BARACK OBAMA IL TEOREMA DELLA TORRE DI BABELE.

Washington 31.1.2009 (corsera.it) di Matteo Corsini.

Il neo presidente americano dichiara di considerare  vergognosi i bonus ai dirigenti delle aziende americane,in realtà non fa altro che descrivere l’involuzione del sistema capitalistico americano che forse più di ogni altra fase storica sancisce oggi la sua crisi irreversibile.

L’evoluzione del credito sintetico in realtà avrebbe dovuto consentire una maggiore  fluidità nella circolazione ,ma la gestione criminale dei cds senza alcuna regola definita all’interno di  un mercato non  regolamentare ha condotto l’evoluzione del sistema creditizio alla edificazione di una Torre di Babele moderna,in cui i protagonisti hanno trasferito l’uno verso l’altro il germe criminale della truffa e del ladrocinio ,fino a quando si sono cominciati a menare l’uno con l’altro e poi ad uccidersi come dimostra la fine di Lehman Brothers.

Quello che descrive Barack Obama è una società criminale ormai nella sua piena interezza,una banda di criminali che immaginandosi più potenti di Dio hanno distrutto se stessi e i loro avversari e questi i subalterni e gli altri  vicini e  parenti di casa. L’America è un paese che si è distrutto con le sue mani,innestando in questa irrefrenabile corsa dell’avidità,anche la caccia infausta e senza frontiere  al terrorismo,orchestrando teorie anche con prove false allo scopo di  impiegare il suo potentissimo esercito in una  guerra preventiva.

 Lo  scopo era quello di lenire i propri guai interni individuando un pericolo esterno per compattare il paese,proprio come il nazismo ebbe ad immaginare con la meticolosa programmazione dello sterminio degli ebrei. Ma qui viceversa è proprio larga parte della finanza ebrea alle leve di comando delle principali istituzioni bancarie americane che ha causato il dramma,sconfinato oltre il baratro dell’Inferno soltanto per incredibile appetito. Le stesse istituzioni bancarie che garantendo il loro debito hanno indotto il mondo intero ad acquistare la loro immondizia scardinando dall’interno il sistema finanziario che non poteva avere anticorpi di se stesso .L’intero sistema finanziario è stato colpito da una totale mancanza di fiducia,talmente grave che la circolazione del credito si è bruscamente interrotta e le banche centrali hanno dovuto sopperire iniettando miliardi di liquidità nel sistema. Dunque i cittadini del mondo turlupinati e derubati hanno poi riparato i buchi  di questa finanza di ladrocinio . La domanda è dove sono finiti questi miliardi di dollari,trilioni di trilioni rubati al mondo intero. Dove sono finiti i miliardi di dollari che Madoff ha soffiato alle  sue  migliaia di clienti? Per certo sappiamo che decine di milioni di dollari sono finiti nelle casse delle associazioni e fondazioni ebree.

Ma forse è proprio da queste comunità ebraiche che si deve avere la forza di ripartire,soltanto leggendo nel profondo della loro storia potranno aggiustare il tiro e prendere un altro sentiero,illuminando anche il cammino degli altri.

 

 

 

Commenta questo articolo

Tutti i commenti