognome a quella che inizialmente sembrava una ragazza dell'Est e secondo le prime ipotesi anche una escort.

 

A riconoscere la vittima è stato il fratello della 36enne, al quale sono state mostrate le foto della donna diffuse dagli investigatori: il volto, i due piccoli tatuaggi che raffigurano un sole e un cupido, e il braccialetto che aveva al polso.

 

E' probabile che la donna sia stata uccisa con un colpo alla nuca inferto da un corpo contundente, poi sgozzata con un profondo taglio da parte a parte, e gettata in acqua, ma parecchie ore dopo la morte.

Leggi la notizia

ATTENTATI - La stazione di Lubianka si trova proprio sotto il quartier generale dei Servizi di sicurezza federale (ex Kgb). L'esplosione ha fatto saltare la seconda vettura del convoglio provocando 14 vittime e lo scoppio ha investito anche la pensilina causando almeno altre otto vittime. La seconda esplosione è avvenuta alle 8,38 alla stazione del Parco della cultura sulla linea Sokolniceskaja

Leggi la notizia

Roma 20 Marzo 2010 (Corsera.it)

La nova Roma che stiamo costruendo con il Governo Silvio Berlusconi....



Leggi la notizia

Roma 15 Marzo 2010 (Corsera.it)

Forse dorme sonni agitati,ma Silvio Berlusconi ha mostrato in pubblico preoccupanti borse sotto gli occhi e si pensa ad un intervento chirurgico nelle prossime ore.



Leggi la notizia

'Ora basta. E' il momento di abbassare la voce'. Lo afferma Umberto Bossi in un'intervista al 'Corriere della sera'. 'Questa cosa delle intercettazioni - afferma il leader del Carroccio - e' da matti: anche se intercettano mia moglie al telefono con mio figlio puo' sembrare chissa' che. E a lui hanno fanno un gran danno'. Il ministro delle Riforme, riferendosi anche all'inchiesta di Trani, osserva: 'Forse Berlusconi dovrebbe stare piu' attento. Pero' non e' che un presidente del Consiglio possa non parlare al telefono perche' sa di essere intercettato. Ma dove siamo? Non e' una cosa normale, questa'.

Leggi la notizia

Roma 11 Marzo 2010 (Corsera.it)

Sono centinaia le puttane ingaggiate da Diego Anemone per soddisfare gli abnormi appetiti sessuali della sua masnada di funzionari pubblici.Un giro di escort e guerrieri neri,che rifocillavano Angelo Balducci.Un ballo tribale e truculento,che evidenzia il degrado morale dei conduttori degli appalti pubblici della Protezione Civile.Ma quello che...



Leggi la notizia

Roma 10 Marzo 2010 (Corsera.it)

Pietrino Vanacore se ha visto qualcosa,anzi se ha visto l'omicida,deve essere qualcuno che deve avergli fatto molta paura,se per oltre ventanni si è tenuto questo segreto nel cuore,fino ad indurlo al suicidio.Se invece è un testimone scomodo,qualcuno potrebbe averlo ammazzato,perchè la dinamica del suicidio lascia molti dubbi,come la fune che lo lega per la caviglia,una sorta di incaprettamento acquatico,difficilmente praticabile su se stessi.

La morte improvvisa,anzi il suicidio di Pietrino Vanacore,il portiere dello stabile di Via Poma a Roma,teatro dell'omicidio di SImonetta Cesaroni,lascia l'amaro in bocca,perchè...



Leggi la notizia

Roma 10.3.2010 (Corsera.it)

Carlo Magno è stato aggredito dal picchiatore fascista Ignazio la Russa,attualmente Ministro della Repubblica Italiana.Una rissa con i fiocchi tra il freelanca Rocco Carlo Magno e Ignazio La Russa,che a dire del giornalista l'avrebbe colpito due volte con dei pugni e con una capocciata al volto.Il Ministro La Russa tornato ai vecchi tempi delle zuffe di piazza non ha perso tempo e dopo aver sentito replicare due o tre ...



Leggi la notizia

Roma 9 Marzo 2010 (Corsera.it)di Matteo Corsini

Dopo i due editoriali al vetriolo di Ernesto Galli della Loggia,il Corriere della Sera,oggi ci riprova con un editoriale di Massimo Franco,il Pasticcio(parte seconda).L'involucro della miscela avvelenata è sempre il medesimo,tentare di delegittimare le attività di Governo e dei suoi esponenti di maggior spicco,al fine di indurre nel lettore che la sensazione di disagio provata a seguito della mancata presentazione delle liste,sia un cupo riflesso anche nelle azioni del medesimo Silvio Berlusconi.Come dire,tanto mi da tanto,se non sono in grado di perfezionare un'attività politica come la presentazione di una lista,anche al Governo chissà quante ne combinano.Inoltre...



Leggi la notizia

(AGI) - Imperia, 8 mar. - Tragedia presso la caserma dei vigili del fuoco di Imperia, dove ieri sera si e' tolto la vita il vigile Ivan Gismondi, a poco meno di un anno di distanza dalla morte del figlio, Nadir, di 22 anni, che il 28 giugno scorso si era suicidato con un colpo di pistola alla testa: il ragazzo si era visto ritirare la patente dai carabinieri, perche' aveva un tasso alcolemico nel sangue pari a 0,7, contro il limite di 0,5 previsto dalla legge. Ivan e' stato trovato impiccato da un collega nella camerata della caserma. Il tragico episodio ha gettato nello sgomento tutto il distaccamento di Imperia dei vigili del fuoco. Ivan era anche stato in Abruzzo per assistere le popolazioni colpite dal terremoto. La morte del figlio, "discontinuo" dei vigili del fuoco, lo aveva gettato nella disperazione, tanto da farlo ammalare di depressione. Fu cosi' alta l'umiliazione ricevuta che Nadir, considerato un ragazzo "modello" per la sua educazione, tornato a casa prese la pistola calibro 9, regolarmente detenuta, e si sparo' un colpo alla testa. (AGI) Cli/Ge/Mom

Leggi la notizia

Roma 8 Marzo 2010 (Corsera.it)

La festa delle donne non ha avuto clemenza per Renata Polverini,che si è vista bocciare il ricorso dal TAR del LAzio,per la riammissione della sua lista per le prossime elezioni regionali.Una vera e propria tragedia che rischia di spazzare via l'intero PDl nel Lazio,una sciagura per incompetenza dei suoi funzionari ,ma sopratutto una iattura per i delicati equilibri all'interno del PDL.(Corsera.it)

ROMA -  Il Tribunale amministrativo del Lazio ha respinto il ricorso del Pdl per le candidature di Roma e provincia. Probabile ora il ricorso al Consiglio di Stato. I giudici hanno...



Leggi la notizia

<< - Pagina 69 di 89    [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 ] - >>