MONTE DEI PASCHI DI SIENA E' FALLITA SI VA AL BAIL IN NEANCHE IL TESORO POTRA' SALVARLA

CorSera.it by Matteo Corsini

Matteo Renzi sosteneva che MPS fosse un buon investimento.Ricordate?

MPS senza liquidità ,ha esaurito la sua corsa,dopo l'ennesima informazione fuorviante contenuta nel prospetto dell'aumento di capitale.Un altro raggiro a danno degli investitori,una trappola mortale per gli obbligazionisti. Quasi certo il bail in per MPS ,dal momento che l'acquisto dello Stato dovrà essere limitato,cosiddetti intervento temporaneo,da cui dovranno rimanere esclusi gli NPL che ad oggi ammontano a 27 miliardi ,ma che nel breve giro di qualche mese saranno ancora di piu'.

La banca Monte dei Paschi di Siena è fallita,non sarà sufficiente l'intervento del Tesoro per salvare la banca più 

antica d'Italia.L'istituto di Rocca Salimbeni siede su una voragine incolmabile anche per lo Stato di circa 160 miliardi di passività,di cui 27 miliardi di NPL ,uno dei pilastri su cui reggeva l'aumento di capitale,ma che nessuno pare voglia metabolizzare.Nel corso del 2017 matureranno in pancia a MPS almeno altri 4/5 miliardi di NPL per un totale di quasi 35 miliardi di virus infetto.Il Tesoro potrà intervenire limitatamente nel capitale della banca,ma le regole europee impongono un divieto assoluto di acquistare NPL,considerandolo un aiuto di Stato.Per MPS non c'e' alternativa al bail in ,allo tsunami spazza via ogni cosa, inghiotti liquami.

CorSera.it

 

 

Ora si capisce di più perché due settimane fa la Bce è stata rigidissima nel non concedere neanche 20 giorni in più al Montepaschi per portare avanti l’aumento di capitale sul mercato: la liquidità rischiava di assottigliarsi tanto da mettere a rischio la stessa «sopravvivenza» di Mps. I numeri lo dimostrano. Se solo il 14 dicembre la banca dichiarava che — in uno scenario teorico di forte stress — avrebbe avuto liquidità per 11 mesi, in appena due giorni la situazione è ulteriormente peggiorata: ora c’è liquidità sufficiente solo per quattro mesi. Ma più in generale la Vigilanza di Francoforte ormai non credeva più all’operazione così come impostata da Jp Morgan e Mediobanca, e forse anche questo ha contribuito ad aggravare il quadro di Mps, nonostante la rete in due soli giorni sia riuscita a recuperare 1 miliardo dalla conversione dei bond in mano ai risparmiatori. I 5 miliardi di euro da recuperare sul mercato entro l’anno avrebbero dato respiro alla banca guidata da Marco Morelli. Ora invece bisognerà fare ricorso al polmone finanziario del Tesoro, non è ancora chiaro in quale forma.

Lo Stato avvierà così la nazionalizzazione della banca senese, oltre 80 anni dopo la nascita dell’Iri di Alberto Beneduce che salvò — nazionalizzandole — le vecchie Comit, Credit e Banco di Roma. A far tracollare l’operazione di salvataggio è stata innanzitutto la mancata adesione del fondo sovrano del Qatar, Qia, di fatto l’unico tra gli oltre duecento investitori internazionali individuati da Jp Morgan ad avere mostrato una qualche disponibilità a investire nel Monte con circa 1 miliardo. Gli arabi avrebbero dovuto essere quell’investitore-perno (anchor investor) di un nuovo azionariato di Siena, con accanto sempre il Tesoro ma nelle vesti di azionista privato con il 4%, eredità dei precedenti aiuti di Stato (i Tremonti e poi i Monti Bond). In realtà gli arabi — assistiti dalla banca Rothschild — non erano mai usciti allo scoperto, in attesa di capire che cosa sarebbe successo con il referendum del 4 dicembre. Le dimissioni di Matteo Renzi avrebbero però privato il Qatar di un interlocutore privilegiato che avrebbe potuto garantire loro altre contropartite in Italia. Così i qatarini si sono sfilati, nonostante i tentativi in extremis del riconfermato ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan.Ma anche la partita della vendita dei 27,7 miliardi di crediti in sofferenza (npl) è stata travagliata fin dall’inizio. Era basata su un prestito-ponte messo in piedi da Jp Morgan molto complesso — inizialmente di 6 miliardi, poi ridotto a 4,7 miliardi — e che fino all’ultimo è stato oggetto di scontro fra gli americani e il fondo Atlante, che avrebbe dovuto investire 1,6 miliardi per l’acquisto di una tranche di crediti. Un braccio di ferro risoltosi appena tre giorni fa, a operazione già ai supplementari. Adesso la domanda è: con il Tesoro azionista di maggioranza, si procederà ancora nella cartolarizzazione? La Quaestio sgr di Alessandro Penati, che gestisce Atlante, ieri sera ha fatto sapere che — contrariamente a quanto indicato in mattinata dalla stessa Mps — è disposta ancora a partecipare all’operazione, alle condizioni che la banca stabilirà, ma senza più il famigerato prestito-ponte, che nasceva solo dall’esigenza di anticipare a Mps i ricavati della vendita degli npl ed era enormemente costoso. Con in pancia i miliardi dello Stato, i tempi di Siena potrebbero essere diversi.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti