TERREMOTO A REGGIO EMILIA PARMA E BOLOGNA
Fonte Corriere della Sera MILANO - Una scossa di terremoto è avvenuta alle 16,24 in provincia di Reggio Emilia, alla profondità di circa 6 chilometri presso Quattro Castella. Il sisma è stato nettamente avvertito in tutto il centro-nord Italia data l'intensità di 5,2 gradi della scala Richter. Secondo le prime testimonianze dalla zona dell'epicentro, non dovrebbero esserci particolari danni e nemmeno feriti anche se sono state subito avviate le verifiche.

 In alcune zone sono state segnalate interruzioni sulle linee telefoniche. Alla Protezione civile dell'Emilia Romagna sono stati finora segnalati solo crepe negli edifici nei Comuni di Betto e Canossa e della chiesa di Quattro Castella, e qualche cornicione pericolante. «Siamo in costante contatto con i nostri comandi provinciali» - ha riferito una fonte dell'Ispettorato regionale emiliano dei Vigili del fuoco, «e fino a questo momento possiamo dire che non abbiamo ricevuto segnalazioni per richieste di intervento o di soccorso. Le uniche riguardano la caduta di qualche intonaco o di calcinacci, ma nulla di più».

SCOPPIA TUBATURA - Tra Langhirano e Pastorello, in provincia di Parma, è scoppiata una tubatura di metano sotto il manto stradale. La strada è interrotta ed è presidiata da Carabinieri e Vigili del Fuoco, ma non c'è stato nessun danno né per le persone né per gli edifici.

PROTEZIONE CIVILE - L'unità di crisi della Protezione civile si è subito riunita per fare il punto della situazione dopo il terremoto. «Non vengono segnalate criticità gravi, né tanto meno situazioni in cui sono coinvolti cittadini». La Protezione civile è in stretto contatto con la Regione Emilia Romagna e le strutture operative sul territorio, primi tra tutti i vigili del fuoco, che stanno continuando i controlli per verificare la presenza di eventuali danni.

DUE SCOSSE - La scossa principale delle 16,24 (con epicentro a 44,64 N e 10,49 E) di magnitudo 5,2 della scala Richter, è stata preceduta alle 16,18 da una prima scossa di circa 3,5 gradi (con epicentro a 44,60 N e 10,57 E) presso Vezzano sul Crostolo, quindi a sud-est dell'epicentro principale, a una profondità di 20 km.

PROBABILE ASSESTAMENTO - «È stato un terremoto abbastanza forte, ma non certamente distruttivo», ha commentato Enzo Boschi, presidente dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. «Prevedo che non ci siano stati danni perché in passato si è costruito bene. Si tratta di un tipico terremoto di quella zona dell'Appennino settentrionale, come ve ne sono stati anche altri del passato; probabilmente vi saranno scosse successive nelle prossime ore o nei prossimi giorni, tipiche di assestamento, ma saranno tutte minori di questa», ha concluso Boschi.

TEMPORANEA INTERRUZIONE LINEE FERROVIARIE - Ferrovie dello Stato comunica che è stata riattivata poco dopo le 17 la circolazione ferroviaria sulle linee Bologna-Verona, Bologna-Padova e Milano-Piacenza. L`interruzione, durata poco più di 20 minuti, è stata «una precauzione necessaria per consentire ai tecnici di effettuare le opportune verifiche sull'integrità dell'infrastruttura». Ci sono stati ritardi nella circolazione ferroviaria tra le città interessate. Alla stazione Centrale di Milano, per esempio, tutti i treni in partenza diretti a sud hanno avuto circa un'ora e mezza di ritardo.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti