Stampa la notizia

LE CONFESSIONI DEL GIOVANE GINO FLAMINIO FIDANZATO DI NOEMI LETIZIA.SILVIO BERLUSCONI MI HA RUBATO LA DONNA.

Roma 25 Maggio 2009(Corsera.it)

L'intervista di Gino Flaminio rilasciata a La Repubblica ha il sapore amaro del giovane a cui la vita ha tolto tutto nel più classico dei modi:potere ,soldi e successo.E' bastata una telefonata per affondare la sua vita derelitta in quella squallida del cornuto,poche parole di una persona importante per strappargli dal cuore la donna di cui era follemente innamorato.Cosa poteva la sua miserrima esistenza contro l'invito del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi,alla sua fidanzata per trascorrere un Natale nella lussuosa villa La Certosa?

Quella di Gino Flaminio ex fidanzato di Noemi Letizia sembra la trama del film il Presidente interpretto di Micheal Douglas .Secondo l'operaio di Pomigliano ,sarebbe stato Silvio Berlusconi in persona a contattare la giovane napoletana Noemi Letizia nell'ottobre del 2008.Le fotografie del famoso book di Noemi sarebbero state lasciate per caso sul tavolo del Presidente Silvio Berlusconi niente di meno che dal...

....giornalista Emilio Fede,quasi un procacciatore di donzelle.Il Presidente del Consiglio si sarebbe prpodigato in una seria di complimenti per la giovane,mettendone in risaltoil viso angelico,peccaminoso dunque per la purezza.In seguito Noemi Letizia sarebbe stata invitata in Sardegna a Villa Certosa insieme ad altre 30 o 40 ragaze alloggiate nei bungalows intorno alla villa principale.La scena mi ricorda le feste di Bob Guccione a New York patron di PLaymate quando organizzava le competizioni per la più bella dell'anno.Una macchina infernale,capace di far perdere la testa a qualunque ragaza desiderosa di uscire dalla banalità della sua vita di provincia.Niente di più veritiero dunque alle mie orecchie.

Possiamo soltanto dire in conclusione, al giovane Gino Flaminio, che questa storia l'ha semplicemente aiutato a liberarsi di una donna che non lo avrebbe mai amato e che antepone il successo personale all'amore e ai sentimenti.Caro Gino troverai una donna che ti amerà e ti aiuterà a vivere,insieme costruirete una vostra vita e tanto più saranno le difficoltà,tanto più intensa sarà la vostra storia d'amore.Conosco bene la tristezza della vita di quelle donne che hanno sacrificato se stesse al successo e alla carriera,quando la loro belleza sfiorisce rimangono sole e nessuno le ricorda più.

Altra fonte il Corriere della Sera.L'INTERVISTA - Nell'intervista rilasciata a Giuseppe D'Avanzo e Conchita Sannino, Gino Flaminio, operaio di 22 anni, che è stato per sedici mesi (dal 28 agosto 2007 al 10 gennaio 2009) il fidanzato di Noemi Letizia, racconta che nel rapporto tra il premier e Noemi «i genitori di lei non c’entrano niente»: «Il legame era proprio con lei...il rapporto comincia più o meno intorno all’ottobre 2008. Noemi mi ha raccontato di aver fatto alcune foto per un book di moda. Lo aveva consegnato a un’agenzia romana, importante, di quelle che fanno lavorare le modelle, le ballerine. Noemi mi dice che in quell’agenzia di Roma va Emilio Fede e si porta via questi book. Proprio quel giorno Fede è a pranzo o a cena con Berlusconi, dimentica le foto sul tavolo. È così che il premier chiama Noemi, quattro o cinque mesi dopo che il book era nelle mani dell’agenzia, dice Noemi. Quindi Berlusconi la chiama al telefono, proprio lui, direttamente, erano le cinque o le sei del pomeriggio, lei stava studiando. Berlusconi le dice che ha visto le foto, che è stato colpito dal suo "viso angelico", dalla sua "purezza", le dice che conservarsi così come è, pura». A Repubblica Gino spiega che non soltanto le telefonate gli sono state raccontate da Noemi ma che a volte gliele faceva ascoltare «per convincermi che davvero parlava con Berlusconi»: «Una volta disse una cosa del tipo: "Sei una ragazza divina". All’inizio però non aveva detto a Noemi chi era. Le faceva domande sulla sua vita, poi quando lei gli ha chiesto chi fosse, lui rispose: "Ma non si sente chi sono?"». Quindi il ragazzo racconta di come Noemi lo chiamasse «papi al telefono, anche davanti a me e io capivo che si trattava del presidente». Poi Flaminio riferisce di aver cominciato ad allontanarsi da Noemi dopo «la vacanza di Capodanno in Sardegna nella villa di lui. Noemi me lo disse a dicembre che papi l’aveva invitata là. Mi disse: "Posso portare un’amica qualunque, non gli importa e ci saranno altre ragazze". E lei si è portata Roberta. E poi è rimasta con Roberta tutto il periodo. È partita verso il 26-27 dicembre ed è ritornata verso il 4-5 gennaio. Quando è tornata mi ha raccontato tante cose. Che Berlusconi l’aveva trattata bene, a lei e alle amiche. Hanno scherzato, hanno riso. C’erano tante ragazze. Tra 30 e 40 che alloggiavano in questi bungalow che stava nel parco. In quello di Noemi erano in quattro, oltre a lei e a Roberta c’erano due gemelline». Quindi Gino afferma di non credere più ai racconti della ragazza, secondo la quale Berlusconi sarebbe stato con loro soltanto la sera di Capodanno: «Io non ci credo. Chiamavo Noemi al cellulare ma non mi rispondeva mai. Alla fine chiamavo la sua amica Roberta e lei diceva che non me la poteva passare perché era di là (...) e al ritorno non è stata più la mia Noemi. A gennaio ci siamo lasciati». Ma il sospetto del giovane è: «Quante bugie mi avrà detto sui suoi viaggi a Roma?».