Roma Risorge Virginia Raggi Salvatore Romeo indagato,stipendio triplicato, la grande farsa del Movimento 5 Stelle

CorSera.it Il Movimento 5 stelle? Un movimento di disoccupati che adesso vuole occuparsi della cosa pubblica,ma come i comunisti,una volta entrati in casa non ci ringrazieranno,cercheranno di cacciarci via.La sindaca Virginia Raggi assume e triplica lo stipendio di un amico,un fedelissimo dell'ultimo momento .E' questa la moralità del Movimento 5 Stelle? O siamo difronte a dei coatti che si immaginano parlamentari, senatori, deputati, consiglieri regionali e che come tutti gli altri si sono messi in fila per ritirare lo stipendio allo sportello? Coatti disoccupati che si triplicano lo stipendio ecco cosa fanno.E noi dobbiamo stare a guardare questo scempio ? No Grazie.Virginia Raggi va cacciata subito con nuove elezioni.Ormai credo che dovrà dimettersi ,ma lo stipendio da 9 mila euro al mese le fa gola,come diciamo noi a Roma : " E quando me ricapita ? ".

Al centro del nuovo filone d’inchiesta avviato dalla procura di Roma c’è la nomina (con stipendio triplicato) dell’ex capo della segreteria. Un «ingiusto profitto» che fa ipotizzare per Raggi un altro abuso d’ufficio dopo quello legato a Renato Marra

L’avviso di comparizione a Salvatore Romeo è in realtà una nuova accusa a Virginia Raggi. Perché al centro del nuovo filone d’inchiesta avviato dalla procura di Roma c’è proprio la sua nomina a capo della segreteria della sindaca, che in questo modo gli triplicò lo stipendio. Un «ingiusto profitto» che fa ipotizzare un altro abuso d’ufficio, dopo quello contestato per la designazione di Renato Marra a responsabile del Turismo in Campidoglio. Di fronte ai magistrati - che lo hanno convocato per oggi, anche se l’interrogatorio potrebbe slittare - Romeo dovrà chiarire i contatti con Raggi prima di diventare il suo braccio destro, ma anche la scelta di intestare proprio a lei due polizze vita rispettivamente da 30 mila e tremila euro. Per l’inchiesta è una settimana importante, in attesa dell’interrogatorio di Marra sui suoi rapporti con i vertici del Campidoglio e con i leader del M5S a Roma, primo fra tutti Luigi Di Maio.
Commenta questo articolo

Tutti i commenti