CORSERA SISMA SCIAME TERREMOTO POLLINO MAGNITUDO 5 GRADO RICHTER PAURA IN CALABRIA MORTI FERITI

Cosenza, 26 ott. - Tanta paura, case, un ospedale evacuato e un anziano morto di infarto per la paura. E' questa la situazione che si registra sul Pollino, colpito la scorsa notte da una violenta scossa di terremoto di magnitudo 5. Il movimento tellurico e' stato registrato all'1,05, con una profondita' di 6,3 chilometri. I comuni piu' vicini all'epicentro sono quelli di Mormanno, Laino Borgo e Laino Castello in provincia di Cosenza, e Rotonda in provincia di Potenza. La scossa e' stata avvertita, pero', in tutto il sud Italia.

Nessun danno e' stato segnalato al momento in Basilicata. In Calabria, invece, la situazione piu' critica e' quella di Mormanno (Cosenza), dove

Numerose squadre di volontari della Croce rossa sono giunte nella zona di Mormanno in provincia di Cosenza, epicentro della scossa di terremoto di magnitudo 5 registrata stanotte.
La prima scossa é stata la più forte, di magnitudo 5.0 all'1:05 e ha avuto epicentro nei comuni di Mormanno (Cs), Laino Catello (Cs), Laino Borgo (Cs) e Rotona (Pz). Le altre scosse sono state tutte meno violente: pochi minuti dopo la prima ce ne sono state due di magnitudo 2.7 e 3.3 e si sono susseguite per una media di cinque l'ora fino all'ultima, di magnitudo 2.2 alle 4:56 del mattino. Le forti scosse telluriche sono stata avvertite in tutto il Sud Italia. Al momento non si segnalano feiriti ma a Scalea è morto ,a causa di un infarto provocato dalla paura, un pensionato di 84 anni.

I danni
Gli effetti più evidenti del terremoto si sono registrati a Mormanno, dove è stato deciso di evacuare l'ospedale e di chiudere le scuole per due giorni, ed in altri centri come Laino Borgo, dove è stata sgomberata una casa di riposo per anziani, Altomonte e Rotonda. Oltre all'ospedale, a Mormanno, al momento, risultano danni anche a case e ad una strada che collega il centro del Pollino a Campotenese. Tanta la paura e la gente è scesa per strada anche a Cosenza.
Alcuni crolli si sono verificati anche ad Altomonte, il sindaco Gianpietro Coppola, ha disposto la chiusura delle scuole in attesa delle verifiche statiche sulle strutture. In particolare sono crollate due abitazioni già evacuate perchè danneggiate dal sisma del maggio scorso. Crollati anche cornicioni nel centro storico. Danneggiati il centro sanitario e il campanile della chiesa di Santa Maria della Consolazione.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti