FEBBRE SUINA IL VIRUS SI DIFFONDE IN CINA,DUE CASI SOSPETTI A NEW YORK,IL SUO ARRIVO ATTESO IN ITALIA.

Roma 27.4.2009(Corsera.it) di Matteo Corsini

La psicosi da Febbre suina è al massimo livello,non di allerta,ma tra i media di tutto il mondo che con le catastrofi si leccano i baffi,che questa volta sanno di prosciutto.Mi scrive Andrea Lina di Cruditalia,preoccupata che anche il mio articolo susciti allarme tra la gente e si offende perchè ho definito "puzzo " il profumo superbo dei prosciutti italiani.

Alle 12.00 ogni giorno mi  mangio una rosetta con il prosciutto italiano ed è una consuetudine che continuerò a mantenere.Non ho alcuna preoccupazione che il  virus  si diffonda in Italia,ma le condizoni igienico sanitarie devono essere mantenute al massimo livello di guardia e tra i terremotati questo non accade.Si cucina ancora nelle betoniere,tra la gente,dove viene stoccata la carne ad esempio?

Tornando al virus della febbre suina ,questa mattina le notizie sono che potrebbe essersi propagato in Cina e due casi sospetti anche a New York.Non c'è allarme ma ricordiamo che l'ultima febbre aviaria ha fatto oltre un milione di morti.

Quindi continuate a mangiare prosciutto,ma preoccupatevi delle condizioni igienico sanitarie dei ristoranti,delle salumerie,dei bar.

 

Inserisci il testo della notizia
Commenta questo articolo

Tutti i commenti