AVETRANA DELITTO.L' AMORE SEGRETO DI SARAH SCAZZI. LE PAROLE COME LA MUSICA POSSONO PARLARE.

Avetrana 13 Ottobre 2010 (Corsera.it)

Melodie e canzoni che sono anche sentimenti,possono far conoscere il profondo dell'anima di una persona.Qualcuno ha ascoltato quelle parole,ne siamo certi e ha conservato le cuffie del telefonino,come un cimelio,un ricordo,il ponte per stare con lei,tornare a trovarla.Chi ha strappato dalle mani di Sarah Scazzi il suo telefonino,voleva...

....impadronirsi anche della sua vita,dopo averle dato la morte.Gelosia,invidia,la morbosa volontà di entrare dentro di lei,Sarah,bionda e bellissima.Parole e canzoni che hanno attirato l'altro mostro nel lago... ...della passione,lungo i sentieri di Sarah,dove anche lei si perdeva,distratta dalla esistenza quotidiana.Chi ascoltava le canzoni della ragazza? Chi leggeva in profondità nel suo animo? Chi voleva parlarle,senza essere lei,anzi nascondendosi a lei',scoprire cosa faceva,magari proprio in qualche  piccolo indizio del suo telefonino? Chi voleva sapere chi amava Sarah Scazzi,di chi si era invaghita,chi la seguiva davvero? Davvero poche cose,atti semplici dal fare quotidiano,cose banali,che qualcuno voleva gettare via,cancellare per sempre.Chi ha tenuto le cuffie ha ascoltato le canzoni di Sarah,ha cercato nella sua rubrica,ha letto i suoi messaggi.Cosa contenevano quelle parole? Erano parole di amore? Parole di un uomo? Un amore conteso ?Sappiamo che all'età di Sarah gli amori sono anche fortissimi,capaci di far girare la testa,di colpirti forte e trascinarti nella luce della felicità.Chi conosceva il segreto di Sarah? Chi vedeva nei suoi occhi e attraverso il suo cuore ha forse voluto ucciderla per gelosia? Per odio? Per vendetta?

Sappiamo che qualcuno guarda la scena da lontano,forse vorrebbe parlare,ma non ha il coraggio.La storia dell'omicidio travolgerebbe anche lui,la sua forza,la rabbia che scorre nell'animo della gente ad Avetrana.Il sospetto.Eppure qualcosa rimane nel telefonino bruciato,racconterebbe la vita di Sarah,quella che forse neanche la madre conosce,quella che ogni figlio seppellisce con sè,nascondendo i suoi timori all'attenzione dei genitori.E' facile comprendere come Sarah,frequentando amici più grandi,potrebbe essersi invaghita di qualcuno molto più anziano di lei.Un principe azzurro,una persona gentile amata da altri.

Dove andava Sarah? E cosa hanno visto i suoi aguzzini?

(CORSERA.IT)

Commenta questo articolo

Tutti i commenti