UNIVERSITA' TELEMATICHE LAS VEGAS OCEAN'S TWELVE GLI INCARDINATI UN JACKPOT DA 200 MILIONI DI EURO E IL PRINCIPIO DELL'INSUFFICIENZA

Sydney Sabato 22 Giugno 2013 riceviamo e volentieri pubblichiamo di Mark Ludovici

Universita' telematiche i casino' on line della formazione accademica italiana,dove i dottori diventato professori e poi rettori e dunque Ministri dello Stato Italiano.

Il business delle lauree on line,come una grande Las Vegas per le 11 universita' telematiche entrate nel giro.La storia delle rette pronta cassa.Un business da 200 milioni di euro.11 universita' 11 corti dei miracoli 11 ruote della fortuna per gli iscritti.Il grande casino' della formazione on line che nessuno controlla,senza regolamenti,territorio dei piu' furbi.11 universita' centinaia di dottori diventati professori straordinari a tempo determinato migliaia di studenti che diventano dottori in un lampo.Professori incardinati che consentono un risparmio di milioni di euro all'anno agli atenei on line,mentre le univiersita' di Stato si continuano ad indebitare per pagare i lauti stipendi dei professori.C'e' un principio di incostituzionalita' della norma,che bypassa,senza colpo ferire,i rigidi paletti che aveva imposto la spending review all'Italia.La fabbrica a ciclo completo fatta in casa.E gli altri? Stanno a guardare.

Universita' telematiche,l'impero dei casino' e delle slot machine.Se Roma non ha mai avuto dei casino',ebbene le 11 universita' telematiche italiane,sono diventate anche questo.Le rette pagate copn bonifici e  contanti dagli studenti equivalgono ad un giro d'affari milionario.Un business che ha arricchito gli atenei oltre ogni ragionevole previsione,la degenerazione di un sistema nato per offrire formazione on line,nel breve giro di qualche anno si e' trasformato nell'industria del dottorificio,dove ormai vige il principio dell'insufficienza a quello della sufficienza.Quello degli atenei on line,e' ormai un' autentica piaga sociale,a cui oggi il Ministero dell'Istruzione cerca di porre tardivo rimedio.

Ma probabilmente si ricordera' questo periodo come quello in cui le telematiche italiane scomparvero inghiottite dall'insostenibilita' del principio ....

 dell'insufficienza,come metodo di valutazione degli esami universitari.L'intero settore e' travolto da una morsa di indagini delle Procure italiane,commissioni di vigilanza,inchieste giornalistiche,indagini tributarie.Come anticipato dal Corsera.it,lo stesso MIUR e' adesso sotto schiaffo per l'indagine della Procura della Repubblica,in riferimento agli affari d'oro dei finanziamenti europei pilotati agli amici degli amici,progetti e soggetti senza requisiti minimi.

La denuncia sul sistema abnorme utilizzato dalle universita' telematiche giunge proprio da Elio Pariota,direttore della Pegaso on line,che pubblicamente ha denunciato questo utilizzo surrettizio dell'incardinamento dei professori straordinari.metodo che ha consentito fino ad oggi che gli atenei on line,compensassero,i requisiti minimi.Una compensazione che avviene senza costi per gli atenei.Gli incardinati,non costano,sono nominati da una commissione interna agli atenei.Le universita' on line,poi emanano i bandi di concorso per professori ordinari,salvo poi non richiamarne nessuno.Come mai?

 

Commenta questo articolo

Tutti i commenti