Roma Virginia Raggi ricatto o connivenza? 8 ore di interrogatorio ,un gioco ad incastro per l'egemonia politica della capitale d'Italia

CorSera.it

Virginia Raggi è finita sotto torchio dei magistrati per 8 ore.Lo scoop dell'Espresso mette in ginocchio la sindaca Virginia Raggi,che oltre al falso dovrà adesso fare chiarezza su un episodio inquietante,la polizza vita stipulata a suo favore da Salvatore Romeo.Chi è Virginia Raggi davvero? Ormai è chiaro che la sindaca fa parte di una organizzazione ben oliata,che ha inteso riprendere in mano le fila della pubblica amministrazione romana.Qualcuno parla della "scalata" avvenuta alle spalle del Movimento 5 Stelle,da parte di qualcuno che ha favorito l'ascesa della Virginia Raggi al Campidoglio a discapito di Marcello De Vito.Non c'e' dubbio che ci troviamo difronte ad un gioco ad incastro,dove emerge un substrato ricattatorio o una connivenza , teso a favorire l'egemonia politica di una fronda politica rispetto alle altre.

In nottata, una volta concluso l’interrogatorio, si è saputo che Romeo, avendo a disposizione un piccolo patrimonio e non avendo eredi, aveva già stipulato altre polizze vita indicando come beneficiari persone amiche o care, come una sua ex fidanzata che ha spiegato di essere stata oggetto di una disposizione analoga a quella ricevuta dalla Raggi. «Me ne informò un giorno al bar, prendendo un caffè», ha rivelato la donna. Va anche detto che i beneficiari delle polizze vita non percepiscono denaro fino alla eventuale dipartita di Romeo, il quale ha la possibilità di ritirare il denaro versato in anticipo senza dovere nulla ai beneficiari stessi. E’ dunque difficile ipotizzare un episodio penalmente rilevante e infatti al momento i pm non hanno contestato nulla in tal senso, pur chiedendo spiegazioni alla sindaca.
Commenta questo articolo

Tutti i commenti