NOEMI LETIZIA PECCAMINOSA E DISPERATA .O PAPI PAPI MIO TI GIURO NON LO FACCIO PIU' .PORTAMI VIA PER SEMPRE INSIEME A TE.

Casoria 25 Maggior 2009 (Corsera.it)

L'adolescente Noemi Letizia piange disperata,la partecipazione del Premier Silvio Berlusconi alla sua festa di compleanno ha scatenato il putiferio intorno all'uomo per il quale nutre una vera e propria venerazione.Tutto avrebbe immaginato tranne che le sue parole si sarebbero abbattute di lì a poco come un tornando sul Presidente del Consiglio,la persona più potente d'Italia.Ma purtroppo così è stato,le sue ingenue parole di fanciulletta con il cuore traboccante d'amore per il suo idolo,sono diventate le fiamme dell'Inferno per .......

......il Capo del Governo Silvio Berlusconi ,impegnato ormai in una devastante campagna stampa demnigratoria nei suoi confronti,che in tutti i modi cerca di portare a galla verità nascoste o mai esitite.Una insalatiera dove sta cadendo di tutto,allusioni erotiche,accuse di pedofilia,particolari morbosi di questa storia che in effetti a livello mediatico ha dell'incredibile.Nessun italiano pensa bene di questa storia,anzi il flirt è decisamente peccaminoso,una matassa difficile da sbrigliare anche per il Premier,che appare come Al Capone impegnato a difendersi in una cosa di poco conto,come l'evasione fiscale,quando  al contrario aveva commesso orrendi crimini.Ma Silvio Berlusconi non è Al Capone e Casoria non è la Chicago del proibizionismo,eppure gli elicotteri volano radenti sopra la testa di Noemi Letizia he piange disperata e vorrebbe tanto andarsene via e farsi dimenticare.ll suo appello disperato a Papi ha il sapore della beffa,perchè sono state le sue dichiarazioni a scatenare la tempesta mediatica che a distanza di giorni e giorni non sembra cessare di aggiungere particolari sempre più interessanti.Silvio Berlusconi è in un cul de sac da cui non riesce ad uscire,anche la sua dichiarazione alla CNN international evidenzia come Berlusconi e suggeritori non abbiano ancora inividuato una strategia di uscita,senza rimanere poi impigliati nella trappola dei Letizia.Si pensa al domani,qualsiasi dichiarazione di oggi potrebbe essere smentita da uno dei componenti della famiglia,rischiando di compromettere la reputazione del Presidente del Consiglio in qualsiasi istante.
Commenta questo articolo

Tutti i commenti