CORSERA REPORT GABANELLI SPUTTANATO ANTONIO DI PIETRO IL RE DEL MONOPOLI

ROMA 2 NOVEMBRE 2012 CORSERA.IT

SCRIVI A CORSERA redazione@corsera.it suggerimenti e inchieste giornalistiche

ANTONIO DI PIETRO DA MAGISTRATO A RE DEL MONOPOLI.

L'URAGANO SANDY HA FATTO UN'ALTRA VITTIMA ILLUSTRE L'ON.ANTONIO DI PIETRO LEADER DELL'IDV.L'INCHIESTA DI REPORT A FIRMA MILENA GABANELLI HA FALCIATO IL FUTURO POLITICO DI ANTONIO DI PIETRO,DESCRITTO COME IL RE DEL MONOPOLI,56 SONO LE CASE RICONDUCIBILI ALL'EX MAGISTRATO DI MANI PULITE.REPORT HA ALZATO UN VESPAIO,MASSIMO DONADI HA GIA' ROTTO CON I SUO COMPAGNO DI PARTITO:ANTONIO DI PIETRO CI HA TRUFFATI.

A mandare su tutte le furie lo storico pm di Mani Pulite sono state in particolare le allusioni, emerse tra un’intervista e l’altra ai dissidenti vecchi e nuovi (tra tutti Elio Veltri, grande accusatore di Di Pietro) dell’Italia dei Valori, al “familismo amorale” come criterio guida delle scelte del segretario nazionale, accusa supportata dall’elencazione di fatti, persone e beni gestiti in prima persona dallo stesso Di Pietro senza mediazioni di sorta. Dalla candidatura alle elezioni regionali del Molise del figlio Cristiano, alla designazione di parenti come Gabriele Cimadoro nei posti di maggiore responsabilità del partito nazionale, per finire con la delicata vicenda delle 56 case riconducibili all’ex magistrato, tanti sono stati i punti interrogativi sulla “questione morale” nell’Idv sollevati da Report.

La stessa vicenda del tesoriere Maruccio, arrestato non molto tempo dopo il collega Lusi (Margherita) e lo scandalo Belsito (Lega Nord) per l’utilizzo improprio dei rimborsi elettorali, crea più di qualche imbarazzo nelle file di un partito da sempre orgoglioso della propria natura di forza alternativa al sistema. Nonostante la fermezza della posizione espressa il giorno dopo la puntata di Report, sembra improbabile che Antonio Di Pietro proceda per vie legali contro Milena Gabanelli o Sabrina Giannini (autrice del servizio “denigratorio”), anche per via dell’effetto-boomerang che avrebbe un simile atto agli occhi dell’opinione pubblica e quindi dell’elettorato: la data del voto per le politiche si avvicina, qualsiasi passo falso si riverserebbe sul risultato elettorale.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti