CORSERA EMERGENZA RIFIUTI CAPODANNO 2013 BUONGIORNO A TUTTI LE CITTA' SONO DESERTE IL VIRUS DI MALAGROTTA

ROMA 1 GENNAIO 2013 CORSERA.IT DI MATTEO CORSINI

SCRIVI A REDAZIONE@CORSERA.IT  SOSTIENI ROMA RISORGE NELLE SUE BATTAGLIE PER L'AMBIENTE

LE CITTA' DESERTE,PARODIA DEL VIRUS MORTALE CHE VIVE A MALAGROTTA.

BUONGIORNO A TUTTI E' IL 1°GENNAIO DEL 2013 LE CITTA' SONO DESERTE.ROMA E' SPETTRALE,ALLE OTTO DEL MATTINO LA CITTA' SEMBRA RISUCCHIATA VIA DAGLI EFFETTI DI UNA BOMBA NUCLEARE,L'ESSERE UMANO E' SCOMPARSO,COME PER INCANTO.LA MAGIA DEL CAPODANNO,DELL'ULTIMO GIRNO DI UN PERIODO TRASCORSO E VISSUTO PERICOLOSAMENTE.SE CAMMINI PER LA STRADA NON C'E' NESSUNO,MI DOMANDO COSA POSSA ACCADERE A CHI DEBBA ESSERE SOCCORSO PER UN MALORE.L'EFFETTO E' QUELLO VISTO DELEL ALBE NUCLEARI DI FUKUSHIMA,COME CHE IL SOGNO DELL'UMANITA' FOSSE FINITO PE SEMPRE,CANCELLATO DA UN BOATO INFERNALE,QUELLA LUCE ACCECANTE CHE HA FATTO SPARIRE OGNI COSA,STERILIZZANDO LE CITTA',COME FOSSERO STATE SPOLPATE DA UN VIRUS INFETTO,MORTALE.I MIEI PENSIERI TORNANO A MALAGROTTA,LA DISCARICA,LA VALLE GALERIA INFETTA,QUASI FOSSE UN TERRITORIO DI NESSUNO,DOVE PRESTO L'UMANITA' E' DESTINATA A SPARIRE.SE...

TORNO INDIETRO CON LA MENTE,E' COME L'ULTIMO DEI GIRONI DANTESCHI,UN BUDELLO INFERNALE CHE PASSA SULLA PORTUENSE,PERCORRE LA STRADA NEI BOSCHI COSTELLATA DAL RICHIAMO DELLE PUTTANE AFRICANE,UNO STERMINATO CAMPO DI NESSUNO,DOVE NON C'E' LEGGE PER NESSUNO,UNA PRATERIA DI BOSCHI CONTAMINATI DAL TRAFFICO DI DROGA.A QUEI UOGHI PALUSTRI FA DA CORCNICE L'IMMENSO SPETTRO DI CORVIALE,QUASI UN MONITO DI UN MONDO PERDUTO,UN FUTURO CHE NON ESISTE.E' QUESTA LA GENERAZIONE INFETTA,LA CITTA' PERDUTA,QUELAL SODOMA E GOMORRA AI CONFINI DELLA METROPOLI ROMANA,QUASI UNA LUNGA PROFONDA INCISIONE,UNA FERITA PURULENTA,CHE SGUAZZA NEL PUS.SONO COME BOLLE QUELLE CHE VEDO,QUASI UNA ROSSA POZZANGHERA INFETTA DI LETAMI CONTAMINATI,SCARTI DI PRODUZIONE CHIMICA,LIQUIDI AVVELENATI CHE SCENDONO NELLA PROFONDITA' DELLA TERRA,IN SILENZIO,SENZA DIRE NIENTE A NESSUNO.E' QUESTO L'ECO MOSTRO NEL CUORE DI ROMA,AI SUOI CONFINI,CHE POI MI DOMANDO COSA VUOL DIRE I CONFINI DI ROMA CON QUELLI DEL LAZIO O DEL COMUNE DI VALLE GALERIA,COSA DIVIDE IL TERRITORIO,DA COSA SI SEPARA IL TERRENO?

DOPO LA PORTUENSE SI APRE LA VALLE GALERIA,RIARSA DAI FUMI DELLA DISCARICA DI MALAGROTTA,DOVE IL FETORE E' INSOPPORTABILE,L'ARIA INQUINATA,DOVE QUELLA NUBE GRIGIA DI FUMI TOSSICI HA ORMAI AVVILUPPATO OGNI COSA,STERLIZZANDO LA NATURA,MANGIANODIS OGNI COSA,DIVORANDO CERVELLO E BUDELLA,ANCHE IL CORPO DELLA GENTE CHE QUI VIVE E RESPIRA.E' COME UN MOSTRO CHE LENTAMENTE OGNI GIORNO TI MANGIA VIVO E NON TE NE ACCORGI,COME IL PEGGIORE DEI TUMORI,IL PEGGIORE DEI NEMICI.E' IL MONDO DEL VIRUS,DELLA MORTE PER AVVELENAMENTO,DI CUI NESSUNO PARLA,PERCHE' ANCHE QUI L'OMERTA' E' DI CASA,PADRONA ANCHE DELL'IGNORANZA CHE ALBERGA NELAL GENTE DEI LUOGHI.MALAGROTTA E' UN TERRITORIO QUASI OSTILE,FREQUENTATO NELLE SUE TAVERNE,DAI RESIDENTI,I DIPENDENTI DELLA DISCARICA.COME UN MONDO A PARTE,IL DECLINO DI UNA CITTA' DELL'ELDORADO,DOVE TUTTI CONOSCONO CHE HANNO UNA SORTE COMUNE,LA MORTE.

MALAGROTTA INFETTA,IL TERRITORIO RIARSO DALLA PALUDE FITTA DEI VELENI,I MIASMI DELLA DICARICA CHE OGNI GIORNO SEPPELLISCE I RIFIUTI DI UN'INTERA CITTA'.PROPRIO ACCANTO L'INCENERITORE CHE OGNI GIONO BRUCIA I RIFIUTI OSPEDALIERI.E' IO TERRITORIO DI NESSUNO,UN LUOGO OFF LIMITS PER LA GENTE COMUNE,PER CHI NON CONOSCE QUEI LUOGHI,E NEANCHE IMMAGINA COME SIANO.MA DEWNTRO L'INVOLUCRO C'E' GENTE CHE VIVE E RESPIRA,CHE APAPRE COME ZOMBI IN UN PAESE OSTILE,ESTRANEO DAL CORPO,DALLA CONDIZIONE UMANA DI SOPRAVVIVENZA.E' IL LUGO ETERNO ABBANDONATO A SE STESSO,CHE PRODUCE VELENI E SOLDI,CHE STRINGE NELLA MANO OMICIDA DELL'ABIENTE GLI AFFARI DELLE LOBBY POLIITICHE,CHE NULLA DICONO E A NULLA PROVVEDONO.

ACCANTO AI NOSTRI SOGNI DI CAPODANNO 2013 ANCORA STREMATI DAGLI EFFETTI DELL'ALCOOL,C'E' UN LUOGO VICINO AI SOGNI,CHE SOFFOCA DALLA DISPERAZIONE E DALL'IGNORANZA.MA E' DIETRO DI NOI,CI INSEGUE,SCROLLIAMOCELO DI DOSSO.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti