Lunedi' 22 Luglio 2024
HOTLINE: +39 335 291 766
DUBAI INFERNO DI CRISTALLO INCENDIO SUL GRATTACIELO TORCH UNA DELLE TORRI PIU' ALTE DEL MONDO

DUBAI INFERNO DI CRISTALLO INCENDIO SUL GRATTACIELO TORCH UNA DELLE TORRI PIU' ALTE DEL MONDO

21 Febbraio 2015 (AGI) - Dubai, 21 feb. - E' stato spento in meno di tre ore l'incendio scoppiato in uno dei piu' famosi grattacieli di Dubai che ha portato all'evacuazione di migliaia di persone.
  Non ci sono state vittime. I vigili del fuoco sono riusciti a domare le fiamme sprigionatesi alle due di notte al 51mo piano del Torch, la torcia, che non i suoi 361 metri e' fra le torri residenziali piu' alte al mondo.
  Il rogo nel grattacielo di Dubai Marina, negli Emirati Arabi, ha raggiunto il 70mo piano (su 79), alimentato dal forte vento. All'inizio il suono della sirena dell'allarme anti-incendio sarebbe stato sottovalutato perche' nei giorni scorsi c'erano stati diversi falsi allarmi. Sono stati gli abitanti dei palazzi vicini a segnalare il fumo che fuoriusciva. Le fiamme hanno mandato in frantumi centinaia di vetri, provocando una pioggia di detriti dai piani piu' alti.
  La zona e' stata completamente isolata e sul posto sono intervenuti una decina di mezzi dei pompieri. Leggi la notizia
CHARLIE HEBDO I TERRORISTI IN UN COVO NEL CUORE DI PARIGI LA BEFFA DELLA CARTA DI IDENTITA' DEI FRATELLI KOUACHI

CHARLIE HEBDO I TERRORISTI IN UN COVO NEL CUORE DI PARIGI LA BEFFA DELLA CARTA DI IDENTITA' DEI FRATELLI KOUACHI

09 Gennaio 2015 La piu' grande caccia all'uomo della storia contemporanea e' fallita.La polizia francese  beffata dal ritrovamento di una carta di identita' che ha indotto le autorita' a lanciare 88 mila uomini alla ricerca di due killers fantasma forse gia' morti seppelliti da qualche parte.Una beffa dunque il ritrovamento della carta di identita' di uno dei due fratelli Kouachi.Un atto diabolico per depistare la caccia all'uomo delle autorita' francese che a quanto pare hanno abboccato lanciandosi nelle perquisizioni delle case di Reims dei due fratelli.Dove sono i terroristi? Nessuno lo sa.La grande beffa e' per il momento riuscita.Il giallo della carta di identita' preoccupa adesso le autorita' francesi che devono prendere tempo capire dove hanno sbagliato dove in realta' i terroristi siano finiti e chi siano realmente gli autori della strage. Leggi la notizia
MASSACRO CHARLIE HEBDO FALSE LE CARTE DI IDENTITA' DI SAID E CHERIF KOUACHI I TERRORISTI IN FUGA REIMS IL BLITZ BUFALA TV  DELLE TESTE DI CUOIO

MASSACRO CHARLIE HEBDO FALSE LE CARTE DI IDENTITA' DI SAID E CHERIF KOUACHI I TERRORISTI IN FUGA REIMS IL BLITZ BUFALA TV DELLE TESTE DI CUOIO

08 Gennaio 2015 Sarebbero false le carte di identita' di Said e Cherif Kouachi lasciate appositamente in una delle automobili dai veri terroristi per depistare le ricerche sui veri autori della strage nella redazione del giornale satirico Charlie Hebdo.Non si spiegherebbe altrimenti che dei professionsti capaci di uccidere 12 persone con un piano perfetto organizzato nei minimi dettagli portassero le loro vere carte di identita'.Il piano di fuga seguito da altri complici che coprivano il commando stragista. I terroristi ancora non identificati sono in fuga per la Francia e forse al sicuro in un covo segreto.Il blitz mediatico delle teste di cuoio a Reims e' una bufala servita alle televisioni di tutto il mondo si tratterebbe della casa di uno degli attentatori. Leggi la notizia
ATTENTATO CHARLIE HEBDO I DUE SOSPETTI SAID E CHERIF KOUACHI BRACCATI A  VILLERS-COTTERETS A NORD-EST DI PARIGI

ATTENTATO CHARLIE HEBDO I DUE SOSPETTI SAID E CHERIF KOUACHI BRACCATI A VILLERS-COTTERETS A NORD-EST DI PARIGI

08 Gennaio 2015  Selon nos informations, deux suspects auraient été localisés ce jeudi matin dans l'Aisne, à proximité de Villers-Cotterêts, sur la RN2. Ils auraient braqué une station-essence vers 10h30, toujours selon nos informations. Un impressionnant dispositif de sécurité a été déployé dans la zone, notamment à Crépy-en-Valois.

Les deux hommes, correspondant au signalement des deux suspects en fuite, circulaient à bord d'une Renault Clio blanche aux plaques minéralogiques masquées et portaient des cagoules. Des armeslongues étaient visibles à l'arrière du véhicule. Ils circuleraient en direction de Paris. 

Le gérant de la station-essence a «formellement reconnu les deux hommes soupçonnés d'avoir participé à l'attentat de Charlie Hebdo», a expliqué une source proche du dossier. «Les deux hommes sont cagoulés, avec kalachnikov et lance-roquettes apparentes», a confirmé une autre source.

Des témoins évoquent sur Twitter une concentration de forces de gendarmerie à proximité de Vauciennes, où la route était fermée à la circulation. Les gendarmes bouclaient toujours le site à la mi-journée et le plan Epervier a été déclenché, selon l'Union. Une voiture Skoda grise abandonnée sur place a été examinée, précise le quotidien régional. Leggi la notizia
ASSALTO AL CHARLIE HEBDO VIDEOSHOCK 12 MORTI STRAGE DI GIORNALISTI VENDICHEREMO IL PROFETA ALLAH U AKBAR

ASSALTO AL CHARLIE HEBDO VIDEOSHOCK 12 MORTI STRAGE DI GIORNALISTI VENDICHEREMO IL PROFETA ALLAH U AKBAR

07 Gennaio 2015 Attacco armato contro la redazione parigina di Charlie Hebdo. Due uomini incappucciati e vestiti di nero sono penetrati nella sede del giornale satirico francese, noto per il suo stile ironico e provocatorio e per le vignette anti-Islam, aprendo il fuoco con kalashnikov e urlando "Vendicheremo il profeta". Sul posto è giunta la polizia. Secondo la procura ci sono 12 vittime, tra cui due poliziotti, e almeno 4 feriti. Leggi la notizia
ISIS SIRIA TERRORISMO ORRORE DECAPITATO EMIRO DELLA FORZA DI AL HESBAH

ISIS SIRIA TERRORISMO ORRORE DECAPITATO EMIRO DELLA FORZA DI AL HESBAH

06 Gennaio 2015 Beirut, 6 gen. - Una figura di spicco della cosiddetta 'polizia' dello Stato Islamico e' stato trovato decapitato in Siria orientale. Lo ha reso noto l'Osservatorio Siriano dei Diritti Umani. L'uomo era un cittadino egiziano, noto come il vice-emiro della forza di al-Hesbah nella provincia siriana di Deir-el-Zor: il suo corpo, che mostrava segni di tortura, e' stato rinvenuto nei pressi di una centrale elettrica nella citta' di al-Mayadeen. 'Non sappiamo se sia stato ucciso dallo Stato Islamico o da locali o altri combattenti', ha dichiarato Rami Abdulrahman, direttore dell'Osservatorio, che ha una rete di informatori sul terreno. 'In ogni caso e' una notizia importante, perche' si tratta di un uomo molto importante. . Leggi la notizia
THE INTERVIEW  GUERRA NEL CYBERSPAZIO NORD COREA  PRONTI A COLPIRE USA FOGNA DEL TERRORISMO

THE INTERVIEW GUERRA NEL CYBERSPAZIO NORD COREA PRONTI A COLPIRE USA FOGNA DEL TERRORISMO

21 Dicembre 2014  - Gli Usa stanno considerando l'ipotesi di inserire la Corea del Nord nella lista dei Paesi sponsor del terrorismo. Lo ha detto il presidente Barack Obama dopo il cyberattacco ai danni della Sony che ha portato alla cancellazione del film "The Interview". Dal canto suo Pyongyang, che era stata tolta dalla lista sei anni fa, ha minacciato rappresaglie contro la Casa Bianca se gli Stati Uniti prenderanno misure nei suoi confronti. Leggi la notizia
EBOLA NIENTE SESSO PER 3 MESI IL VIRUS SI TRASMETTE ATTRAVERSO LO SPERMA

EBOLA NIENTE SESSO PER 3 MESI IL VIRUS SI TRASMETTE ATTRAVERSO LO SPERMA

29 Novembre 2014 Ginevra, 28 nov. - Gli uomini che riescono a sopravvivere a ebola non debbono avere rapporti sessuali per almeno 3 mesi dopo la scomparsa dei sintomi o possono farlo solo usando rigorosamente il profilattico se non vogliono contagiare il partner. Lo ha sancito l'Organizzazione Mondiale della Sanita dopo aver accertato che il virus sopravvive per almeno 82 giorni nel liquido seminale che e' altamente contagioso. Lo stesso vale per rapporti orali o per la masturbazione in quanto il virus ebola si trasmette solo attraverso il contatto con i liquidi, come appunto lo sperma, a prescindere da come ci si entri in contatto. L'Oms ha infatti scoperto che su 43 pazienti maschi malati di ebola, tra i tre sopravvissuti al virus, in uno ebola era presente nel liquido seminale ancora 40 giorni dopo la fine dei sintomi, nel secondo dopo 61 e nel terzo dopo 82 giorni. . Leggi la notizia
PAPA FRANCESCO IN TURCHIA LUOGO DI PACE E DIALOGO CONTRO IL FANATISMO

PAPA FRANCESCO IN TURCHIA LUOGO DI PACE E DIALOGO CONTRO IL FANATISMO

28 Novembre 2014 Papa Francesco è in Turchia, dove è atterrato all'aeroporto di Ankara, per la visita apostolica di tre giorni nel paese musulmano, che si concluderà domenica. Al suo arrivo, Jorge Mario Bergoglio è stato accolto da un ministro delegato dal governo, da autorità civili e militari e dal nunzio apostolico, monsignor Antonio Lucibello. Prima tappa al mausoleo di Ataturk, dove ha deposto una corona di fiori e sostato in silenzio. Nella sala 'Tower of National Pact', il Papa ha poi firmato il Libro d’Oro, scrivendo: "Formulo i voti più sinceri perché la Turchia, ponte naturale tra due Continenti, sia non soltanto un crocevia di cammini, ma anche un luogo di incontro, di dialogo e di convivenza serena tra gli uomini e donne di buona volontà di ogni cultura, etnia e religione". Leggi la notizia
UCRAINA TORNANO A CASA I SOLDATI RUSSI VLADIMIR PUTIN ADESSO SARA' PACE

UCRAINA TORNANO A CASA I SOLDATI RUSSI VLADIMIR PUTIN ADESSO SARA' PACE

12 Ottobre 2014 Tornano a casa gli oltre 17mila soldati russi impegnati da quest’estate nella regione di Rostov, nel sud della Russia. Vladimir Putin ha ordinato il ritiro delle truppe russe dalla frontiera con l’Ucraina. Un segnale di incoraggiante distensione volutamente inviato dall’uomo forte della Russia alla vigilia di una settimana decisiva dal punto di vista diplomatico per stabilizzare il precario processo di pace nell’est ucraino dove ancora si continua a morire nonostante la tregua. L’annuncio arriva proprio mentre torna alla ribalta sulla scena internazionale un conflitto che in sei mesi ha mietuto più di 3.600 vite e ha causato la peggiore crisi tra Mosca e l’Occidente dopo la fine della Guerra Fredda. È previsto infatti a Milano questa settimana un incontro decisivo per il consolidamento del fragile processo di pace nell’est ucraino tra il leader del Cremlino e il presidente ucraino Petro Poroshenko, a margine del summit euroasiatico Asem in programma il 16-17 ottobre. Sarà il primo faccia a faccia tra i due leader dopo la firma Leggi la notizia
CORSERA NIGERIA APPELLO INTERNAZIONALE 230 RAGAZZE RAPITE DIVENTERANNO SCHIAVE DEL SESSO

CORSERA NIGERIA APPELLO INTERNAZIONALE 230 RAGAZZE RAPITE DIVENTERANNO SCHIAVE DEL SESSO

06 Maggio 2014 Washington, 6 mag. - Gli Stati Uniti hanno risposto alla richiesta d'aiuto del presidente nigeriano, Goodluck Jonathan, a Barack Obama per ritrovare le 230 ragazze rapite il 14 aprile ed ancora nelle mani degli integralisti islamici Boko Haram. Le ultime 8 sono state sequestrate oggi. Il segretario di Stato americano, John Kerry, ha annunciato in una telefonata a Jonathan che inviera' in Nigeria un team di esperti . Leggi la notizia
INDIA ORRORE STUPRATA STRANGOLA IL PADRE GLI ESTRAE PACEMAKER DAL CUORE

INDIA ORRORE STUPRATA STRANGOLA IL PADRE GLI ESTRAE PACEMAKER DAL CUORE

06 Maggio 2014 Una ragazza indiana di 23 anni, stanca delle ripetute violenze sessuali subite dal padre vedovo di 58 anni con cui conviveva, lo ha ucciso giorni fa a New Delhi con la complicità di due amici e, per essere sicura della sua morte, ha estratto con l'aiuto di un pezzo di vetro il pacemaker che il genitore portava nel petto. Lo riferiscono oggi i media nella capitale indiana. La polizia, intervenuta dopo aver rinvenuto un cadavere in un canale, ha indicato che "l'omicidio è avvenuto nella notte fra il 29 ed il 30 aprile scorsi". La sua dinamica è stata successivamente ricostruita grazie alla confessione della giovane, Kulvinder Kaur, che ha ammesso le sue responsabilità giustificandole con le violenze fisiche a cui era sottoposta dal padre da quando tre anni fa sua madre era morta. Dopo aver atteso che il genitore Daljeet Singh si addormentasse, la donna ha chiamato due amici che hanno portato una mazza da cricket con cui hanno colpito duramente l'uomo che è svenuto, strangolandolo subito dopo. Leggi la notizia
DEAD MAN WALKING OKLAHOMA CITY FALLITA ESECUZIONE LETALE CONDANNATO SI RISVEGLIA ZOMBIE E UCCIDE LE GUARDIE CARCERARIE

DEAD MAN WALKING OKLAHOMA CITY FALLITA ESECUZIONE LETALE CONDANNATO SI RISVEGLIA ZOMBIE E UCCIDE LE GUARDIE CARCERARIE

30 Aprile 2014 Oklahoma City, 30 apr. - Orrore in Oklahoma, dove erano previste due esecuzioni del penitenziario di McAlester. La seconda e' stata rinviata dopo che nella prima qualcosa e' andato storto e l'uomo giustiziato e' morto con una iniezione letale tra sofferenze atroci. Il primo detenuto giustiziato ha infatti ha cominciato a muoversi quando era gia' stato dichiarato privo di sensi dai medici, dopo che gli era stato iniettato l'anestetico. Una vena si e' rotta e, durante la somministrazione del primo dei due farmaci letali, le braccia e i piedi del detenuto, un uomo di colore di nome Clayton D.Lockett, hanno cominciato a muoversi, l'uomo quasi resuscitato livido in faccia gli occhi iniettati di sangue ha letteralmente sbranato e fatto a pezzi alcune guardie carcierarie,prima dell'intervento dei poliziotti che lo hanno freddato. Leggi la notizia
UCRAINA VENTI DI GUERRA PREMIER ARSENIY YATSENIUK INTERROMPE LA VISITA A ROMA

UCRAINA VENTI DI GUERRA PREMIER ARSENIY YATSENIUK INTERROMPE LA VISITA A ROMA

26 Aprile 2014 CdV, 26 apr. - Il premier ucraino, Arseniy Yatseniuk, interrompe la sua visita a Roma e non partecipera' alla canonizzazione di Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII. Lo ha riferito la sua portavoce, Olga Lappo, sottolineando che la decisione di lasciare in anticipo la capitale e' dettata dalla situazione nell'est del Paese. Yatseniuk ha incontrato il premier Matteo Renzi a Palazzo Chigi ed e' stato ricevuto in Vaticano da Papa Francesco. . Leggi la notizia
ELISEO FLIRT FRANCOIS HOLLANDE JULIE GAYET SESSO SFRENATO IN UN APPARTAMENTO DELLA MAFIA

ELISEO FLIRT FRANCOIS HOLLANDE JULIE GAYET SESSO SFRENATO IN UN APPARTAMENTO DELLA MAFIA

12 Gennaio 2014 Emergono intanto nuovi dettagli sul tradimento di Hollande. Secondo il sito Mediapart , nella casella postale dell’appartamento usato dal presidente per gli incontri appare il nome di Michel Ferracci, che en risulterebbe affittuario. Ovvero, un corso accusato di far parte della criminalità organizzata. Secondo la rivista dello «scoop», Closer, la Gayet occupa l’appartamento da oltre sei mesi. Leggi la notizia
PARIGI FRANCOIS HOLLANDE JULIE GAYET SESSO NELLA CASA DI UN GANGSTER

