SACCO DI ROMA.ANNOZERO IGNAZIO LA RUSSA SUPEREROE FUOCO E FIAMME.

Roma 18 Dicembre 2010 CORSERA.IT di Matteo Corsini

Guerriglia urbana a Roma.

Liceo Artistico Via di Ripetta Roma.Ho fatto parte del movimento studentesco negli anni a cavallo del '78,ho partecipato con vigore,impregnato sopratutto della novità rivoluzionaria e culturale di quegli anni.Non posso dunque essere tacciato di fascismo,io che militavo dall'altra parte.Ma il movimento studentesco che abbiamo visto a Roma è un movimento di criminali,delinquenti,assassini,gente che ha cercato lo scontro senza curarsi dell'incolumità dei cittadini,delle...

.....famiglie romane e dei suoi figli.Abbamo assistito impotenti al sacco di Roma,alla sua distruzione,una meravigliosa città messa a ferro a fuoco da centinaia di criminali,a cui i poliziotti non possono fare nulla,se non pensare di difendersi,dalle sbrangate che hanno preso sul corpo.Ha fatto bene Ignazio La Russa a dare del vigliacco al protagonista del movimento studentesco invitato ad Annozero,ha fatto bene a dargli del buffone.

Ignazio La Russa è dunque per me un Supereroe,un soldato di Roma,uno che si è alzato in piedi e giustamente ha dato del buffone al ragazzo del presunto movimento che parlava dagli spalti di Annozero.Dico a me stesso,che sono stupito di come proprio Ignazio La Russa sia divenuto difensore di quei diritti fondamentali dell'essere umano,i valori minimi della libertà sociale.

Quanto accaduto a Roma,per me,leader dei movimenti studenteschi di Roma,Liceo artistico di Via di Ripetta,è un atto orribile,l'amputazione stessa della cultura rivoluzionaria di ogni movimento che vuole trasformare la società,dare forza agli ideali di una società più libera e ricca di valori.A Roma non ho visto tutto questo,ma soltanto una banda di assassini che con violenza vuole imporre la sua dittatura,saccheggiare la mia città,distruggere quello che abbiamo insieme costruito.Dobbiamo fare attenzione,perchè forse siamo difronte ai prodromi di un nuovo terrorismo,ancora più micidiale del primo.

CORSERA.IT COPYRIGHT

Commenta questo articolo

Tutti i commenti