LETTERA DAL CARCERE.SABRINA MISSERI IVANO IL GIOCO EROTICO DELLA PERDIZIONE.

Roma 11 Dicembre 2010 CORSERA.IT

Sabrina Misseri invia una lettera dal carcere,alla trasmissione Quarto Grado,quella condotta dal giornalista pieno di tic Salvo Sottile.E' un appello accorato quello di Sabrina,che esprime quel sentimento di solitudine che forse la strazia,che oggi la induce a riflettere su quanto compiuto.Sabrina si professa innocente,aveva a cuore Sarah,la sua cuginetta a cui voleva bene.Ma tra le righe esce ancora dirompente....

....la figura di Ivano ,quella sua ansia per lui,l'innamoramento,anzi il gioco erotico,che l'ha ingabbiata,intrappolata nelle sue fattezze fisiche,nell'angoscia di non essere bella,proprio come la cugina Sarah Scazzi.Esplode questo sentimento di odio,di rivalsa,quando conclude Sabrina con la parola BASTA IVANO.

Sabrina nella lettera,non riesce a dissimulare qusto aspetto, che per lei oggi è vergognoso soltanto pensarlo,addirittura forse preso a spuntoi come movente di un omicidio spaventoso,quello della sua adorata cuginetta,quella che si era impegnata a proteggere da chiunque e dovunque.Ma le cose non sono andate proprio così,al contrario,nei minuti orribili dell'omicidio lei era nel garage con il padre,dissimulava il suo terrore di aver compiuto un atto orribile e si lanciava allinseguimento dei mostri,quelli che " se la sono portata."

Le parole della lettera ci portano verso un sentiero di cupa angoscia,di inverosimile,di irrealtà che stringe i confini della sua vita in carcere,dalla quale dice Sabrina,vorrebbe uscire prima e presto.Ma la sensazione è che le strampalate versioni di Michele Misseri,del padre,abbiano finito per inchiodarla per sempre ad una verità detta e non detta,che oggi risulta e appare come quella più verosimile,proprio perchè descrive un disagio interiore così profondo,da non lasciare scampo neanche a quella presunta innocente dello stesso padre Michele Misseri.Il cerchio di questa famiglia famelica si è chiuso intorno a Sarah,colpevole di aver rotto un equilibrio interno fatto forse di segreti inconfessabili.

Torna a galla l'ipotesi che qualche strana relazione vi sia stata tra Michele e Sabrina,che i due oltre ad essere padre e figlia,condividessero qualcosa di altro,nascosto nel profondo della loro mente.Qualcosa non torna,qualcosa dilaga,una verità spaventosa che purtroppo non ci commuove più.

CORSERA.IT COPYRIGHT

Commenta questo articolo

Tutti i commenti