CORSERA SCANDALO UITS/OBRIST IL MINISTRO DIPAOLA DEVE COMMISSARIARE L'UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO

Roma 12 Novembre 2012 Corsera.it

scrivi a redazione@corsera.it

Le perle dell’ing.Obrist presidente dell’ Unione italiana tiro a segno. Premesse per il commissariamento. Il ministro Di Paola non può non entrare nel merito dei fatti pubblicati da Corsera Magazine. Le elezioni svoltesi il 13 ottobre 2012 a Mestre mostrano due situazioni di palese irregolarità. Le ha evidenziate  Attilio Fanini presidente della sezione di Vergato pubblicate su Corsera Magazine. L’elezione di 8 consiglieri anziché 5. La legge n. 122/ 2010, conversione del decreto legislativo 78/2010, mantiene inalterata la natura di ente pubblico dell’Unione. Non è intervenuto alcun provvedimento...

in forza di legge di modifica del suo assetto istituzionale.  Cinque  consiglieri quindi e non otto come è accaduto  illegittimamente. Le elezioni si sono svolte violando  il segreto del voto.E’ già sufficiente questo ultimo motivo per invalidarle. Corsera Magazine ha pubblicato fatti documentati pervenuti da quella parte degli associati dissidenti

Dalla lettera rettifica del presidente Paolo Cucurachi si pone la questione delle dimissioni dell’ing. Obrist.Il quesito è  dimissioni o querela di parte per diffamazione Negare i fatti è mentire a se stessi di coloro che li hanno denunciati,segnalati,documentati pubblicati da Corsera Magazine.Il buon senso del ministro  Di Paola dovrebbe suggerirgli la nomina di un commissario straordinario oppure in via subordinata avviare un’ispezione nella sede romana dell’Unione affidandola alla Guardia di Fiananza.

Renato Corsini.

.   

 .

Commenta questo articolo

Tutti i commenti