CORSERA CORONAVIRUS OLOCAUSTO A BRESCIA.LAURA CASTELLETTI : "QUI LA GENTE CREPA ED HA PAURA DI CREPARE, SONO 200 MILA BRESCIANI CHE CHIEDONO AIUTO ALLE AUTORITA'"

Brescia 24 marzo 2020 CorSera.it ( redazione mobile 335291766 )

Lombardia orientale, Brescia,Bergamo, Cremona, il contagio non si arresta, sono centinaia  i morti e continuano ad aumentare i contagi. La vicesindaca Laura Castelletti, intervistata dalla Myrtha Merlino nel corso della trasmissione l'Aria che Tira, ha lanciato un appello alle autorità del paese: " La Lombardia orientale è un'altra cosa, qui la gente sta morendo, sono tutti chiusi in casa con sintomi da Covid-19 e non ci sono medici di base che possano effettuare controlli a domicilio, perchè anche loro sono tutti ammalati. A Brescia mancano i presidi sanitari, il sostegno psicologico agli anziani, questa è zona rossa, e doveva esserlo già da tempo.

Ci sono 200 mila bresciani che chiedono un intervento complessivo dello Stato, un presidio militare permanente per arginare il contagio". Malgrado le continue interruzioni della conduttrice ( Myrtha Merlino dovrebbe apprendere da Bruno Vespa che lascia rispondere i suoi interlocutori ponendo domande stringate e non facendo troppi preamboli) la vice sindaca Laura Castelletti si è speigata molto bene, la sua denuncia è forte "Qui la gente crepa ed ha paura di crepare, in casa, da sola, senza assistenza. "La Lombardia orientale vive un vero e porprio olocausto, una condizione di crisi permanente e la gente muore prima ancora di arrivare in ospedale.Fortissima anche la testimonianza di Ingrid, residente a Pedrengo, che ha visto morire la sorella di 43 anni per Covid-19. Diagnosticata una polmonite, è stata curata a casa, quando all'improvviso ha smesso di respirare ed è morta, lasciando due figli di 13 e 17 anni. Il Covid-19 sta spazzando via un'intera provincia, senza un adeguato livello di assistenza sanitaria. Il flagello della Pandemia, non si poteva arrestare, ma il ministero della Salute avrebbe dovuto accertare la mancanza dei DIP e procurarseli per distribuirli gratis ai cittadini di quelle zone. Mi pare che le riunioni a Palazzo Chigi, ieri si sono svolte con le mascherine , il Premier Giuseppe Conte aveva la mascherina , così come la meloni, Matteo Salvini, Antonio Tajani e tutti gli altri all'interno della conference room. Come mei gli italiani non hanno ancora avuto le mascherine anche per tutelare la propria incolumità in ambito famigliare, nel condomio,m quando vanno a prendere una boccata d'aria in terrazzo? Perchè un intero ministero della Salute non ha previsto che la pandemia , qualora fosse riuscita a raggiungere l'Italia , ci avrebbe trovato impreparati, ma sopratutto senza mezzi di protezione individuale, che sono utili per i medici nelle corsie di emergenza e in sala operatoria, e quindi indispensabili per evitare il contagio tra le persnoe che ancora oggi continuano a  frequentare i supermercati , gli ospedali, o vanno ancora al lavoro? 

Ingrid ha poi lan ciato un appello a tutti gli italiani : " Non festeggiate sui balconi, non ballate e cantate, rispettate il nostor lutto, qui in Lombardia la gente sta soffrendo".
 

CorSera.it Copyright 

Commenta questo articolo

Tutti i commenti