BOLZANO OBEREGGEN DIFFUSO L'IDENTIKIT DELLO SCIATORE PIRATA

27.12.08(CORSERA.IT) Ultimissima breaking news aggiornamenti in tempo reale ogni dieci minuti.ore 15.25. Diffuso identikit dello sciatore pirata.

Fonte Corriere della Sera BOLZANO - I carabinieri hanno preparato un identikit del pirata delle nevi che il giorno di Natale, su una pista di Obereggen, ha travolto ed ucciso uno sciatore dandosi poi alla fuga. Sulla base delle testimonianze, gli investigatori hanno potuto ricostruire le sembianze dell'investitore: si tratta di un uomo alto 1 metro e novanta, sui 30-40 anni, capelli neri e ricci, senza baffi, che indossava una tuta blu scura e portava un cappellino scuro.

Le indagini sono affidate ai carabinieri della locale stazione di Nova Ponente e del comando provinciale di Bolzano che stanno effettuando ricognizioni sulle piste con militari sciatori e motoslitte. Gli investigatori stanno anche analizzando i dati degli skipass e passando al setaccio le immagini delle telecamere di negozi e banche. Per il momento del pirata sciatore non si hanno notizie.


La tragedia si è consumata attorno alle 11,10 sotto gli occhi della figlia della vittima, Carolin di 12 anni. Il padre e la figlia erano scesi dalla seggiovia con l'intenzione di sciare lungo la pista 6 dell'Absam, un tracciato di media difficoltà dove la pendenza massima tocca, ma solo nella parte superiore, il 35 %. Proprio sul muro che porta alla malga Maierl a circa 100 metri dell'arrivo della seggiovia a sei posti si è verificato l'incidente.

Lo sciatore killer, dopo aver rischiato di investire Carolin, ha preso in pieno il padre che è rimasto immobile a terra. Successivamente il pirata, rotolato sulla pista per circa trenta metri perdendo anche uno sci, ha ripreso la sua marcia verso valle. Da una testimonianza di una turista italiana rintracciata la sera di Santo Stefano, sembra che l'investitore sia stato soccorso da altri sciatori, forse amici. La figlia, disperata vedendo il padre esanime sulla neve, ha cercato di chiedere aiuto.

Il primo a fermarsi è stato un medico tedesco, ma nemmeno il suo intervento è riuscito a strappare alla morte Artur Lantschner, successivamente trasportato in elicottero all'ospedale di Bolzano dove è deceduto poco dopo l'arrivo.


Si è appreso intanto che sempre nella giornata di Natale si è sfiorata un'altra tragedia sulle nevi della Val di Sole in Trentino, dove uno sciatore si è scontrato violentemente con un maestro di sci rischiando di morire per un'emorragia all'arteria femorale. L'elenco degli incidenti non si ferma qui però: in Val Gardena, i carabinieri hanno rintracciato sei sciatori che stavano sciando fuori pista dove il rischio valanghe era altissimo. In Val Sarentino un giovane, completamente ubriaco dopo aver bevuto una ventina di grappe, è andato a schiantarsi con la sua slitta contro un albero. Ora di trova in coma etilico all'ospedale. In Val Badia un bambino è stato travolto da un turista olandese successivamente preso a pugni dal padre. Lo straniero è scappato ma i carabinieri sono riusciti a individuarlo e lo hanno fermato

Commenta questo articolo

Tutti i commenti