Roma Tor Crescenza sequestrato il castello del Bunga Bunga del conte Fabrizio Sardagna Ferrari amico del premier Silvio Berlusconi
Per il Fisco era nullatenente ma in realtà il "conte" possedeva ville, elicottero e castello dove si tenevano lussuose feste. I finanzieri del comando provinciale di Roma hanno sottoposto a sequestro l'intero patrimonio del conte Fabrizio Sardagna Ferrari von Neuburg und Hohenstein. Il nobile (ex marito della principessa Sofia Borghese) aveva intestato i suoi beni erano a prestanome: il giardiniere e la domestica.
Il conte dichiarava redditi al di sotto della soglia di povertà, ma le indagini coordinate dalla procura di Roma, hanno permesso di scoprire che i beni, intestati a società formalmente di proprietà del giardiniere e della domestica dell'uomo, venivano usati per cerimonie, convegni e soggiorni e che, dal 2011 al 2014, hanno fruttato al "nobiluomo" circa 12 milioni di euro mai dichiarati all'erario, oltre ai circa 300mila euro di imposta municipale unica dovuta e non versata alle casse comunali.Il castello dove si sono sposati i vip - Tra i possedimenti di fatto del conte, sono emersi il castello di Tor Crescenza, edificato nel XV secolo, salito agli onori delle cronache per aver ospitato i ricevimenti in occasione delle nozze di noti personaggi dello sport e dello spettacolo, con annesse cinque ville, per un estensione totale di 4mila metri quadri nel Parco di Veio; sette ville, edificate abusivamente a ridosso del mare, all'Argentario (Grosseto); nonché un elicottero, con tanto di insegna nobiliare, utilizzato dal conte per gli spostamenti tra le varie proprietà, tenuto in un apposito hangar sotterraneo.
Commenta questo articolo

Tutti i commenti