Domenica 05 Febbraio 2023
HOTLINE: +39 335 291 766

IN PRIMO PIANO

Esteri

CORSERA.IT RECEP TAYYIP ERDOGAN LA TURCHIA POTREBBE APPROVARE LA CANDIDATURA DELLA FINLANDIA NELLA NATO

29 Gennaio 2023

ANSA) - ANKARA, 29 GEN - La Turchia potrebbe approvare la candidatura della Finlandia alla Nato.

Lo annuncia il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Il presidente turco, durante un incontro con i giovani, ha lasciato intendere che la Turchia potrebbe dare il via libera all'adesione della Finlandia alla Nato, senza fare lo stesso per la Svezia, con cui ci sono divergenze più marcate sul dossier curdi. "Se necessario, possiamo dare un messaggio diverso sulla Finlandia. La Svezia sarà scioccata quando daremo un messaggio diverso sulla Finlandia", ha detto Erdogan rispondendo ad una domanda. (ANSA).

Interni

CORSERA.IT CORTINA INCENDIO HOTEL MAJONI EFREM E MARTINA ZANCHETTA,IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO. 80 CLIENTI FINITI IN TRAPPOLA,SALVATI DA UN OSPITE EROE

29 Gennaio 2023

CORTINA d'Ampezzo 29 gennaio 2023 

Nessun altro hotel in Italia ha mai subito l'umiliazione di essere vigilato a vista da una task force di pompieri sotto la supervisione del Comando provinciale dei VVF, oggi quello di Belluno e della Prefettura, come in questo caso sempre quella di Belluno diretta dal leggendario dr. Mariano Savastano. Il Grand Hotel Miramonti Majestic ha poi subito anche la ghigliottina mediatica dell'obbligo di chiusura di diverse zone del compendio immobiliare, ritenute ad altissimo rischio, come la Sala Cristallo, teatro di tanti incontri, presentazioni di libri di giornalisti e autori famosi. In quelle sale c'è da sgomberare l'intero arredo, i divani, le sedie, i mobili di legno, tutta robaccia da robivecchi dai tessuti di feltro, lana, tutti fuorilegge. La stessa spa dovrà sbarrare agli ospiti la BIOSAUNA, la sauna finlandese, il bagno turco, considerati alal stregua delle sedie elettriche, una sorta di limbo per i Dead Man Walking.Andrà giu la tendina del bar, i pesanti tendaggi della sala ristorante, materiale infiammabile, così come dovrebbero essere dismesse tutte le porte dell'albergo, fatte di legnaccio MARCIO, le moquette ammuffite dalle copiose perdite di acqua fuoriuscire da infissi marciti dalle intemperie del tempo. Ma la società GETURHOTELS è risultata responsabile di gravissime violazioni delle misure antincendio e quindi raggiunta da un provvedimento di "PERMANENZA NELLO STATO DI NON ESERCIZIO DELLE ATTIVITA'" VALE A DIRE CHIUSO.  

Esteri

CORSERA.IT VOLODYMYR ZELENSKY PRONTO PER SANREMO SODDISFATTO DELLE ALLEANZE NEL CAMPO DELLA DIFESA CON GLI AMICI NEL MONDO

29 Gennaio 2023

ROMA, 29 GEN - "Questa settimana abbiamo ottenuto risultati significativi nel campo della difesa nelle relazioni con Stati Uniti, Germania, Polonia, Canada, Belgio, Norvegia, Italia e altri Paesi.

La prossima settimana non dovrà essere da meno".

Lo ha sottolineato Volodymyr Zelensky su Telegram.
    "È molto importante mantenere questo slancio. La velocità di approvvigionamento è stata e sarà uno dei fattori chiave. La Russia spera di prolungare la guerra e di esaurire le nostre forze. Quindi, dobbiamo fare del tempo la nostra arma. Dobbiamo accelerare le forniture e aprire nuove opzioni sul tipo di armi necessarie all'Ucraina", ha aggiunto. (ANSA).

Cronaca

CORSERA.IT ROGO ALL'HOTEL MAJONI-ZANCHETTA MANCAVANO I DOCUMENTI. SIGNIFICATIVE LE PAROLE DI ROBERTO MAZZOTTI DIRETTORE DELL'ALBERGO

29 Gennaio 2023

Belluno 29 gennaio 2023 by Alessandro Carotenuto Padova indipendent journalist 

Incendio all’hotel Majoni «Mancavano documenti»

A quasi sette anni dal rogo, il processo sta arrivando alla sua fase decisiva Sentiti gli imputati, significative le parole del direttore dell’albergo Mazzotti

Corriere della Alpi cronaca di quei giorni.

