GOVERNO ITALIANO PARALIZZATO.SILVIO BERLUSCONI BOSSI E FINI NEI GUAI.

15.1.2009(corsera.it) di Matteo Corsini.

Qualche anno fà gli studenti leggevano Jean Paul Sartre le pagine della Nausea e forse sognavano con le avanguardie artistiche la rivoluzione di nuovi linguaggi e l'evoluzione anche nelle relazioni sociali.Oggi appare evidente che i modelli culturali sono addirittura involuti nella cultura televisiva che ci offre la protagonista dei visitors in versione mangia topi nella saga di Xfactor.Uno psicodramma nazionale che non lascia dubbi al fatto che la crisi economica si combatte anche attraverso la crescita culturale del paese,la ricerca scientifica,ma sopratutto la necessità della fantasia e della creatività.Se questi elementi non si compongono insieme e qualcuno non li tira fuori dalla capacità emozionale degli individui,il paese arretra,anzi impazzisce nelle sue contraddizioni.

Crisi economica sempre peggio con il crollo della produzione industriale. I sogni della triade politica Berlusconi Bossi e Fini svaniscono nel nulla,polvere nel deserto della disoccupazione.Ogni timido tentativo di rivitalizzare l'economia si è ben presto spento ,dopo la social card il tempo è buio e questa volta Giulio Tremonti appare con le mani in tasca.Nessuna idea se non quella abortita di vendere spiagge ed isole.Nessuna riforma se non quella della giustizia.Eppure l'economia brilla in televisione,proprio nel cuore pulsante di Mediaset,sulle televisioni del cavaliere la pubblicità batte a ritmo incessante e forse anche a prezzi scontati,ma cosa importa ,l'importante è vendere qualsiasi cosa a qualsiasi costo.

Italiani dunque nel buco nero della crisi industriale,disoccupazione,inflazione,incertezza nel futuro e Mediaset pompa soldi a non finire.I figli del Cavaliere e i cavalieri padani sono a posto,il resto dell'Italia se la vede con gli immigrati clandestini .

Commenta questo articolo

Tutti i commenti