CorSera Milan Silvio Berlusconi Yonghong Li, l'oscura partita dell'acquisizione della squadra di calcio

Milena Gabbanelli e Mario Gerevini, per il ‘Corriere della Sera’, hanno pubblicato questa mattina un’indagine sulla provenienza dei fondi per l’operazione che, lo scorso 13 aprile 2017, ha visto passare il Milan dalla Fininvest alla Rossoneri Sport Investments Luxembourg, società controllata dall’attuale proprietario e Presidente del club meneghino, Yonghong Li e suoi guai finanziari che l’imprenditore cinese, definito “oscuro finanziere”, starebbe passando.

 

Questa mattina, Yonghong Li tornerà in patria e quindi non resterà in Italia per assistere dal vivo al match di giovedì contro l’Arsenal, valido per l’andata degli ottavi di Europa League. Il presidente milanista, arrivato a Milano nei giorni scorsi per il derby poi rinviato a causa della scomparsa improvvisa di Davide Astori, è stato anche ieri a Milanello, dove ha visto l’allenamento della squadra di Gattuso in compagnia della sua famiglia e di Han Li.

NOVITA’ - Come riporta il Corriere della Sera in edicola questa mattina, nelle scorse ore Yonghong Li è stato aggiornato dall’ad Marco Fassone sul piano di rifinanziamento del debito contratto con il fondo Elliott, che va rimborsato entro ottobre 2018: si sa che il mandato è stato dato a Merrill Lynch, la quale deve cercare nuovi investitori sul mercato, ma la novità delle ultime ore è che la nota banca d’affari non si occuperà solo del debito contratto dal club milanista (123 milioni), ma anche di quello della holding del proprietario (180 milioni). L’idea è quella di scorporare il debito, trovando una decina di investitori (piuttosto che un unico fondo), che potrebbero essere allettati da interessi, per quanto riguarda la holding, a doppia cifra.

INCONTRO CON L’UEFA - La speranza in via Aldo Rossi è di risolvere questa questione il prima possibile, o comunque prima dell’incontro con l’Uefa per il settlement agreement, in programma probabilmente a fine marzo. Il rifinanziamento del debito con Elliott resta lo snodo più importante per il futuro del Milan e per questo motivo sarà fondamentale trovare una soluzione nel più breve tempe possibile.

“La cassaforte che ha comprato il Milan era già vuota”, si può leggere nel servizio. Secondo quanto rilevato dal ‘CorSera’, Yonghong Li sarebbe titolare di una holding insolvente, le banche creditrici gli avrebbero fatto causa e il Tribunale avrebbe stabilito che, per saldare i debiti, il patrimonio della holding debba andare all’asta. Il patrimonio di Yonghong Li sarebbe finito all’asta su Taobao, l’equivalente cinese di eBay.

L’ordine arrivato, secondo quanto riportato dall’inchiesta del ‘CorSera’, dal Tribunale del distretto di Futian sarebbe stato quello di vendere all’asta del 2 febbraio (data poi rinviata) l’11,39% che la ‘cassaforte’ di Yonghong Li avrebbe nella società di packaging Zhuhai Zhongfu, quotata alla Borsa di Shenzhen. Valore, circa 60 milioni. Tale ricavato andrebbe a risarcire le banche. Pochi giorni fa, inoltre, la China Securities Regulatory Commission, l’equivalente della Consob di Pechino, avrebbe comunicato l’avvio di indagini per presunti illeciti sul mercato commessi dalla holding che si chiama “Shenzhen Jie Ande”, poiché avrebbe tenuto nascoste per mesi la sentenza e l’insolvenza.

Yonghong Li, che per il ‘CorSera’ sarebbe “inseguito dai creditori in patria”, ha poi riassunto la sua credibilità, la sua storia e la sua consistenza patrimoniale in un documento consegnato alle parti nella trattativa dell’acquisizione del Milan: tra gli asset fondamentali, si può leggere, oltre alle sue “famose e fantomatiche” miniere di fosfato, anche questo 11,39% di Zhuhai Zhongfu, detenuto tramite la cassaforte Jie Ande.

LE DATE E LA VICENDA – La banca avrebbe fatto causa alla holding di Yonghong Li nel maggio 2016 e il 7 febbraio 2017 il Tribunale del popolo di Futian avrebbe ordinato che il pacchetto in pegno andasse all’asta. A quel punto sarebbe partito immediato il ricorso della holding Jie Ande. Intanto, a Milano, il 13 aprile 2017, Yonghong Li ha chiuso con Fininvest l’acquisto da 740 milioni del Milan, anche grazie ad un prestito del fondo statunitense Elliott Management Corporation. A metà maggio il Tribunale respinge il ricorso della holding di Yonghong Li (gestita, secondo il ‘CorSera’, da un prestanome) confermando la vendita coattiva a favore della Banca Jiangsu. “A default conclamato, a Shenzhen – si può ancora leggere – il nuovo proprietario del Milan presenta a giugno in Lega Calcio le credenziali su onorabilità e solidità. Tutto a posto. Il Milan è iscritto al campionato, e parte una faraonica campagna acquisti da 200 milioni”.

LIQUIDAZIONE PER BANCAROTTA – Sotto Natale, l’amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, è caccia della cifra per rifinanziare il debito con Elliott, quando il Tribunale cinese fissa al 2 febbraio l’asta di giudiziale. L’8 gennaio, però, ha sottolineato il ‘CorSera’, la Banca di Canton, a cui Yonghong Li non avrebbe pagato i debiti, avrebbe chiesto la liquidazione per bancarotta della holding Jie Ande. Nel frattempo, anche in Italia sono cominciate ad arrivare presunte inchieste per riciclaggio, smentite dallo stesso Yonghong Li. A Shenzhen l’asta su Taobao del 2 febbraio sarebbe stata rinviata, perché c’è la richiesta di liquidazione per bancarotta della Banca di Canton che si accavallerebbe alle pretese risarcitorie della Banca di Jiangsu. A Milano, sponda Fininvest, però è tutto tranquillo, perché in ogni caso “i soldi sono arrivati” e Li “ha rispettato tutti gli impegni”.

L’OPERAZIONE – L’advisor di Fininvest, Marco Samaja, capo di ‘Lizard Italia’, scriveva, all’epoca dell’operazione di compravendita del Milan, come non fosse stato riscontrato nulla di pregiudizievole a carico di mister Li Yonghong che dispone di adeguate risorse finanziarie per realizzare l’operazione”, ma il ‘CorSera’ ribadisce come Yonghong Li abbia “esibito sul tavolo della trattativa le credenziali di una sua società-cassaforte che era già da tempo insolvente”. Quindi, i sospetti: “Ha barato? E può un oscuro finanziere, sconosciuto in Cina e altrove, che mai si è occupato di calcio neppure a livello amatoriale e che presenta tra i suoi “gioielli” una holding quasi fallita per pochi milioni non restituiti, impegnarsi da solo in un’operazione da un miliardo (campagna acquisti e aumenti di capitali compresi)? – l’invettiva dei colleghi del ‘CorSera’ -. Non bisogna essere un banchiere della Rothschild per rispondere che non e’ possibile. Eppure lui ce l’ha fatta, con la Rothschild come consulente. E da Rothschild, dove è vicepresidente della controllata inglese, viene il consigliere di amministrazione del Milan Paolo Scaroni, ex numero uno di Eni ed Enel e buon amico di Silvio Berlusconi”.

Quindi, il ‘CorSera’ ha concluso fissando dei punti: “O Yonghong Li è realmente molto ricco, e finora ha tenuto nascosto il suo vero tesoro che forse non può far emergere, e non paga i debiti perché è distratto; o ha fregato tutti ed è un mitomane; o si è prestato a interpretare la parte in un gioco più grande di lui nel quale i soldi e le garanzie non sono suoi”.

Commenta questo articolo

Tutti i commenti