VERONICA LARIO DIVORZIO DIABOLICO.QUELLA CENA GALEOTTA A VILLA MADAMA TRA SILVIO BERLUSCONI E LA STAGISTA NOEMI LETIZIA .

Roma 21 Maggio 2009 (Corsera.it)

La festa era organizzata da Silvio Berlusconi per il Made in Italy,le grandi firme della moda italiana invitate a Villa Madama per un ricevimento degno di una Regina.Clima estivo,brezza di ponente,tavoli imbanditi,lumi di candela e uno stuolo di camerieri in livrea che svolazzavano tra gli ospiti agitando i vassoi pieni di coppe di champagne.Una cornice fantastica quella di Villa Madama che Silvio Berlusconi ha voluto dedicare ai nomi più importanti del fashion italico,c'erano tutti da ....

.....Paolo Zegna a Laudomia Pucci,da Santo Versace a Leonardo Ferragamo ,con loro anche alcuni Ministri tra cui il fedelissimo Gianni Letta e Enrico Bondi.Accanto al Premier una splendida bionda napoletana,giovanissima,che lui stesso ha indicato come stagista Noemi Letizia figlia di amici napoletani.Ma dei genitori non c'era l'ombra,come ha dichiarato un industriale al quotidiano La Repubblica .

Noemi Letizia dunque era presente alla festa in maschera del Presidente Silvio Berlusconi,invitata come una Cenerentola tra i personaggi famosi del mondo della moda,una cornice incantata per un sogno proibito,la sua presenza profumata ,la pelle liscia,lo sguardo timido da cerbiatta dei boschi,sfuggente ai presenti,ignari che la storia d'Italia stesse trascorrendo tra loro come il vento nelle vesti leggere,il vestito di seta a fiori di Noemi.Un gioco di sguardi dunque, tra il Presidente e la bella fanciulla stagista per caso,Noemi danzava con se stessa,la gloria e la fortuna erano sorelle amichevoli quella notte d'estate,quasi un segno del destino,il riflesso della luce della felicità per una volta intorno a lei.Casoria,Napoli,la funesta infanzia scomparsa d'improvviso,salita su quel carro della felicità e della notorietà,quel segreto da serbare nel cuore e in gola,da non svelare a nessuno,come il frutto proibito del giardino del Paradiso terrestre.Noemi era lì,tra i grandi della terra,mescolata agli animi infervorati della moda italica,uno scenario perfetto per una conquista assoluta,la vittoria di quello spasmo del potere che freme nella mente e nel corpo di ogni donna desiderosa di conquistare lo scranno del successo,uscire dall'anonimato.Regina dei sogni e dei misteri di un uomo potente,l'ultimo traguardo ambito della corsa senza freni del Cavaliere di Arcore,la forbice che taglia anche l'ultimo confine tra realtà e fantasia.Si scuote ad un soffio da lui,la palpitazione del cuore,la sorregge ancora prima di svenire tra le sue braccia,figlia,amante,amica,stagista,chissà cosa altro per la fantasia del popolo italico che insieme a lei sogna un giorno di uscire per sempre dalla miseria e la disperazione.Noemi Letizia per una notte regina,per una notte nel sogno,per una notte nella storia,chissà quante altre volte la fortuna busserà alla sua porta,ma quel giorno d'estate è comparsa davvero,truccata da inganno,in smoking nero,il sorriso smagliante come quello del Papi.


Segue con il racconto di La Repubblica .La ragazza ha parlato poco, e ascoltato molto. A un certo punto, secondo la ricostruzione di almeno tre fonti diverse invitate alla cena, ha fatto un rapido giro del salone, mentre l'orchestra suonava musiche americane e francesi. E non è passata inosservata. Uno dei commensali, seduto ad un altro tavolo a fianco all'allora segretario generale della presidenza del Consiglio Mauro Masi, ha chiesto lumi. "Chi è quella ragazza?". La risposta è stata la seguente: "È una cara amica napoletana del presidente. Non era previsto che venisse, ma lui l'ha voluta a tutti i costi, e per questo è stato addirittura necessario rivedere il "placement" del tavolo uno...". Cioè la distribuzione dei posti al tavolo nel quale era seduto il premier. A fine cena, secondo il ricordo dei presenti, sarebbe stata vista allontanarsi su un'auto blu, al seguito dell'Audi A8 nera del premier.

Berlusconi, come ha affermato in diverse interviste, ha dichiarato di non aver mai conosciuto personalmente la ragazza di Casoria, e di averla incontrata un paio di volte, sempre al seguito dei suoi familiari. "Ho avuto occasione di conoscerla tramite i suoi genitori. Questo è tutto", ha detto ai microfoni di "France 2" il 6 maggio. "Sono amico del padre. Punto e basta", ha aggiunto nell'intervista a "La Stampa" il 4 maggio. Con tutta evidenza, la ricostruzione di quanto accaduto quella sera di novembre sembra quindi aprire un'altra faglia nella linea difensiva costruita dal Cavaliere intorno all'intera vicenda. Come Repubblica ha accertato, il premier ha incontrato Noemi - sua ospite a tavola senza genitori - almeno in una circostanza.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti