SCOOP CORRIERE DELLA SERA .DA NOEMI LETIZIA A PATRIZIA D'ADDARIO LE FIGLIE DI MADAMA DORE' TENGONO IN PUGNO SILVIO BERLUSCONI.

Bari 18 Giugno 2009(Corsera.it)

O quante belle figlie Madama Dorè...o quante belle figlie......

Sono sexy,lascive,sono provocanti queste figlie di Madama Dorè che ruotano intorno alla vita privata del Premier Silvio Berlusconi.Sono bionde,labbra gonfie,occhi da cerbiatte,corpi scultorei,pronte a qualsiasi compromesso per raggiungere la vetta del successo.Silvio Berlusconi è dunque una preda ambita,riunisce nelle sue mani il potere politico e quello mediatico.Le figlie di Madama Dorè farebbero follie per lui e anche le mamme e le zie.Da Bari parte un'altra raffica di volgari insinuazioni contro Silvio Berlusconi,ma questa volta sono quattro le ragazze ,sentite dalla Procura di Bari,disilluse finite nella reggia di Porcellonia e uscitene fuori senza niente in tasca.Una vendetta?

Ma dalla Procura di Bari è partita una inchiesta seria,che vede coinvolti  alcuni imprenditori, vicini a Berlusconi o che almeno ne frequentano le sue pazze feste, nello scandalo della sanità locale,appalti truccati,mazzette.Una cosa seria,un altro colpo fgormidabile nella cartuccera dell'opposizione che sfrutta ogni palpito di questi scandali per trarne profitto politico.

(segue all'interno)

 

Le figlie di Madama Dore' tengono in sotto scacco Silvio Berlusconi,dopo lo scandalo di Noemi Letizia ecco profilarsi nelle oscurità delle notti del Premier a Palazzo Grazioli,anche un'altra biondona Patrizia D'Addario di Bari,penetrata notte tempo nelle sale damascate del Principe delle televisioni.Impegno contrattuale,perchè dalle indagini della Procura di bari,sembrerebbe che le ragazze siano state prezzolate per partecipare ai festini a base di pizza e champagne.Patriza D'Addario sorella siamese di Noemi Letizia ha addirittura fotografato la sua nottata dal Re Silvio,ripreso con un videotelefonino,che ritrarebbe anche la fotografia di Veronica Lario appesa alla parete della camera da letto.

La scossa elettrica di cui anticipava Massimo D'Alema è dunque ripartita,nel tentativo di affondare le ambizioni politiche del Premier Silvio Berlusconi che deve affrontare la delicata fase economica internazionale.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti