SFIORATA STRAGE.AUSTRALIA,AIRBUS A380 VOLA IN PEZZI IL MITO DELL'AEREO PIU' GRANDE DEL MONDO.

Londra 4 Novembre 2010 (CORSERA.IT)

La più grande tragedia area sfiorata per un niente,un airbus A380 viaggiava a pieno carico con 435 persone e 26 membri di equipaggio.Esplode in volo un motore di un Airbus A380 della compagnia di bandiera australiana Quantas.Oggi poteva essere ricordato come il giorno della tragedia e invece la fortuna ha voluto che non ci fosse,ma uno dei motori dell'A380 è volato in pezzi,squarciandosi ad alta quota.Soltanto la bravura del Comandante ha evitato il peggio,spegnendo il motore prima che fosse troppo tardi....

SINGAPORE - Un Airbus A380 della compagnia aerea australiana Qantas ha effettuato un atterraggio di emergenza a Singapore, a causa di una avaria a un motore. Non ci sono stati feriti fra le persone a bordo. L'aereo,

....proveniente da Londra, aveva fatto scalo a Singapore da dove era poi decollato diretto a Sydney con a bordo 433 passeggeri e 26 membri d'equipaggio. Dopo quindici minuti di volo, mentre si trovava sopra l'isola indonesiana di Batam, il velivolo ha avuto problemi a un motore.... Il comandante ha spento il propulsore e ha fatto rientrare d'urgenza il velivolo a Singapore. Secondo alcuni testimoni vi sarebbe stata un’esplosione e pezzi di detriti sono stati trovati a in terra. Una volta rientrato a Singapore alle 11,45 (le 4,45 in Italia), è stato notato del fumo fuoriusciva dalla parte inferiore dell’apparecchio.
 

AIRBUS A380 - L'Airbus A380, entrato in servizio nel 2007, è l'aereo passeggeri più grande del mondo e può trasportare oltre 500 passeggeri. Dopo l'incidente, la Qantas ha annunciato il fermo di tutti i suoi Airbus A380 fino a quando saranno chiariti i motivi dell'incidente. «Questo probabilmente è l'incidente più serio che abbia coinvolto l'A380 da quando ha iniziato i voli commerciali», ha detto Tom Ballantyne, corrispondente capo della rivista Orient Aviation citato dalla Reuters. «Ci sono stati incidenti seri ai motori prima ma nulla del genere».

Commenta questo articolo

Tutti i commenti