CorSera Silvio Berlusconi riabilitato.Il Re del Bunga Bunga suona la carica contro il Cercopiteco Luigi Di Maio

Roma 12 Maggio 2018  CorSera Copyright 2018  All rights reserved 2018

Silvio Berlusconi riabilitato. Il Re del Bunga Bunga suona la carica contro il Cercopiteco Luigi Di Maio. Non deve essere stato facile per Silvio Berlusconi, ingoiare il rospo del rifiuto del leader del Movimento Cinque Stelle, di accettarlo come controparte politica nella formazione del nuovo governo. Una umiliazione in mondovisione, che ha fatto stringere i denti all'ex cavaliere di Arcore per oltre 60 giorni, dopo i quali, ha dovuto capitolare, tirarsi indietro, accettare la sconfitta, forse la più cocente della sua vita. Ma adesso con la riabilitazione le cose cambiano e si modificano di brutto, innanzitutto Luigi Di Maio è ujn nemico mortale, un bersaglio da distruggere , prima ancora che questo strano animale Cercopiteco gialloverde di Pomigliano d'Arco, cominci ad ingrossare le sue zampe sul piatto della pubblica amministrazione. Con Silvio Berlusconi in campo, eleggibile, adesso parte un'altra partita e il centrodestra potrebbe farcela senza ogni dubbio. Luigi Di Maio ha condotto male le negoziazioni e gli utlimi 60 giorni lo hanno inviso agli italiani, che vedono in lui un arrogantello ignorante, che ha cercato di dettare le regole del gioco all'Italia intera. Peccato di lesa maestà, credo che il destino di Luigi di Maio e del Movimento Cinque Stelle sia oggi segnato. Il governo dei Cercopitechi non funziona, già lo si vede, impossibile far entrare nella cruna dell'ago l'abnorme costo del reddito di cittadinanza insieme alla flax tax, ma sopratutto gli italiani hanno capito che dopo gli immigrati, dovranno sostenere anche il costo di tutti i fannulloni d'Italia e questo non rientra nelle nostre ambizioni.Se tanto mi da tanto, se la politica, come nel mercato è l'uno l'opposto dell'altro, a Silvio Berlusconi non rimane che lanciare il guanto di sfida sul tavolo da gioco e rendere impossibile a Luigi di Maio chiudere gli accordi con la Lega. A Matteo Salvini ( tenuto per le palle dal Cavaliere per via dei debiti della Lega) non rimarrebbe che fare buon viso a cattivo gioco e rimettersi in fila dietro al leader di Forza Italia per tentare un'altra volta la sorte nel voto segreto delle urne.La guerra che Luigi Di Maio ha aperto contro il Cavaliere Silvio Berlusconi, è un pò come la temeraria sfida di Daniele Luttazzi in televisione, o quella di Angelino Alfano o Gianfranco Fini . Nessuna speranza di sopravvivere per il leader del M5S , per lui e la sua cerchia di amici , che ieri sedevano al tavolo all'interno del pirellone. Silvio Berlusconi, da quanto mi dice una fonte interna ad Arcore , è tentato di tirare la sedia da sotto il sedere al suo alleato Matteo Salvini, trovare la giustificazione per far saltare gli accordi e poi rilanciare a testa bassa. Silvio Berlusconi potrebbe ancora farcela, per un'ultima volta a vincere la sua Coppa dei Campioni, l'ultima volta da Imperatore (Presidente del Consiglio ) prima di abdicare al suo..... destino. CorSera.it All rights reserved 2018 

Commenta questo articolo

Tutti i commenti