SARAH SCAZZI OMICIDIO.QUEI CATTIVI PENSIERI DI SABRINA MISSERI.

Avetrana 18 Ottobre 2010 (CORSERA.IT)

Il delitto di Sarah Scazzi,a pochi giorni dalla condanna mediatica per il Mostro Michele Misseri,ci consegna un''altra indagata,Sabrina Misseri ,la figlia con l'orecchino al naso.Come qualcosa si fosse ribaltato infine,un riflesso dello specchio avesse cambiato direzione,infilandosi,sotto la porta.Il macabro ritrovamento di Sarah Scazzi,ci conduce oltre...

....quella porta,a guardare nello spiraglio di una vera bad girl,una temibile,come si definirebbe in gergo.Una tosta e con i pensieri cattivi,quella che non si deve mai guardare storto,perchè avrebbe modo di fartela pagare.La storia che si inseguiva dietro la fragile Sarah Scazzi,riemerge,in tutto il suo fragore nel corpo massiccio e grottesco della cugina Sabrina Misseri,quella che fino a ieri ha recitato il ruolo dell'angelo custode,ma che poi tanto angelo,si verrà a sapere non era.

Cattivi pensieri di una ragazza fuggiasca dentro se stessa,in preda al panico della sua forma estetica,tormentata dalla vicinanza di una cugina che mentre cresceva assomigliava a Cenerentola,mentre lei con la sorella alle due brutte sorellastre.Sarah,una ragazza affabile che ovunque andava faceva gemogliare affetto e amore,mentre nella cugina erano fremiti di gelosia e invidia,sempre più profondi e laceranti.I cattivi pensieri di Sabrina Misseri sono stati questi,rabbia e dolore,che covava dentro come brace,una tempesta a cui non si poteva opporre.Ma Sabrina Misseri è il prodotto autentico di una realtà mediatica,contorta,violenta,che sopraggiunge all'improvviso,vuole tutto,temibile appunto,come la burrasca.Sabrina era al centro della sua famiglia,dominava il suo clan,aveva la forza di imporre il suo spirito e le sue leggi.Ne erano vittime la madre e il padre,perchè il mondo famigliare girava intorno a lei e non rivolto all'altra sorella Valentina ,sposa e fuggita a Roma.

Cattivi pensieri,questi si,di una ragazza che voleva tutto per lei,gelosa di qualsiasi cosa,che attraverso la cugina,reginetta del ballo,sfidava il mondo,si prendeva gioco della sorte e costruiva il suo destino.Ma le cose non giravano come lei voleva,anzi forse andavano al contrario e le delusioni dei giorni si affastellavano a molte rinunce,a dolorose sconfitte.Non è bella Sabrina Misseri,anzi diciamo che farsi corteggiare per lei è sempre stata una impresa ardua,malgrado lei avrebbe voluto per se Ivano o altri come lui.

I cattivi pensieri hanno cominciato a dominarla,litanie della mente che ti avvolgono come un panno intriso di morfina,e ogni giorno ti sconvolgono sempre di più.Sabrina preda del suo panico,della sua astuzia,della sua voglia di liberarsi di tutto e tutti,di vivere un'altra vita,un'altra città,vivere altrove e dimenticare se stessa.

Nel suo gesto di rabbia,la mano cattiva era armata di pensieri fuligginosi,difficile da togliere di dosso,come ragnatele,quelle che l'hanno imbrigliata in fondo al garage,in quell'angolo oscuro della sua mente che ha avuto il sopravvento sulla sua vita di sempre.(CORSERA.IT)

 

Commenta questo articolo

Tutti i commenti