ELEZIONI SINDACO RAI BALLARO' FLORIS LA RIVOLTA DI SPARTACO I 15 RE DI ROMA

Roma 22 Maggio 2013 Corsera.it

ROMA ELEZIONI COMUNALI 2013.L'inciucio politico tra PD e PDL coinvolge a piene mani anche l'informazione,sia in RAI che nelle reti Mediaset.Dei 19 candidati a Sindaco di Roma,15 sono le liste sempre escluse dai talkshow televisivi,eppure insieme hanno raccolto ben 25 mila firme di cittadini romani.La censura e' imbarazzante,la paura di perdere il consenso elettorale dei partiti dell'inciucio.La paura contro il sintomo di una malattia che ormai ha preso in lungo e in largo la societa' italiana,perche' la prova dei 15 Spartaco di ROMA e' la testimonianza di come ormai il vaso di pandora si sia rotto,che i cittadini richiamano a se stessi l'amministrazione della propria citta'.E' chiaro che oggi ci troviamo difronte ad un unico partito di maggioranza il PDPDL e il partito di opposizione,quello dei cittadini.Roma apre la strada al capovolgimento del fronte sociale,perche' oggi e' nata a Roma la rivolta di Spartaco e forse questa volta incendiera' l'Italia e dara' vita al rinnovamento della classe politica.I 15 candidati sindaco di Roma Edoardo De Blasio Partito Liberale Italiano,Valerio De Masi Partito Italia Nuova,Marcello De Vito Movimento 5 Stelle,Simone di Stefano Casapound,Luca Romagnoli Fiamma tricolore,Stefano Tersigni Roma Capitale e' Tua,Fabrizio Verduchi Italia Cristiana,Alfonso Marra Lista dei Grilli Parlanti,Guido Saletnich Forza Nuova,Giovanni Palladino Popolari Giovani e forti,Angelo Novellino Italia Reale,Armando Mantuano Militia Christi,Gerardo Valentini Movimento cantiere Italia,

Matteo Corsini candidato sindaco di Roma Risorge

(AGENPARL) - Roma, 22 mag - “È andata in scena ieri sera, alla trasmissione Ballarò, una brutta pagina di giornalismo e una vera e propria lezione di taroccamento dell'informazione". Con queste parole Angelo Novellino, candidato sindaco di Italia Reale, lista monarchica per Roma denuncia l'escusione sua e degli altri candidati Sindco di Roma dal programma di Floris. "La trasmissione del terzo canale del servizio pubblico nazionale, che in evidente violazione del principio della par condicio ha scelto di dar voce sempre e solo a quattro dei 19 candidati a sindaco di Roma, ha firmato ieri il suo capolavoro di malainformazione. Dopo le proteste mie - continua Novellino - e degli altri esclusi, sono stati concessi a ciascun candidato sindaco 30 secondi riparatori per presentarsi. Ebbene, abbiamo deciso di rispondere al maldestro tentativo di simulare una presunta democrazia dell'informazione, con il silenzio. Ieri sera, però - conclude il candidato - Giovanni Floris, invece di trasmettere i nostri 30 secondi di silenziosa protesta verso la cattiva informazione del servizio pubblico, ha pensato bene di mandare in onda nostre brevi interviste girate non per Ballarò, ma per il tg regionale. Un autentica operazione di disservizio pubblico”.

Inserisci il testo della notizia
Commenta questo articolo

Tutti i commenti