CORTINA. Majoni, quasi sette anni fa il rogo. Sta per arrivare in fondo il processo per l’incendio dell’hotel di Cortina del 28 dicembre 2011. Nell’udienza di ieri, davanti al giudice Feletto, c’è stato l’esame degli imputati: Angelo Comin (difeso da Lorenzon), che realizzò l’impianto di rilevazione e la segnalazione manuale in assenza di un progetto obbligatorio dal 1990; il direttore Roberto Mazzotti (Bonfantini), per non aver visionato le procedure del ripristino dell’impianto di rilevazione e tacitato il sistema; il tecnico della Piave antincendi Stefano Bars (Dal Pozzolo), per aver attestato positivamente i controlli dell’impianto, senza il progetto e la verifica sull’efficacia delle segnalazioni; il presidente trevigiano del consiglio di amministrazione, Efrem Erasmo Zanchetta (Trotta), per aver proseguito l’attività senza il progetto, tralasciato la formazione del direttore e per non aver isolato le varie vie di comunicazione.

 

ALTRE NOTIZIE

Cronaca

CORSERA.IT CORTINA GRAND HOTEL MIRAMONTI ZANCHETTA PRECEDENTE RACCAPRICCIANTE INCENDIO HOTEL MAJONI,LA TRAGEDIA SFIORATA 80 OSPITI VIVI PER MIRACOLO

-->29 Gennaio 2023

Cortina d'Ampezzo 29 gennaio 2023  by Peter Uller Udine indipendent blogger 

Gruppo Zanchetta Grand Hotel Miramonti e hotel Majoni, due hotel di proprietà della stessa famiglia. Oggi si ripete cosa accadde alcuni anni addietro, la carenza delle misure antincendio oggi ha provocato la sospensione della licenza alberghiera e ieri per un incendio non rilevato si sfiorò la tragedia con oltre 80 ospiti chiusi nelle loro camere, perchè l'incendio aveva sviluppato un fumo così denso ed acre da impedire alle persone di poter fuggire dalla unica via di fuga rappresentata da una scala. Nelle cronache di quei giorni, emerse che la porta principale d'ingresso dell'hotel Majoni era fatta interamente di legno e se non fosse stato per il pronto intervento dei VVF di Cortina, decine di ,persone sarebbero morte bruciate vive o soffocate dai gas velenosi dell'incendio. Quella è storia oggi ci sono dei fatti che ci dicono che nulla si è imparato da quella vicenda, che oggi come allora l'impianto antincendio dell'hotel Miramonti di fatto non esiste, non sappiamo se i rilevatori dei fumi e dei vapori sono agganciati al sistema di allarme acustico , se il progetto dell'impianto è stato regolarmente depositato presso l'ufficio comunale preposto, se esiste un manuale dell'impianto.....

 

Turismo

CORTINA D'AMPEZZO INCENDIO ALL' HOTEL MAJONI-ZANCHETTA TRAPPOLA PER TOPI, 80 OSPITI CHIUSI NELLE LORO CAMERE PER TUTTA LA NOTTE

-->29 Gennaio 2023

Cortina d'Ampezzo 29 gennaio 2023 by Peter Uller Udine indipendent blogger 

Gruppo Zanchetta i precedenti all'hoel Majoni, un albergo a rischio d'incendio. Pubblichiamo un articolo della Tribuna di Treviso. MARENO. Una cicca avrebbe scatenato le fiamme. Un toast bruciato aveva fatto zittire l’allarme dell’hotel Majoni di Cortina, pochi giorni prima. Nessun segnale. Due circostanze emerse già nella prima udienza del processo per l’incendio colposo del 28 dicembre 2011 allo jesolano Angelo Comin per aver realizzato impianto di rilevazione e segnalazione manuale, senza un progetto obbligatorio dal 1990; al direttore riminese Roberto Mazzotti per non aver visionato le procedure del ripristino dell’impianto di rilevazione e tacitato il sistema; al tecnico della ditta antincendio, l’altro jesolano Stefano Bars per aver attestato positivamente i controlli dell’impianto, senza il progetto e la verifica sull’efficacia delle segnalazioni e al presidente trevigiano del CdA, l’imprenditore marenese Efrem Zanchetta (degli omonimi Magazzini e del Centro commerciale di Mareno, proprietario inoltre di alcune catene alberghiere) per aver proseguito l’attività senza il progetto, tralasciato la formazione del direttore e non aver isolato le varie vie di comunicazione all’interno dell’albergo.