CORSERA IGNAZIO MARINO IL GATTOPARDO LA GIUNTA DI ROMA TRA CRIMINALITA' E RIFIUTI

Roma 26 Giugno 2013 Corsera.it

Roma si insedia la giunta di Ignazio Marino,il sindaco der Daje!.Matteo Corsini Roma Risorge."Al ballottaggio abbiamo orientato il voto dei nostri simpatizzanti su Ignazio Marino che seguiremo passo dopo passo.Dovra' assicurare alla citta' molti servizi.Vedremo cosa riusciranno a fare.Roma criminalita',rifiuti,trasporti,emergenza casa,lavoro.I problemi da fronteggiare nella capitale sono molteplici,l'eredita' dell'amministrazione di Gianni Alemanno e' devastante.Illegalita' diffusa a Piazza di Spagna,venditori ambulanti ovunque,mendicanti,venditori di fiori.Mondofitness l'inferno per i residenti del Fleming e Flaminia vecchia.Il campo nomadi di Tor di Quinto.Le favelas lungo il Tevere.Vedremo se il chirurgo sindaco riuscira' nell'impresa di governare la citta' con il pugno di ferro."

Il nuovo sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha risolto il rebus: il chirurgo ha presentato in Campidoglio la sua squadra per i prossimi 5 anni di governo della capitale. Nella scelta degli assessori ha rispettato la «parità di genere», con 6 donne e 6 uomini in giunta, 6 tecnici e 6 politici. 
L'ultima casella disponibile è stata riempita con la chiamata di Daniela Morgante, magistrato della Corte dei Conti, al Bilancio. Vice del sindaco è Luigi Nieri di Sel, che assumerà la delega al Patrimonio. «Questa che nasce è una giunta giovane, che segna discontinuità con il passato, con persone molto competenti. Ne sono orgoglioso», ha detto. E intanto incassa gli auguri dell'ex sindaco Gianni Alemanno: «Misureremo le loro capacità con una opposizione seria e responsabile».

Oltre a Nieri e Morgante, nella giunta ci sono Daniele Ozzimo (Pd) a Casa e Lavoro, Paolo Masini (Pd) aiLavori pubblici e Periferie; Marta Leonori (Pd) a Roma Produttiva, Flavia Barca alla Cultura. E ancora Rita Cutini aSostegno sociale e Sussidiarietà, Alessandra Cattoi aScuola, Infanzia e Pari opportunità, Giovanni Caudo allaTrasformazione urbana, Luca Pancalli agli Stili di vita e Sport, Estella Marino (Pd) (“Solo omonima”, ha precisato Marino) all'Ambiente e Rifiuti, Guido Improta ai Trasporti.

Marino ha chiarito lo spirito con il quale vuole lavorare da sindaco di Roma: «Mi adopererò come ho sempre fatto nella carriera da chirurgo. Ho messo insieme squadre in sale operatorie e sistemi di ricerca che hanno sempre funzionato, usando i criteri usati in questi giorni. Abbiamo valutato i curricula e scelto le persone per la passione e la voglia di cambiare la città. Altro aspetto importantissimo che ho imparato negli ambienti anglosassoni, per vincere serve avere non solo persone preparate ma tante persone che vogliono giocare in una squadra. E questo spirito ci sarà». Domani alle 14 e 30 prima convocazione della nuova giunta di Roma Capitale. «Una delibera di grande impatto come prima mossa della nuova giunta? Giovedì decideremo tutti insieme, proprio come una squadra», ha dichiarato il sindaco.

AREA PEDONALE AI FORI - E forse una delle prime misure «choc» per la Capitale (oltre alla promessa di ridurre le «macchine di servizio») potrebbe essere l'area pedonale nella zona dei Fori Imperiali, di cui si è parlato subito dopo le elezioni: «Ci sono tanti progetti per rilanciare Roma e uno è quello del parco dei Fori Imperiali», ha detto il vicesindaco Nieri. In particolare, spiega, «dovremo capire quanto potrà portare in termini di indotto», anche se la zona «va comunque chiusa tenendo conto dei soggetti che ne fanno parte, senza fare forzature con i residenti. Ma l'obiettivo della chiusura per il 15 agosto resta».

IL NO DI GRILLO - Marino si è anche detto «dispiaciuto» per il no dei CinqueStelle all'offerta di entrare in giunta con un assessore (era stata offerta la poltrone della legalità e sicurezza): «Il no dei grillini? Io non posso che dispiacermene, ma questo è un problema più de leader carismatico del Movimento che dei consiglieri, con i quali spero di collaborare».

OBIETTIVI - Marino ha preannunciato che giovedì, dopo la prima riunione della Giunta, gli assessori si presenteranno alla stampa. Intanto, però, ha voluto chiarire le scelte e i compiti dei suoi collaboratori: «A guidare l’area del sostegno sociale e la sussidiarietà abbiamo chiamato Rita Cutini, docente di Roma 3. È un’area in cui bisogna fare molto e molto rapidamente. Sono stato colpito facendo il giro con la Caritas ad apprendere che molti dormitori non funzionano dal 2012. Nella Capitale tutti hanno il diritto a dormire in un letto e con le lenzuola pulite». Altro problema sono i trasporti e la mobilità: «È il più importante, abbiamo identificato Guido Improta, lavorava all’Alitalia, è stato campo dell’ufficio legislativo del governo con Prodi e sottosegretario con Monti. Per il commercio e attività produttive, dove vogliamo creare lavoro e sviluppo, c’è Marta Leonori, un deputato che si dimetterà appena possibile e che sta arrivando dagli Stati Uniti, dove ha un dottorato di ricerca in economia e gestione dell’attività pubblica.

RIFIUTI E PERIFERIE - Un altro aspetto caldissimo è il tema dei rifiuti, questione centrale per la città. Marino si affida a Estella Marino, ingegnere ambientale con un dottorato in tecnica urbanistica: «Si è occupata di ambiente, territorio e negli ultimi anni ha studiato la questione delle discariche, in particolare di Malagrotta». E vedremo che soluzione troveranno per i rifiuti. Alla Cultura lavorerà Flavia Barca, docente di economia dei media alla Sapienza, sorella minore dell'ex ministro Fabrizio e figlia dell'ex direttore dell'Unità, nonchè senatore Pci, Luciano. 
Sulle perfierie lavorerà Paolo Masini: «Ha dimostrato negli anni passati tanta sensibilità per le persone deboli, Le periferie devono essere centrali per le questioni della città. Per cominciare, i nuovi autobus (i 50 tecnologicamente avanzati rimasti a lungo nei depositi, ndr) saranno destinati proprio a quelle zone. E cercheremo di dare riposte in tempi rapidi». Spesa e bilancio, altro capitolo: «Abbiamo una città che ha problemi di spesa e razionalizzazione. Sono contento – ha detto Marino – di aver chiamato alla guida Daniela Morgante, un magistrato della Corte dei conti ha lavorato in Consob e Banca d’Italia, è giovane e preparata e potrà aiutare la città con le sue conoscenze».

Commenta questo articolo

Tutti i commenti