SCANDALO LARIO NOEMI LETIZIA.SILVIO BERLUSCONI GLI ULTIMI GIORNI DELLA REPUBBLICA DI SALO'.

Roma 14 Maggio 2009 (Corsera.it) di Matteo Corsini

Forse dobbiamo cominciare a prepararci al cambio di guardia al vertice del Governo italiano.Come dice Veronica Lario Silvio Berlusconi sta male e tutti noi dobbiamo aiutarlo.Ma cosa nasconde questa frase? Sono gli ultimi giorni? Ci appare il fantasma della Repubblica di Salò,quegli ultimi momenti di un regime in caduta libera,dove i gerarchi fascisti nel racconto cinematografico di Pasolini si permettono ogni cosa,stravolgono il senso stesso della natura umana,si immaginano Dei sulla Terra.Veronica allude forse  al fatto che il marito Silvio Berlusconi ha superato ogni limite biologico e umano? Ha saltato il fosso?

La sinistra puritana,quella che ormai è diventata la destra in Italia,guarda alle avventure erotiche del Capo del Governo come alle ....

....sembianze di un mostro che incarna il Male e suggerisce al suo popolo l'Icona furente del diavolo.Ma che male ha fatto Papi ci domandiamo noi?

Diciamo che una procace e bellissima bionda superdotata ha invaghito una serie innumerevole di uomini dello staff di Berlusconi,fingendosi non soltanto maggiorenne ma audace promessa del cinema italico,una Sofia Loren di Casoria.Chi non sarebbe caduto nel tranello? Chi non si sarebbe fatto irretire da una coppa di leggiadra giovinezza che ti si getta ai piedi?

Noemi Letizia è una Santa? Oppure è Vergine? Silvio Berlusconi appare dunque come vittima di un desiderio di potere,di rivincita del proprio squallore esistenziale,Silvio Berlusconi è l'icona della giustizia terrena,a cui si sacrifica qualsiasi cosa.

Questo è un paese abbandonato a se stesso,in cui gli uomini della pubblica amministrazione dell'Aquila hanno assassinato i propri simili nell'indifferenza generale.Questo è il paese in cui la sinistra sventola i vessilli della repressione morale contro la promiscuità della sessualità,questa è l'Italia in cui la sinistra scompare comandata da un prete che si mena l'uccello autoflagellandosi nel compiacimento generale.

Silvio Berlusconi imperatore agli ultimi giorni,ruggisce ogni istante della sua splendida vita,lasciandosi dietro una scia di invidia,gelosia e orrore,le tipiche virtù di un paese di impotenti.

Conosco bene cosa sia l'invidia,quel germe solitario che cresce negli uomini giorno per giorno,senza lasciargli scampo della propria esistenza.Sono i complessi d inferiorità,la mostruosità di se stessi che non si libera .Accanto a questi furbi del mestiere della politica,Silvio Berlusconi è un adone,conquista le folle,cammina quasi sollevato da terra,è veramente Dio irrefrenabile e invincibile.

Che male ha fatto dunque Papi a soffermarsi sopra un momento essenziale,leggiadro e profumato di una conquista intensa,che suona come una melodia per ogni uomo,abbordato per i suoi soldi ad ogni passo ? Sapete quale deve essere lo strazio di un padre con 6 figli boriosi e vanagloriosi? Sapete che inferno quella di Silvio Berlusconi alle prese con donne di ogni genere che gli si prostano ai piedi pur di incamerare un regalo qualsiasi?
Sapete che Inferno quel ciarpame senza pudore che gli vortica intorno nella speranza di farsi considerare?

Silvio Berlusconi è un rivoluzionario,negli scranni del suo Governo siedono ministre come Carfagna e Prestigiacomo che in questo paese per la loro bellezza,sarebbero state soltanto oggetto di desiderio sessuale e non certamente di considerazione pubblica.Troie da scopare,non certo donne in grado di reggere un Ministero.Certo non  ci sono tronisti nei suoi dicasteri,ma tutti sappiamo che Silvio Berlusconi non è frocio,ma un conquistatore.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti