SARAH SCAZZI OMICIDIO.SABRINA MISSERI INDAGATA ENNESIMO COLPO DI SCENA.

Roma 15 Ottobre 2010 (CORSERA.IT)

Colpo di scena,ma non tanto,Corsera.it aveva anticipato che le investigazioni portavano in una direzione precisa.L'avvocato difensore parla di "follia mediatica" ma le contraddizioni tra i due racconti del padre e della figlia non combaciavano in molte parti.

TARANTO- L'hanno portata via incappucciata per evitare telecamere e giornalisti. Sabrina Misseri, la cugina 25enne di Sarah Scazzi, è stata condotta negli uffici dei carabinieri della Compagnia di Manduria per essere ascoltata come «persona informata dei fatti». A quanto pare, il suo interrogatorio era previsto da tempo. La novità, però, è che stavolta è assistita da un avvocato. Poco dopo anche Michele Misseri, lo zio reo confesso dell'omicidio della nipote, è stato condotto nella caserma dei carabinieri. Gli inquirenti potrebbero avere deciso di mettere a confronto padre e figlia. Il legale di Sabrina, tuttavia, se l'è presa con l'attenzione che gli organi di informazione

 hanno rivolto a questo interrogatorio. «È una follia mediatica - ha detto l'avvocato Vito Russo - che Sabrina possa essere indagata per concorso in omicidio volontario». Un mezzo della polizia penitenziaria ha poi lasciato la caserma attorno alle 17, presumibilmente con all'interno Michele Misseri. La ragazza invece è rimasta a colloquio con gli inquirenti. Nel tardo pomeriggio le agenzie di stampa hanno annunciato che la giovane risulta iscritta nel registro degli indagati ma non per omicidio: secondo i pm avrebbe avuto un ruolo nella fase legata all'occultamento del cadavere. La notizia è stata diramata citando come fonte ambienti vicini alla famiglia. A far segnare la svolta sarebbe stata un'intercettazione ambientale: le microspie avrebbero registrato, secondo l'Apcom, un dialogo tra i congiunti di Michele Misseri e da questo dialogo gli inquirenti avrebbero dedotto il possibile coinvolgimento di Sabrina. La ragazza è ancora in caserma, interrogata dal procuratore della Repubblica ionica, Franco Sebastio, alla presenza del suo legale.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti