CORSERA NEW YORK MALTEMPO URAGANO TEMPO REALE SANDY LA TEMPESTA DI GHIACCIO SI ABBATTE SULLA BIG APPLE

NEW YORK 30 OTTOBRE 2012 CORSERA.IT

NEW YORK L'URAGANO SANDY SI ABBATTE SULLA GRANDE MELA,IL CICLONE E' ARRIVATO,TIFONE TROPICALE,TEMPESTA ARTICA,CHIAMATELA COME VOLETE,IL VENTO IERI SERA SFERZAVA NEW YORK,COME MILLE LAME DI COLTELLO IN UN PANETTO DI BURRO.IL VENTO DI SANDY,IL SUO URLO FORTE E MICIDIALE HA STRONCATO DI NETTO IL BRACCIO DI UN ENORME GRU PER LA COSTRUZIONE DEI GRATTACIELI,UNA SPECIE DI MOSTRO CHE PENZOLAVA NEL VUOTO DELL'ANIMA DEI NEWYORCHESI,QUEL FASTIDIOSO PRESAGIO...

 DI DISASTRO,CALAMITA' NATURALE,ATTENTATO,TORRI GEMELLE,NELLO SPIRITO DEGLI AMERICANI QUESTA NOTTE E ' TRASCORSO DI TUTTO,COME UN FOTOGRAMMA DI RICORDI SEPOLTI,CHE NON SI VOLEVA RIAFFIORASSERO PIU'.I SUPERMERCATI ERANO IN PARTE CHIUSI,IL TRAFFICO FERMO,LA CITTA' SPETTRALE,COME NON MAI.L'URAGANO SANDY SI E' TRASCINATO CON SE' ANCHE 13 VITTIME,MORTI E FERITI,DEVASTAZIONE E DANNI PER ALEMNO 20 MILIARDI DI D OLLARI.UN'ENORMITA'.HA  SPENTO LE LUCI DI NEW YORK,GRAN PARTE DI MANHATTAN ERA AL BUIO,COME SE FOSSE IL GIOCO MACABRO DI UN FILM DELL'ORRORE.MA NEW YORK LA CITTA' DEL VETRO E DELL'ACCIAIO HA RESISTITO AGLI ATTACCHI DEL VENTO E DEL NUBIFRAGIO,SI E' ERETTA SULL'ATLANTICO COME LA REGINA DEL MARE,COME UNA CORRAZZATTA INVINCIBILE,PRONTA A SFIDARE LE ONDE DEL MARE IN TEMPESTA.ILCUORE PULSANTE DI NEW YORK SI SPEGNEVA FINO A LOWER MANHATTAN SULLA 39MA STRADA LASCIANDO SENZA LUCE QUASI 500 MILA PERSONE.LE LUCI DI NEW YORK SI SPEGNEVANO E ACCENDEVANO COME FOSSE UN GRANDE ALEBRO DI NATALE,IL FARO DI SEGNALAZIONE NELLA NOTTE PER SPERICOLATI LUPI DI MARE.LA CITTA' SI E' AVVOLTA IN QUESTA SENSAZIONE DI GELO,DI URLA,FISCHI,VENTO IMPLACABILE,PIOGGIA,COME FOSSE IL CENTRO DI QUEL TURBINIO IL LUOGO IDEALE DOVE FUGGIRE O FARSI TRASCINARE IMMANCABILMENTE GIU'.ERA PAURA E SENSO DI AVVENTURA,TERRORE E VOGLIA DI RESISTERE ALLE AVVERSITA',COME SEMPRE ACCADUTO QUI A NEW YORK.UN PAESE UNITO,CHE GUARDAVA SANDY SOPRAGGIUNGERE,LA SUA ACQUA DILAGANTE,CHE IMMERGEVA E ASSORBIVA OGNI PENSIERO.ERA LA NOTTE DELL'URAGANO,QUELLA DA VIVERE FINO IN FONDO,RIMANENDO SVEGLI,GUARDANDO QUEI COLPI DI TOSSE FUNESTI SBRECCIARE LE FINESTRE,ROLLARE SUGLI STIPITI,SBATTERE GIU' CON LA FORZA DI UN GIGANTE LAMPIONI E SDRADICARE ALBERI.

NEW YORK HA VISSUTO LA SUA NOTTE DA INCUBO IN DIRETTA TELEVISIVA CON IL MONDO INTERO,NUOVAMENTE PALCOSCENICO DI EMOZIONI E IMMAGINI VIOLENTE,INCREDIBILI,SE VOGLIAMO STRAORDINARIE,PERCHE' STARE AL CENTRO DI UN URAGANO,SUL FRONTE DELL'ACQUA DI UN OCEANO,CHE IN OGNI MOMENTO DI PUO' INGHIOTTIRE,COME NEL PEGGIORE DEGLI INCUBI,E' MOLTO MEGLIO CHE STARE AL CINEMA O AL LUNA PARK.NEW YORK COME UNA GIOSTRA IMPAZZITA,CHE CORREVA AD OGNI LATO,CON SQUILLI ININTERROTTI DI SIRENE DI VIGILI DEL FUOCO,POLIZIA,SQUADRE SQUAD,GUARDIA NAZIONALE.IL CAOS DELLA TEMPESTA,ORDINATO NELLA MENTE NEGLI UOMINI,CHE CERCAVANO DI DOMARE IL CAVALLO IMPAZZITO,LA BESTIA FEROCE,I SOGNI CHE SCONFINANO NEL PANICO,TERRORE,PAURA,CHE QUALCOSA DI PEGGIO,DI MOLTO PEGGIO DELLE TORRI GEMELLE POTESSE ESSERE PROVATO DA SANDY,SEMMAI UN CORTOCIRCUITO,UN EDIFICIO CHE CEDE ALL'IMPROVVISO.SENTIRE LO SCHIANTO,UN BOATO,ANCORA UNA VOLTA,SAREBBE STATO TROPPO.

CORSERA.IT CONTINUNA



S'era persino sparsa la voce che diciannove operai della Con Edison, la società che gestisce i servizi elettrici della città, erano rimasti imprigionati in una stazione elettrica nell'est della Grande Mela. Ma più tardi la stessa azienda chiarisce che la notizia non era vera.

Salta anche un generatore al New York Hospital che viene evacuato, seguendo i piani di emergenza messi a punto. La metropolitana così come parte dei tunnel sono allagati: ci potrebbero volere dalle 14 ore a una settimana per far tornare il servizio alla normalità.

Le autorità non si sbilanciano e affermano che, grazie anche alle pompe già in funzione, il servizio potrebbe ripartire presto anche se limitato per alcuni giorni. Sandy, non più categoria uragano ma con forti venti, mette in ginocchio la costa orientale degli Stati Uniti, facendo almeno 11 vittime, di cui tre bambini nel solo stato di NewYork, dove sono senza luce 1,5 milioni di persone. Due le vittime nella Grande Mela per alberi caduti.

Cade a Downtown la facciata di un edificio mentre in un cantiere di un condominio di lusso, che sarà l'edificio più alto residenziale della città una volta ultimato, una gru si piega e resta in bilico: l'albergo e gli edifici vicini sono evacuati. I centralini per le emergenze messi a punto dalla città sono intasati, con 10.000 chiamate ogni mezz'ora.

"Non guidate, lasciate le strade sgombre per far fronte alle emergenze" afferma il sindaco di New York, Michael Bloomberg. Sandy "é una tempesta pericolosa: la situazione è difficile ma la supereremo insieme, come New York ha sempre fatto. La maggior parte della popolazione ha seguito le indicazioni: la cooperazione che abbiamo ricevuto è stata straordinaria" aggiunge Bloomberg.

In New Jersey l'emergenza è ancora maggiore: Atlantic City è sommersa e il centro della tempesta sta attraversando lo stato creando forti disagi. Problemi per i trasporti si registrano su tutta la costa orientale, con oltre 13.000 voli cancellati ed emergenze ed evacuazioni.

Intanto si iniziano a calcolare i danni che il passaggio dell'uragano può aver causato, per gli Stati Uniti: fino a 20 miliardi di dollari di danni E' quanto hanno stimato gli analisti del gruppo di studio sulla gestione dei rischi Eqecat. Sul suo sito, Eqecat precisa che l'uragano potrebbe costare tra 10 e 20 miliardi di dollari per danni economici e tra i 5 e i 10 miliardi di perdite per gli assicuratori. (ANSA-TMNEWS)

 

Commenta questo articolo

Tutti i commenti