Stampa la notizia

SILVIO BERLUSCONI PORCI CON LE ALI LE FESTE DEL BUNGA BUNGA A TOR CRESCENZA
Nulla da fare. Berlusconi non sembra avere intenzione di mettere la testa a posto.
E nonostante l'età che avanza, continuerebbe a fare festini a base di bunga bunga. Più o meno sempre con lo stesso gruppo di ragazze.
È cambiata solo la location: da Arcore al Castello di Tor Crescenza, a Roma. È quanto emerge dalle telefonate intercettate tra Flavio Briatore e l’onorevole Daniela Santanché, pubblicate ieri da "La Repubblica" e prima ancora da "Il Fatto quotidiano".
Sono state raccolte dalla procura di Genova, che accusa il manager di evasione fiscale per il suo yatch "Dorce Blue"; e ora trasmesse a Milano per il processo Ruby (quello nel quale il presidente del Consiglio è imputato per concussione e prostituzione
minorile; e in cui Briatore viene chiamato paradossalmente come testimone della difesa).

Il bunga bunga continua: "E allora crolla tutto"La conversazione risale a circa due mesi fa, i primi di aprile.

I due amici, Briatore e la Santanché (lei già socia del Billionaire), parlerebbero appunto delle abitudini di Berlusconi e l’ex manager di F1 rivela al sottosegretario: “Lele Mora mi ha detto: tutto continua come nulla fosse".
Il riferimento sarebbe appunto ai festini, interrotti ad Arcore dopo l’inchiesta dei pm di Milano e proseguiti a Roma, in un’altra residenza, il castello di Tor Crescenza.
"Non più lì (ad Arcore) ma nell'altra villa...tutto come prima": dice Briatore. E la Santanché incredula sbotta: "Va bè ma allora qua crolla tutto".

Briatore: "Ha ragione Veronca, è malato"

 
In un'altra telefonata, sempre Briatore commenta con il sottosegretario una nuova festa del premier: "Ha ragione Veronica, è malato. Perché uno normale non fa 'ste robe qui...Persino Lele Mora è in imbarazzo"!

Le reazioni

Non tardano ad arrivare le reazioni dai diretti interessati, ma non c'è nessuna smentita. Se Daniela Santanchè si limita a un no comment: "Ero una che ascoltava al telefono un amico"; Briatore dice qualcosa di più al Corriere della Sera.
"Quelle cene tra amici non erano un segreto per nessuno, e questa è la prova che non accadeva nulla di illegale": sostiene il manager.
Spiegando che dopo le 10 di sera uno può fare quello che vuole, poi precisa: "Ma certo, poteva evitare di fornire altri appigli a quella che considero una campagna diffamatoria nei suoi confronti".
Briatore si dice preoccupato per la salute del premier: "Sono convinto che dovrebbe fare una vita più riguardata, riposare di più, anche se conoscendo l'uomo so che è quasi impossibile".

 

L'aggiornamento precedente

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi non ha smesso di organizzare festini a base di bunga bunga dopo lo scoppio del Caso Ruby. Li ha solo spostati, a quanto pare, dalla sua residenza di Arcore a Villa Gernetto a Monza, nella sede dell'Università delle Libertà.
È questo lo sccop lanciato ieri mattina da Il Fatto quotidiano, a firma di Gianni Barbacetto e Ferruccio Sansa.


Fede, Briatore e la Santanché

La notizia emerge da un’inchiesta della procura di Genova in merito a presunti reati fiscali legati all'affitto di megayacht. Nelle intercettazioni finiscono di persone dell’entourage berlusconiano, tra cui Daniela Santanchè, Flavio Briatore ed Emilio Fede.


Nulla di penalmente rilevante

Dalle conversazioni, ci tengono a precisarlo Barbacetto e Sansa, non ci sarebbe nulla di penalmente rivelante, ma emergono comunque elementi che vanno a completare il quadro delineato dai magistrati milanesi che indagano sul Rubygate.


“Una persona che ha problemi”

Non solo. Nelle intercettazioni alcuni parlano di Berlusconi come di una persona che ha problemi come aveva detto la sua ex moglie Veronica Lario. E poi si spazia dal siluramento del direttore generale della Rai Masi - prima ancora che avvenisse - alla sua sostituzione con Lorenza Lei, ritenuta vicina alla Santanchè.


Mora sotto pressione

E poi si parla di Lele Mora il quale, nonostante lo scandalo e le inchieste, sarebbe ancora sotto pressione per le continue richieste di organizzazione di serate nelle residenze del presidente del Consiglio