PARIGI FRANCOIS HOLLANDE JULIE GAYET SESSO NELLA CASA DI UN GANGSTER

12 Gennaio 2014 Nuove rivelazioni si aggiungono a quelle sulla presunta relazione tra Francois Hollande e Julie Gayet. Secondo Le Point e Mediapart infatti l'appartamento di rue du Cirque in cui sarebbero avvenuti gli incontri segreti tra il presidente e l'attrice sarebbe a nome di Michel Ferracci, sospettato di essere legato al banditismo corso e noto alla polizia giudiziaria perché condannato a 18 mesi di carcere con la condizionale nel quadro del caso del circolo di gioco Wagram, una vasta impresa di riciclaggio di denaro. Questo prima della sua riconversione alla recitazione. Il nome di Michel Ferracci appare sulla cassetta delle lettere e sull'elenco delle pagine bianche ma ormai l'apprtamento sarebbe residenza della ex moglie e dei figli di Ferracci. La donna lo avrebbe prestato alla Gayet. Il legale di Ferracci ha precisato che il suo assistito non dispone di quell'alloggio né vi abita, si legge sulla stampa francese. Leggi la notizia
GERMANIA ELEZIONI ANGELA MERKEL STRAVINCE MAGGIORANZA ASSOLUTA

GERMANIA ELEZIONI ANGELA MERKEL STRAVINCE MAGGIORANZA ASSOLUTA

22 Settembre 2013 Si sono chiuse in Germania le urne per le elezioni politiche 2013. La Cdu-Csu della Cancelliera Angela Merkel ha ottenuto il 41,9%, mentre il partito socialdemocratico (Spd) dello sfidante Peer Steinbrueck ha ottenuto il 25,7%. Il partito dei Verdi è all'8,4% e la sinistra della Linke è intorno all'8,5%. MAGGIORANZA ASSOLUTA VICINA - Questo porta la Cdu a un passo dalla maggioranza assoluta, visto che le esclusioni contemporanee dal Bundestag di Fdp (liberali) e degli euroscettici di Alternative fuer Duetschland portano a una diversa ripartizione dei seggi. Secondo le proiezioni della rete tedesca Zdf la Cdu/Csu potrebbe raggiungere 302 seggi su 606, a un passo dalla maggioranza assoluta. Leggi la notizia
CORSERA ESTERI PIOGGIA ASSASSINA IL COLORADO SOMMERSO DALLE ACQUE MORTI E FERITI

CORSERA ESTERI PIOGGIA ASSASSINA IL COLORADO SOMMERSO DALLE ACQUE MORTI E FERITI

15 Settembre 2013 Più di 500 persone risultano disperse oggi in Colorado a causa delle inondazioni dovute alle forti piogge che hanno colpito lo Stato americano e che hanno provocato finora cinque morti. Lo riferiscono le autorità locali le quali, comunque, fanno presente che tra i dispersi risultano anche persone che non sono ancora riuscite a contattare i familiari. Secondo quanto riferisce la Cnn online, anche oggi rimane l'allerta in quanto sono previste piogge che potrebbero provocare ulteriori inondazioni: nel pomeriggio, infatti, sono previsti 10 cm. di pioggia e si teme per l'innalzamento dei fiumi. E già si contano i danni. Nella sola contea di Boulder saranno necessari 150 milioni di dollari per riparare le strade e i ponti danneggiati dalle violente piogge. Il presidente Usa, Barack Obama, ha già firmato il documento per lo stato di emergenza, stanziando ulteriori fondi per aiutare il Colorado. Leggi la notizia
ALLUVIONE COLORADO BURNING LA PIOGGIA ASSASSINA FLAGELLA IL PAESE

ALLUVIONE COLORADO BURNING LA PIOGGIA ASSASSINA FLAGELLA IL PAESE

15 Settembre 2013 Colorado flagellata dalle alluvioni, bilancio si aggrava a 5 vittime - Colpita particolarmente Boulder con strade diventati fiumi, case e auto sott'acqua, 3 le vittime. Altre due vittime sono state trovate a Fountain Creek e a Larimer Country; almeno 500 ancora i dispersi. Le operazioni di soccorso lavorano a pieno regime ma vengono rese difficoltose a casua delle numerose frane e strade interrotte sulle montagne. Proprio le montagne hanno esaltato il maltempo per continuo accumulo di correnti molto umide provenienti dal Golfo del Messico, richamate da una bassa pressione sul Nevada, con piogge in quantitativi notevoli, fino ad oltre 400mm. Circa 2500 persone sono state tratte in salvo dalla furia di acqua e fango, secondo la Guardia Nazionale, mentre 1400 persone sono state evacuate da Big Elk Meadows e Pinewood Springs. Ma c'è ancora un numero imprecisato di civili che ha bisogno di essere evacuata nelle aree di Rist Canyon, Poudre Canyon e Big Thompson Canyon. Dichiarato lo stato di emergenza dal presidente Obama, con invio di aiuti federali. Leggi la notizia