CORSERA REGIONE LAZIO FRANCO FIORITO ER BATMAN SPARA CONTRO TUTTI MIELE BERNAUDO BATTISTONI
Tutto un grande equivoco. Lui è la punta di un iceberg, o meglio un capro espiatorio tirato in ballo da altri, gli stessi per i quali procacciava ostriche e champagne. Così Franco Fiorito, in un'intervista a Repubblica, non ci sta a fare la parte del Batman e spara a zero su i suoi ex colleghi. Miele, Bernaudo, Battistoni, e chi più ne ha più ne metta. "L'inchiesta - si difende - l'ho fatta partire io, ...
io ho segnalato le anomalie". 

Quindi ne ha per tutti, o quasi. Ostriche per il consigliere Miele, champagne per Bernaudo, il resto per il capogruppo Battistoni: tutti rigorosamente piddiellini. "Gente senza morale né fisica", dice amareggiato. Poi spiega: "Amo far tardi la notte, ma in un eremo come questo, lontano da tutti, altri colleghi sono ostriche e champagne".

Insomma, altro che Batman. Fiorito dice di essere una vittima di un sistema di anomalie denunciato proprio da lui. E' stato buttato in un calderone nel quale pare c'entri poco o niente. Almeno così dichiara. "Sto tirando fuori le carte, la verità apparirà diversa da come oggi viene dipinta". Dunque, solo una questione di tempo. "Spero di parlare in settimana con i pm", aggiunge l'ex capogruppo del Pdl. Del resto lui sa qual è la verità.

"Sono stato io a a far partire l'inchiesta, ho segnalato per primo le anomalie", e anche se al momento è l'unico ad essere indagato per peculato, non si scoraggia, anzi,sembra essere sicuro delle sue prove. il controdssier di Battistoni? "Non esiste", ma non si sbilancia: "Non posso dire di più, per me però l'inchiesta inizia adesso, ma sono altre le persone da indagare". L'allegra brigata di cui sopra, per intenderci.

Ma per carità, non chiedetegli altro: "Per ora mi devo difendere - taglia corto Fiorito - e poi non sono uno spione". Sarà. Eppure la sua lista di nomi è già stata prontamente stilata.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti