COMUNE DI ROMA SCANDALO IGNAZIO MARINO LE 75 ASSUNZIONI MILIONARIE
Roma 19 Ottobre 2013 Corsera.it Ignazio marino e le 75 assunzioni milionarie.In pochi mesi Marino ha assunto 75 persone al Campidoglio con stipendi milionari.Uno scandalo.Tra cui Andrea Bianchi,che senza laurea,si intascava la bellezza di 115 mila euro annui.Si innesta anche qui lo scandalo delle lauree facili delle universita' telematiche. Addio al Campidoglio. E a 115 mila euro all’anno, benché lordi. È stato costretto a dimettersi Andrea Bianchi, fino a poche ore fa capo staff del vicesindaco Luigi Nieri. Il motivo è presto detto: «Durante le verifiche - spiega lo tesso Nieri - è emerso che Bianchi non è laureato. Per questo gli ho chiesto di rassegnare le sue dimissioni, cosa che ha già fatto». 75 ASSUNZIONI - Sullo stipendio di Bianchi erano state sollevate polemiche. Come pure sui compensi di altri neo-assunti in Campidoglio. A Ignazio Marino infatti è stata rimprovera un’infornata di 75 nomi con delibere di giunta firmate tra il 5 luglio e il 13 settembre , in base alle quali lo staff del sindaco e degli assessori pesa sulle casse del Comune per oltre 4 milioni e mezzo di euro, ad essere precisi per 4.624.614 euro. LA REPLICA DEL SINDACO - Marino ha però subito replicato, affermando che con la sua gestione i costi dei consulenti esterni al Comune sono stati ridotti rispetto all’epoca di Gianni Alemanno e che sono state dimezzate le spese per l’ufficio stampa.
ROMA - Addio al Campidoglio. E a 115 mila euro all’anno, benché lordi. È stato costretto a dimettersi Andrea Bianchi, fino a poche ore fa capo staff del vicesindaco Luigi Nieri. Il motivo è presto detto: «Durante le verifiche - spiega lo tesso Nieri - è emerso che Bianchi non è laureato. Per questo gli ho chiesto di rassegnare le sue dimissioni, cosa che ha già fatto». 75 ASSUNZIONI - Sullo stipendio di Bianchi erano state sollevate polemiche. Come pure sui compensi di altri neo-assunti in Campidoglio. A Ignazio Marino infatti è stata rimprovera un’infornata di 75 nomi con delibere di giunta firmate tra il 5 luglio e il 13 settembre , in base alle quali lo staff del sindaco e degli assessori pesa sulle casse del Comune per oltre 4 milioni e mezzo di euro, ad essere precisi per 4.624.614 euro. LA REPLICA DEL SINDACO - Marino ha però subito replicato, affermando che con la sua gestione i costi dei consulenti esterni al Comune sono stati ridotti rispetto all’epoca di Gianni Alemanno e che sono state dimezzate le spese per l’ufficio stampa.
Commenta questo articolo

Tutti i commenti