BARACK OBAMA IN TOPOLINO.AUTOMOBILI MENO INQUINANTI.

Detroit 26.1.2009(corsera.it) 

La crisi finananziaria ha messo le ali a piedi anche alla industria automobilistica americana che versa in un momento di crisi senza precedenti.Ma la paura che fà '90 anzichè correre sulle ali delle immense  cadillac del boom economico americano ,adesso si deve accomodare nelle automobiline all'italiana.La congiuntura internazionale ha di fatto creato una svolta nel settore auto e la riflessione del Presidente Americano và anche in quella direzione.La crisi automobilistica americana è anche la fine di un'era quella delle grandi automobiil con pochissime restrizioni sulle emissioni inquinanti.Adesso si cambia pagina, la Fiat e la tipologia delle automobili Topolino adesso andranno di moda anche in USA.

Altri articoli Corriere della Sera .WASHINGTON (USA) - Una decisione che potrebbe avere conseguenze sul mercato automobilistico mondiale. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama presiederà oggi la riunione dell'Agenzia americana per la protezione dell'ambiente allo scopo di rivedere la decisione presa dall'amministrazione Bush di non concedere alla California (e ad altri 13 stati) il diritto di porre limiti alle emissioni di gas dalle auto. Lo ha annunciato la Casa Bianca.

MINORI CONSUMI - L'ordine esecutivo di Obama disporrà che l'Environmental Protection Agency, Epa, riconsideri il rifiuto prima espresso alla richiesta di approvazione della misura dei 14 stati, che sotto la guida del governatore Arnold Schwarzenneger erano fortemente critici delle posizioni assunte dal precedente presidente, George W. Bush in materia ambientale. Obama darà istruzioni al dipartimento Usa dei Trasporti di sbloccare i nuovi regolamenti in modo da permettere di raggiungere nel 2011 migliori standard di efficienza sul fronte dei consumi dei carburanti auto. In pratica le auto dovranno consumare di meno ed emettere meno gas nocivi.

CONSEGUENZE - La misura, che è stata fortemente osteggiata dall'industria automobilistica, imporrà alle case automobilistiche di inziare a produrre e vendere auto meno inquinanti. Dal punto di vista politico, l'annuncio servirà ad Obama a rafforzare, in meno di una settimana, la sensazione di una netta svolta rispetto all'amministrazione Bush su tutte le principali politiche, sicurezza e politica estera - con il piano del ritiro dall'Iraq e l'ordine della chiusura di Guantanamo - politica interna - con l'abolizione della legge che vieta i finanziamenti alle Ong che promuovono l'aborto - ed ora sul fronte dell'ambiente.


Commenta questo articolo

Tutti i commenti