Stampa la notizia

ALBERTO TOMBA MALMENATO DA UN RUSSO,SCAPPA IN AUTO.

14.1.2009(CORSERA.IT) Da quando è ha riposo con lo sci,Alberto tomba si è dato alla palestra e alle volte a Porto Cervo lo si vede correre a torso nudo.Ma il turista russo che ha incontrato in montagna non era raffinato come i magnati del petrolio.Destro sul viso e Alberto Tomba è volato per terra,poi la paura ha prevalso,l'ex campione ha fatto pippa è risalito in automobile e si è dileguato alla vista del russo inferocito.

 

BOLOGNA (Apcom) - Disavventura in un parcheggio per l'ex campione di sci Alberto Tomba: ha raccontato al Quotidiano Nazionale di essere stato preso a pugni da un turista russo a Pragelato, località sciistica in provincia di Torino, non lontana da Sestriere.

"Sabato mattina ero appena uscito da un hotel di Pragelato - ha raccontato Tomba -. Mi sono diretto verso la mia automobile e contavo di fare subito ritorno in Emilia. Nella zona del parcheggio dell'hotel la superficie era ghiacciata e un signore non riusciva a spostare la sua vettura. Io mi sono limitato a dirgli di sbrigarsi, ma non avevo fatto i conti con il carattere di questo individuo. L'uomo si è avvicinato alla mia macchina e ha cominciato a prenderla a calci. Allora sono sceso dall'auto per dirgliene quattro, ma non ho fatto in tempo ad aprire bocca: il russo mi ha sparato un diretto in pieno volto, e mi sono ritrovato a terra in mezzo alla neve.

 Ho temuto che potesse avere anche intenzioni peggiori, così sono tornato al volante della mia macchina e me ne sono andato imprecando".

Durante il tragitto verso l'Emilia, dove risiede, il volto di Tomba ha però cominciato a gonfiarsi e il campione si è rivolto al Policlinico di Modena, dove comunque hanno escluso fratture al setto nasale.

"Ancora adesso, a qualche giorno di distanza, ho una faccia da pugile suonato - ha aggiunto Tomba -. È stato un episodio davvero sconcertante e, per quanto mi riguarda, la cosa non finisce qui: infatti, nei prossimi giorni i miei avvocati depositeranno una querela nei confronti del mio aggressore presso la stazione dei carabinieri competente per territorio".