REGIONALI.DANIELA SANTANCHE' LA PECORAIA AL BISTURI PER I CAPRONI DELLA DESTRA ITALIANA.

Roma 8 Dicembre 2010 (Corsera.it)di Big Mac

Daniela Santanchè,le sue enormi tette e le sue enormi labbra sprofondano a destra,ma anche altrove,nell'immaginario collettivo degli italiani.Silvio Berlusconi ha vinto in politica usando la stessa strategia delle campagne marketing pubblicitarie.Daniela Santanchè è una sua geniale trovata per assorbire i voti della destra,in concomitanza con la fusione tra Forza Italia e Alleanza Nazionale.Idem con Francesco Storace.Il rischio di perdere i consensi dell'estrema destra,ha di fatto realizzato a tavolino la costruzione di un partito dell'estrema destra , infatti ...

....Daniela Santanchè ha portato a casa un milione di voti,ma ha avuto campo libero nelle televisioni di Stato e in quelle del Cavaliere.Senza televisione non si vince in politica in Italia.Oggi Daniela Santanchè ha però necessità di essere istituzionalizzata,ovvero far parte della squadra di Governo,al fine di assorbire anche le simpatie dei voti della destra meno estrema,quella che ha votato Gianfranco Fini,riconoscendosi nella svolta di Fiuggi.Il motivo è chiaro,la rottura tra i due leaders del Popolo della Libertà è ormai profonda,quasi un gioco alla luce del giorno,in cui il sornione leader di Alleanza Nazionale,cerca di assumere le redini di un accordo politico che ha la forma dell'inciucio,anzi del compromesso storico con il Partito Democratico.Qualsiasi cosa,qualsiasi arma pur di  mandare a casa Silivo Berlusconi e i suoi accoliti.Il tempo sembra dunque scaduto e il colpo inferto al volto del Premier,dal Tartaglia,suona sinistro,anzi un monito di quanto in seguito di cruento potrebbe accadere.

Per noi è chiaro abbastanza che la Daniela Santanchè è una delle tante figurine che il Cavaliere utilizza per giocare alla politica,non è dunque un politico,ma un lacchè.Sintomatico dunque che rappresenti un milione di cittadini che votano a destra,ma forse questi sono dei caproni e per muoversi o pensare hanno bisogno del bastone.

Corsera.it

Commenta questo articolo

Tutti i commenti