TERRORISMO."UCCIDETE E SARETE UCCISI."OSAMA BIN LADEN MINACCIA LA FRANCIA.
In un messaggio audio diffuso dalla catena televisiva Al Jazeera, il leader di AlQaeda, Osama Bin Laden, è tornato a minacciare l'Occidente. Questa volta nel mirino del ricercato numero uno del mondo, c'è la Francia, colpevole di aver messo in atto comportamenti contrari all'Islam, uno fra tutti, la proibizione del burqa. Comportamenti che, secondo Bin Laden, sarebbero all'origine del rapimento di vari cittadini francesi  nel Niger avvenuto a settembre.

A settembre, nel nord del Niger, furono rapiti cinque cittadini francesi e due africani. Il rapimento fu rivendicato dalla cosiddetta Al Quaeda del Maghreb. Bin Laden considera tale rapimento una "giusta reazione" contro le "ingiustizie" della Francia."Il sequestro dei vostri esperti è la risposta alla vostra oppressione contro la nazione musulmana" ha detto il terrorista nel video indirizzato al "popolo francese".  "Se voi avete il diritto di proibire alle donne libere di mettersi il hiyab (il velo che copre i capelli) non abbiamo anche noi il diritto di espellere i vostri uomini invasori?".

 La Francia potrebbe mettere fine alle ingiustizie solo ritirando le sue truppe dall'Afghanistan. "Il solo modo per preservare la vostra sicurezza è quello di ritirarvi dalla guerra di Bush." Com'è possibile - domanda il terrorista- che partecipiate nell'occupazione dei nostri paesi e collaboriate con gli americani nell'uccidere donne e bambini e dopo vogliate sicurezza e pace?- Il numero uno di AlQuaeda minaccia apertamente la Francia "come uccidete, sarete uccisi. Così come catturate dei prigionieri, sarete presi in ostaggio. Così come minacciate la nostra sicurezza, minacceremo la vostra".

La registrazione è considerata autentica dai servizi segreti francesi, mentre nel paese già da settimane è stato elevato il livello di allerta. L'ultimo messaggio di Bin Laden risale allo scorso primo di ottobre quando in un insolito messaggio, il capo di AlQaeda faceva un appello contro il cambio climatico e a favore degli aiuti ai terremotati del Pakistan.

Annastella Palasciano
Commenta questo articolo

Tutti i commenti