GRECIA DEFAULT LA FINE DEL DINOSAURO CORRIERE DELLA SERA UN GATTO ORMAI MORTO

Genova Lunedì 20 Giugno 2011 CORSERA.IT

In questo momento di crisi finanziaria ed economica,più che mai serve ottimismo,significa guardare al futuro con occhi diversi,svegliendo il bene dei mercati che via via si vanno affermando,anche come novità.

REDATTORE:Quali esempi?

CORSINI:Guardiamo alla carta stampata.Vedo in Italia un grande movimento di azionisti intorno al Corriere della Sera,Diego della Valle che si scontra....

.....con Giuseppe Rotelli.Si gioca la partita su un "gatto ormai morto",come la carta stampata e sopratutto i giornali,che non hanno più ragion d'essere.Oggi si acquista il giornale per istinto,ma le nuove generazioni non sanno neanche cosa sia un giornale di carta.Le informazioni corrono veloci e l'editoria oggi è INTERNET.

REDATTORE:Secondo Lei il Corriere della Sera e i suoi cugini sono finit?

CORSINI:Dinosauri da mettere in naftalina,tra pochi anni ci saranno i musei per le scolaresche.Guardi il caso di Melania Carmela Rea,che oggi domina in Italia come news.La carta stampata soffre i nanosecondi,ogni ora c'è una notizia nuova.Quando la mattina apri il giornale neanche lo leggi,hai già avuto notizia di tutto dal web.

REDATTORE:E' SUCCESSO ANCHE CON I REFERENDUM,IL WEB HA GIOCATO UN RUOLO PREDOMINANTE.

CORSINI:Esatto,bravissima.Anche Silvio Berlusconi,il Re delle televisioni ha capito e credo che passerà al contrattacco,anche se con il TGCOM,hanno speso tanti soldi,hanno capito che si deve seguire l'onda lunga dell'informatizzazione digitale nella rete.Ma i marchi della rete sono altri,quelli vecchi non possono sopravvivere,saranno sempre sconfitti.Piano piano anche i loro lettori spariranno,diluiti nbella sempre maggiore offerta,più aggressiva,con connotati diversi.La battaglia è suller parole di ricerca,sui contenuti,sulla immediatezza.Dinamica e informazione.

REDATTORE: Prevede altri investimenti per CORSERA.IT?

CORSINI:Siamo arrivati ai due milioni di visitatori unici,senza spendere una lira in pubblicità.Il popolo del web è attento alle novità e la vecchia carta stampata vive poer riflesso indiretto con la televisione.Se mi invitassero a me,sulle principali reti televisive,basterebbe una settimana per affondare i giornali di carta stampata.Quella a cui assistiamo nelle televisioni è una concorrenza sleale,i quotidiani non pagano una lira per avere opsiti i loro direttori e i giornalisti delle testate nelle principali trasmissioni televisive.Notato che i direttori dei quotidiani web o i loro giornalisti sono sempre assenti? Una disriminazione che deve finire,ecco perchè non si deve pagare il canone della RAI.

REDATTORE:Una battaglia a difesa del web?

CORSINI:In un certo senso si,anche contro l'antiquato Ordine dei Giornalisti italiani,che poi abbiamo visto come si comporta,lè stato citato in giudizio per frode,civilistica si intende(frode al mediatore),ma è un gran che bel dire.

REDATTORE:Novità per il CORSERA.IT?

CORSINI:Credo che sia giunto il momento di intensificare la parte multimediale.Faremo presto un telegiornale,una edizione al giorno tanto per cominciare.Poi vedremo.

CORSERA.IT COPYRIGHT

 

 

ASCA) - Milano, 20 giu - Giuseppe Rotelli non ha alcuna intenzione di vendere le proprie quote nel capitale di Rcs a Diego Della Valle. Al contrario, l'imprenditore della sanita' lombarda intende salire ancora. Quando gli e' stato chiesto se sia disposto a vendere a Della Valle, Rotelli ha replicato: ''No, io sono acquirente. Mi si e' voluta attribuire l'intenzione malevola di dismissione, ma io non ho alcuna intenzione di ridurre. Anzi - ha puntualizzato Rotelli - sono intenzionato a incrementare la mia quota se questo rappresenta un valore aggiunto per l'azienda''.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti